Gino’s Fired Up Kitchen riaprirà presto, con patio (7 foto)

Sul sito dell’ex Gino’s Family Restaurant, i nuovi proprietari si specializzeranno nella pizza cotta a legna dopo aver completato una “ristrutturazione da un milione di dollari”

Eric McLean del Sault è pieno di anticipazione al suo Gino’s Fired Up Kitchen che riaprirà presto.

Dopo aver acquistato l’anno scorso da Rick e Gino Coccimiglio il famoso ristorante Gino’s Family Restaurant sulla Great Northern Road, McLean – insieme ai comproprietari Craig e Damon Burgess – ha trasformato il ristorante e ha supervisionato importanti lavori di ristrutturazione e aggiunta al sito, che è chiaramente visibile mentre si . percorribile in auto.

“Quando avremo finito, sarà un rinnovamento da un milione di dollari”, ha detto McLean a SooToday.

“Stiamo costruendo un ristorante con un’atmosfera allegra e divertente che includerà la pizza cotta nel forno a legna.”

La pizza cotta a legna – cotta in un forno di mattoni – cuoce la pizza a una temperatura più alta e in un tempo più breve rispetto alla pizza normale.

“Pizza ma davvero diversa. Utilizzando il processo di cottura a legna, il gusto è nuovo e fresco. Questo sarà da due a tre minuti di tempo di cottura, più veloce, con crosta sottile e opzioni di crosta regolari. Ci saranno opzioni senza glutine e vegane”, ha affermato McLean.

McLean ha portato Chuck Gassi – una figura di spicco nella scena del ristorante Sault per anni – come direttore generale di Gino’s Fired Up Kitchen.

“Siamo davvero impegnati a portare in tavola molti ottimi condimenti, come prosciutto, capicola, salsiccia fatta in casa, rucola, banana pepe, uovo rotto, patate alle erbe toscane – la lista dei formaggi continua e anche le salse. Il sapore le combinazioni saranno illimitate”, afferma McLean.

“Ci specializzeremo in pizze di dimensioni personali da 11 pollici. Vogliamo davvero incoraggiare gli ospiti a creare la propria avventura, scegliere il proprio sapore e vivere la propria esperienza”.

“Faremo anche tutta la pasta fresca internamente, quindi Chuck porterà molte grandi abilità e ricette”.

A McLean piace la posizione del ristorante su Great Northern Road.

“Siamo stati uno dei primi ristoranti a venire in città. Uscendo dalla città, va al campo da golf, alla pista da sci, alla pesca e al campeggio.

McLean era entusiasta del nuovo patio del ristorante attualmente in costruzione sul lato ovest dell’edificio e di fronte all’autostrada.

Il “patio interno” è completamente coperto e coperto, i commensali possono guardare fuori dalle finestre mentre si godono cibi e bevande.

“Stiamo costruendo quello che spero sarà uno dei cortili più belli della città”, ha detto McLean.

“Ha un tetto sopraelevato in legno di abete Douglas. Vogliamo fare alcuni eventi invernali speciali con un patio coperto. Una volta alzate le finestre di vetro, non possiamo raggiungere la neve. Vogliamo davvero prolungare la vita della stagione del patio Abbiamo riscaldatori lì per farti mangiare all’aperto più avanti nella stagione, ma quello che fa davvero per te è permetterti di goderti i pasti all’aperto per tutta l’estate, con la pioggia o con il sole.

“Sarà un grande patio. Abbiamo comprato dei bei mobili per questo. Stiamo costruendo un bar a servizio completo nel patio in modo che possiate prendere cocktail e drink, il barista sarà lì a preparare i drink per voi. Vogliamo estendere l’atmosfera dall’interno del ristorante all’esterno. Vogliamo davvero che sia un’estensione del ristorante piuttosto che un ripensamento”.

L’arredamento include legno, metallo, mattoni e murales.

“Sarà un tema divertente con decorazioni semplici.”

McLean ha detto che il brusio nella comunità è cresciuto man mano che le persone vedono la nuova segnaletica del ristorante e la costruzione del patio.

I nuovi proprietari stanno pensando di portare musica dal vivo nel patio alcune sere della settimana.

“Vogliamo soddisfare tutti, tutte le età. Avremo un ottimo programma alimentare per bambini, un programma di cocktail bar. Vogliamo davvero concentrarci sul divertimento”.

McLean ha affermato che Gino’s Fired Up Kitchen impiegherà tra le 50 e le 60 persone.

Sarà disponibile l’asporto e la consegna a domicilio.

Saranno vendute anche pasta e pizza surgelate.

“In questo modo, puoi goderti il ​​sapore della legna a casa”, afferma McLean.

I lavori di ristrutturazione dell’edificio sono iniziati la scorsa estate, chiudendo il ristorante per lavori più intensivi e aggiungendo un patio dopo Natale.

Mentre la cascata è uno spettacolo familiare al vecchio Gino’s Family Restaurant, McLean ha detto: “Penso che la cosa più importante sia che quando varchi le porte vedrai il forno a legna per la pizza di fronte a te. È lì che andranno i tuoi clienti occhi, per vedere le persone che preparano una pizza fantastica proprio davanti a te usando la tecnica del fuoco a legna.

McLean ha detto che Gino’s Fired Up Kitchen continuerà il menu della colazione del Gino’s Family Restaurant con pasta e polpette fatte in loco, hamburger, ali di pollo, panini, costolette, pollo, vitello e panzerotti con la pizza cotta a legna come attrazione principale.

McLean ha affermato di apprezzare il team del ristorante e gli abili commercianti locali coinvolti nei lavori di ristrutturazione del ristorante e nell’aggiunta del patio.

McLean ha detto che per loro si terrà un evento “Amici e famiglia” prima che il ristorante riapra ufficialmente al pubblico, oltre a un incontro speciale per un ente di beneficenza locale ancora da definire.

McLean gestisce anche una sede di Qdoba Mexican Eats su Great Northern Road, ma è chiaramente entusiasta di essere comproprietario di un ristorante di proprietà locale sotto forma di Gino’s Fired Up Kitchen.

“È una grande esperienza far parte della comunità, lavorare con la popolazione locale per costruire qualcosa che la gente del posto adorerà”.

McLean spera di aprire Gino’s Fired Up Kitchen da metà a fine febbraio.

“Sta accadendo molto velocemente”, ha detto.

“È tutto nel menu. La nostra intenzione è di aprire, avere i nostri prodotti principali e continuare a portare cose creative nel menu”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *