Lo shopping natalizio online raggiunge un nuovo record, afferma Adobe

I consumatori hanno speso online la cifra record di 211,7 miliardi di dollari dal 19 novembre. Dall’1 al 31 dicembre – un aumento del 3,5% su base annua – anche se le persone sono tornate nei negozi fisici, secondo i dati di Adobe Analytics.

Un solo giorno ha superato i 3 miliardi di dollari di spesa per l’e-commerce in 38 occasioni durante le festività natalizie del 2022. Solo 25 giorni hanno superato i 3 miliardi di dollari di vendite digitali durante la stagione 2021.

Adobe ha riferito in precedenza che lo shopping online durante Cyber ​​​​​​5, il periodo dal Ringraziamento al Cyber ​​​​Monday, è cresciuto del 4% su base annua a $ 35,27 miliardi.

Gli sconti attirano gli acquirenti online

Nelle principali categorie di e-commerce, gli sconti hanno raggiunto livelli record durante le festività natalizie. Gli sconti sui giocattoli sono saliti al 34% rispetto al prezzo di listino (rispetto al 19% nel 2021), così come l’elettronica al 25% (rispetto all’8%), secondo una dichiarazione di Adobe Inc. Gli sconti sono forti anche in altre categorie, tra cui:

  • Computer al 20% (rispetto al 10%)
  • Abbigliamento al 19% (rispetto al 13%)
  • Televisori al 17% (contro l’11%)
  • Elettrodomestici al 16% (rispetto al 4%)
  • Articoli sportivi al 10% (rispetto al 6%)
  • Mobili all’8% (contro il 2%)

“In un momento in cui i consumatori hanno a che fare con prezzi elevati in aree come cibo, gas e affitto, gli sconti per le vacanze sono abbastanza forti da sostenere la spesa discrezionale per tutta la stagione”, ha affermato Vivek Pandya., analista capo di Adobe Digital Insights, in uno scritto dichiarazione. “I grandi affari hanno attratto gli acquirenti e aumentato il volume, aiutando i rivenditori alle prese con problemi di eccesso di offerta, specialmente in categorie come abbigliamento, elettronica e giocattoli”.

L’impatto dell’inflazione sull’e-commerce

La forte spesa dei consumatori online è guidata da una nuova domanda netta e non solo da prezzi più elevati. L’Adobe Digital Price Index (DPI), che tiene traccia dei prezzi dell’e-commerce in 18 categorie, mostra che i prezzi online sono diminuiti di anno in anno da settembre 2022. I numeri di Adobe non sono corretti per l’inflazione, ma se si tiene conto dell’inflazione online, ci sarà ancora crescita della domanda sottostante dei consumatori.

I giocattoli hanno trainato le vendite natalizie online

Le vendite online di giocattoli sono aumentate del 206% rispetto ai livelli pre-stagionali nell’ottobre 2022. I giocattoli più venduti durante le festività natalizie includono Lego, Hot Wheels, Paw Patrol, LOL Surprise, Squishmallows, Bluey e Cocomelon.

Altre categorie con forti aumenti delle vendite online durante le festività natalizie includono videogiochi (+115%) e abbigliamento/accessori (+94%).

Sottocategorie che hanno visto una forte domanda nello shopping natalizio online:

  • Orologi (+108%)
  • Giocattoli per bambini (fino al 101%)
  • Buoni regalo (fino al 98%)
  • Cosmetici (fino al 90%)
  • Griglie all’aperto (fino all’86%)
  • Altoparlanti (fino al 76%)
  • Prodotti per la casa intelligente (fino al 67%)

Ulteriori approfondimenti

  • Acquisti da cellulare: Durante le festività natalizie, il 47% delle vendite online è avvenuto tramite smartphone (rispetto al 43% nel 2021). Il giorno di Natale (25 dicembre) ha stabilito un nuovo record sui dispositivi mobili, portando la maggior parte delle vendite online al 61% (rispetto al 58%).
  • Acquista ora, paga dopo (BNPL): Complessivamente, gli ordini BNPL sono aumentati del 4% rispetto al 2021. Tuttavia, le entrate sono diminuite del 2%, indicando che i consumatori utilizzano sempre più BNPL per carrelli della spesa più piccoli.
  • Ritiro dal marciapiede: Il metodo di evasione degli ordini ha utilizzato il 21% degli ordini online durante le festività natalizie (per i rivenditori che offrono il servizio), in leggero calo rispetto al 23% dell’anno scorso. Dal 22 al 23 dicembre (poco prima della vigilia di Natale), il ritiro all’esterno ha rappresentato il 42% degli ordini online, con acquirenti entusiasti che hanno utilizzato il servizio per ricevere i regali in tempo.
  • Canali di marketing: La ricerca a pagamento è rimasta il principale motore di vendita per i rivenditori durante le festività natalizie (29% delle vendite online attribuibili a quel canale). Anche le visite web dirette (19%), la ricerca organica (17%), gli affiliati/partner (16%) e la posta elettronica (15%) hanno contribuito in modo determinante. I ricavi direttamente attribuibili ai social media sono rimasti inferiori al 3% delle vendite totali in questa stagione, ma tale quota è cresciuta del 24% su base annua.

Procedura

L’analisi di Adobe copre più di 1 trilione di visite a siti Web di vendita al dettaglio negli Stati Uniti, 100 milioni di SKU e 18 categorie di prodotti. Adobe Analytics fa parte di Adobe Experience Cloud, utilizzato da oltre l’85% dei primi 100 rivenditori Internet statunitensi elencati nel Digital Commerce 360 ​​​​Top 500 Report.

Iscrizione

Rimani aggiornato con gli ultimi sviluppi nel settore dell’e-commerce. Iscriviti per un abbonamento gratuito a Digital Commerce 360 ​​​​Retail News.

Seguici su Linkedin, Cinguettio e Facebook. Sii il primo a sapere quando Digital Commerce 360 ​​​​pubblica contenuti di notizie.

preferito

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *