Abbiamo bisogno di tablet Chrome OS con i migliori chip di MediaTek all’interno

Se leggi regolarmente i nostri post, potresti ricordare che proprio ieri ho scritto sul fatto che un Chromebook con una buona tastiera e trackpad annulla in gran parte la necessità di un touchscreen rispetto a un Chromebook solo a conchiglia. Tuttavia, qui sto sostenendo ovviamente tablet migliori e più veloci bisognoso uno schermo tattile. Cosa dà? Unisciti a me e continua a leggere per scoprire perché un MediaTek Kompanio di fascia alta sarebbe un sogno nel giusto Chromebook staccabile.

In difesa dei touchscreen

Affrontiamo l’elefantino nella stanza, d’accordo? Se leggi quel post di ieri, noterai che sto solo descrivendo l’esperienza del Chromebook desktop a conchiglia. Questo è molto importante da notare perché l’esperienza del Chromebook a conchiglia è molto diversa da un convertibile o staccabile. ChromeOS ha un’intera interfaccia utente dedicata alle modalità non tastiera ed è migliorata silenziosamente nell’ultimo anno. Quella modalità non è utilizzabile su un dispositivo a conchiglia e quando non ci troviamo in un’interfaccia utente pesante, continuo a sostenere che un buon trackpad costituisce la maggior parte di quell’esperienza.

Tuttavia, quando iniziamo a guardare ai dispositivi convertibili e rimovibili, la mia posizione su questo argomento cambia completamente. I touch panel eccezionali sono assolutamente necessari quando un dispositivo lo richiede e molti straordinari Chromebook sfruttano appieno le loro capacità di input tattile. La mia mente va direttamente agli stellari Lenovo Duet 3 e Duet 5 come esempi di Chromebook in cui l’input tattile è al 100% in primo piano. E questo è il fattore di forma di cui voglio parlare oggi.

Dove sono tutte le compresse?

Per una piccola finestra, ho pensato che quasi tutti farebbero con un tablet Chromebook. Dopo il successo dell’originale Lenovo Chromebook Duet, sembra che tutti siano pronti a gettare il cappello sul ring. Abbiamo il piuttosto buono HP Chromebook X2 11 (lo Snapdragon 7c di prima generazione lo conteneva), il Lenovo Duet 5, il Lenovo Duet 3 e alcuni altri dispositivi che sembrano pronti per il lancio. E poi si è appena prosciugato.

A meno che non sia cambiato qualcosa nei repository di Chromium che rende più difficile vedere i dispositivi rimovibili in fase di sviluppo, sono triste nel riferire che Non ho gli occhi su un nuovo tablet con ChromeOS mentre ci dirigiamo verso il 2023. Non uno. E questo fa un po’ male.

Ammettiamolo: i Chromebook convertibili in genere non sono abbastanza buoni come tablet. Ma i tablet ben ponderati sono certamente sufficienti per una tipica esperienza Chromebook. Dai un’occhiata al Lenovo Duet 5 e al modo in cui il Chromebook si comporta bene sia come tablet di grandi dimensioni che come Chromebook pronto per il giro con una tastiera collegata. Con un display da 13,3 pollici più grande del normale, questo tablet ha finalmente fornito una combinazione cavalletto / tastiera ovunque che non ho avuto problemi a utilizzare ovunque ne avessi bisogno. Ma c’è una cosa che trattiene dispositivi come il Duet 5: il processore.

È il momento di un tablet Chromebook MediaTek di fascia alta

Mentre lo Snapdragon 7c Gen 2 nel Duet 5 va bene per un lavoro meno intenso, fatica un po’ sotto carico e non riesce a tenere il passo con i Chromebook basati su Intel quando si tratta di prestazioni grezze. ma sai cosa? C’è un chip ARM là fuori realizzato appositamente per i Chromebook che ha la potenza che tutti desideriamo in un tablet di grandi dimensioni, ma conserva ancora la durata della batteria, il fattore di forma sottile e le funzionalità delle app Android che amiamo dei Chromebook. powered by ARM.

E quel chip è il MediaTek Kompanio 1380. C’è anche il Kompanio 1200, recentemente annunciato, che accoglierei in un tablet sottile e leggero. Entrambi questi SoC portano sul tavolo il meglio della potenza di elaborazione focalizzata sui Chromebook di MediaTek e lo fanno in un modo incredibile in un tablet.

Pensaci per un secondo. Puoi avere prestazioni senza compromessi, ottime funzionalità delle app Android, un’incredibile durata della batteria, uno chassis leggero e sottile e aspettarti comunque che il prezzo rimanga entro limiti ragionevoli. Tutto da un tablet staccabile che sarà abbastanza veloce da darci finalmente un’esperienza di interfaccia utente del tablet ChromeOS fluida e allo stesso tempo non piegarsi sotto il peso del lavoro reale.

In una parola, sarà incredibile. Per qualche ragione – almeno al momento – purtroppo non sembra esserci un percorso chiaro verso questa realtà. Non sono sicuro del perché, ma è da un po’ che non vediamo un produttore fare un vero salto con un tablet ChromeOS. Google ha notoriamente provato e fallito con Pixel Slate, ma quello è stato un momento strano nella storia del Chromebook. È ora che qualcun altro ci riprovi.

Quando abbiamo esaminato per la prima volta l’HP x2 11, ho pensato che HP ce l’avesse fatta. E, per essere onesti, in realtà hanno la maggior parte degli aspetti di un buon tablet Chromebook portatile a parte il processore. Forse possono tornare indietro e provare un’altra versione con un chip MediaTek Kompanio questa volta. E se lo facessero, sarebbe bello se aumentassero un po’ le dimensioni dello schermo per fare in modo che il loro primo Chromebook staccabile corrisponda al Pixelbook nelle sue dimensioni complessive.

Ma l’azienda che sto davvero aspettando è Lenovo. Hanno già una relazione esistente con MediaTek (il Duet originale era un SoC Kompanio 500) e senza dubbio producono i migliori tablet ChromeOS in circolazione. Sono passati 15 mesi da quando hanno lanciato il Duet 5 e sarebbe fantastico vedere una seconda versione dello stesso dispositivo fare ciò che il nuovo Duet 3 ha fatto per il Duet originale.

Mentre il Duet originale era fantastico, il Duet 3 è un aggiornamento sotto ogni aspetto e mi piacerebbe vedere quel trattamento per il Duet 5. Se sto sognando, Mi piacerebbe vedere uno schermo OLED da 13 pollici simile in un formato 16:10. Aggiungi un piccolo miglioramento alla tastiera/trackpad e aggiorna l’interno al Kompanio 1200 o 1380 e hai un dispositivo che è bravo in molte cose.

Per ora, tuttavia, questo tipo di futuro è poco chiaro e indeterminato. Sappiamo che ci sono alcuni dispositivi davvero fantastici all’orizzonte (rimani sintonizzato per quelli), ma allontanarsi dal fattore di forma del tablet nel mercato ChromeOS sembra strano. Sebbene i dispositivi rimovibili non siano la soluzione migliore per tutti, rendono i Chromebook versatili e interessanti e spero davvero che i produttori non si siedano troppo in disparte. L’iPad potrebbe sempre possedere il mercato complessivo dei tablet, ma un buon e potente Chromebook staccabile può scuoterlo un po’ e tutti i pezzi sono lì per realizzarlo. Speriamo che accada un giorno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *