Il clima selvaggio portato dal ruggente Pacifico, dalla natura e dal riscaldamento

L’infermiera Katie Leonard usa un kayak per portare provviste a Patsy Costello, 88 anni, mentre è rimasta intrappolata nella sua macchina per più di un’ora su Astrid Drive a Pleasant Hill, in California, sabato 31 dicembre 2022. Costello ha guidato la sua macchina lungo la strada allagata pensando di farcela quando è rimasto bloccato in mezzo metro d’acqua. Dopo due ore, l’acqua era profonda circa un piede per rendere più facile salvarlo. La polizia è stata chiamata ma è rimasta a guardare dopo aver chiamato un carro attrezzi per aiutare a tirare fuori l’auto dall’acqua. L’infermiera Katie Leonard, di Pleasant Hill, vive nell’isolato e ha usato il suo kayak per portare a Costello tè caldo, coperte, cibo e un telefono per chiamare un amico. Credito: Jose Carlos Fajardo/Bay Area News Group tramite AP

In un mondo che si sta abituando a condizioni meteorologiche estreme, il 2023 sta iniziando a essere più turbolento che mai e i meteorologi affermano che sarà una stagione naturalmente insolita con un piccolo aiuto dal cambiamento climatico causato dall’uomo.

Gran parte di ciò che sta causando i problemi del mondo proviene dal ribollente Oceano Pacifico, trasportato dalla turbolenta corrente a getto, dicono gli esperti.

Anche un’autostrada nell’arida California sembra un fiume a causa delle forti piogge del cosiddetto fiume atmosferico di umidità. Il nuovo anno ha portato un clima in maniche di camicia negli Stati Uniti orientali e ha registrato temperature elevate in Europa, poiché mercoledì l’emisfero settentrionale è stato di oltre 2,6 gradi (1,4 gradi Celsius) più caldo rispetto alla media della fine del XX secolo. E questo dopo che l’aria fredda dell’Artico è sfuggita per creare un pasticcio natalizio per gran parte degli Stati Uniti.

“Tutti gli ingredienti sono a posto per due settimane di tempo selvaggio, specialmente negli Stati Uniti occidentali”, ha detto in una e-mail il meteorologo privato Ryan Maue.

Maue ha detto che il grande driver è una La Nina di tre anni, un naturale raffreddamento temporaneo dell’Oceano Pacifico equatoriale che cambia i modelli meteorologici globali, che semplicemente non si fermerà. Questo crea letteralmente onde nei sistemi meteorologici che scorrono in tutto il mondo. E in alcune parti delle onde ci sono tempeste in cui la pressione atmosferica scende bassa e velocemente, chiamate tempeste di bombe, che sono piuttosto umide, e viaggiano in onde atmosferiche che trasportano il tempo chiamato corrente a getto.

Il clima selvaggio portato dal ruggente Pacifico, dalla natura e dal riscaldamento

I veicoli percorrono un tratto allagato di Harrison Road a Salinas, California, sabato 31 dicembre 2022. Crediti: AP Photo/Nic Coury

La corrente a getto di oggi è insolitamente ondulata, ha affermato Jennifer Francis, scienziata del clima di Maue e del Woodwell Climate Research Center. Le tempeste affondano nelle calde regioni subtropicali “e creano un nastro trasportatore di umidità per mitragliare la costa occidentale degli Stati Uniti”, ha detto Maue.

“Descriverei la corrente a getto e il ciclone bomba come un treno merci del Pacifico in fuga pieno di umidità”, ha detto Maue, ex capo scienziato della National Oceanic and Atmospheric Administration nell’amministrazione Trump. “Il cambiamento climatico aggiunge più carburante al motore”.

Più di 5 pollici di pioggia sono caduti sabato nell’area di Sacramento e la California si è preparata a tempeste ancora più grandi mercoledì e giovedì. Mercoledì il manto nevoso è stato il terzo più alto degli ultimi 40 anni, oltre il 170% del normale.

Oltre a La Nina, un evento meteorologico temporaneo naturale unico chiamato Madden-Julian Oscillation sta alimentando tempeste nel Pacifico occidentale, ha detto Maue.

Il clima selvaggio portato dal ruggente Pacifico, dalla natura e dal riscaldamento

Le persone prendono parte a una nuotata di Capodanno a Barry Island, nel Galles, domenica 12 gennaio 2020. 1, 2023. Crediti: Ben Birchall/PA tramite AP

Francis ha indicato una “goccia” di acqua di mare calda nelle Isole Aleutine, un fenomeno che si verifica più spesso, e un Artico “caldo pazzesco” – mercoledì era di 5,8 gradi (3,2 gradi Celsius) più caldo della media nel 1979-2000 – come parte di ciò che sta stimolando il Pacifico.

E in una corrente a getto più ondulata del normale, tutti i tipi di estremi vanno su e giù e intorno al pianeta, ha detto Francis.

“Puoi pensarla come una corda per saltare. Quando inizi a farla scorrere a un’estremità, quell’increspatura alla fine attraversa l’intera corda per saltare”, ha detto Francis mercoledì. “E così può darsi che l’onda in quanto tale, che è forse spinta nel Pacifico, possa essere accentuata anche in Europa”.

Una stazione meteorologica a Delemont, in Svizzera, al confine con la Francia, ha battuto il record di gennaio con una temperatura media giornaliera di 18,1 gradi Celsius (circa 65 Fahrenheit) il primo giorno dell’anno. A Bucarest, in Romania, martedì ha battuto il record di gennaio di 17,2 gradi Celsius (63 gradi Fahrenheit) ed era di 17,9 gradi Celsius (64,2 Fahrenheit) nella Repubblica russa del Daghestan, secondo il tracker meteorologico estremo Maximiliano Herrera.

Il clima selvaggio portato dal ruggente Pacifico, dalla natura e dal riscaldamento

200 ciclisti, alcuni in costume, pedalano lungo le piste da sci all’inizio della 33a edizione del ‘GP St-Sylvestre’, una gara di mountain bike sulla neve di Capodanno, nella località alpina di Villars-sur-Ollon, in Svizzera, sabato, 31 dicembre 2022. Crediti: Laurent Gillieron/Keystone via AP

Il servizio meteorologico svizzero MeteoSuisse ha scherzato sul suo blog: “…questa svolta del nuovo anno potrebbe quasi farti dimenticare che è il culmine dell’inverno”.

Questo clima estremo ha un “lato positivo”, in particolare con il caldo record in Europa a gennaio che ha alleviato gli scricchiolii del combustibile per il riscaldamento invernale causati dall’invasione russa dell’Ucraina, ha detto il meteorologo del Colorado Bob Henson di Yale Climate Connections. E la California, dove una mega siccità di oltre 20 anni ha esacerbato gli incendi, sta ricevendo pioggia e neve tanto necessarie, molte, in realtà.

Strade e argini in California sono stati ripuliti all’inizio della settimana. Le scuole sono state chiuse mercoledì nell’area di San Francisco poiché sono stati distribuiti più di 8.000 sacchi di sabbia in previsione di inondazioni diffuse. I voli sono cancellati.

“Le precipitazioni eccessive nei suoli saturi comporteranno il rapido aumento di torrenti, torrenti e fiumi, nonché inondazioni nelle aree urbane”, hanno affermato i meteorologi in un rapporto.

Il clima selvaggio portato dal ruggente Pacifico, dalla natura e dal riscaldamento

Un relitto di tre veicoli su Dillard Road a ovest dell’autostrada 99 nel sud della contea di Sacramento a Wilton, in California, domenica 14 gennaio 2020. 1, 2023, dopo che le forti piogge di Capodanno hanno causato la rottura degli argini. Il sistema di sabato sarà più caldo e più umido, mentre le tempeste di questa settimana saranno più fresche, ha affermato Hannah Chandler-Cooley, meteorologa del National Weather Service di Sacramento. La regione di Sacramento potrebbe ricevere un totale di 4-5 pollici (da 10 a 13 centimetri) di pioggia durante la settimana, ha detto Chandler-Cooley. Crediti: Hector Amezcua/The Sacramento Bee via AP

Oltre al notevole record di calore in Europa, “che è un altro esempio della manifestazione del cambiamento climatico indotto dall’uomo”, il professore di meteorologia della Northern Illinois University Victor Gensini ha detto di non aver visto nulla di insolito.

Il tempo è naturalmente estremo “quindi i recenti eventi che stiamo vedendo potrebbero accadere naturalmente”, ha detto oggi il co-fondatore di Weather Underground Jeff Masters a Yale Climate Connections. “Ma con l’interruzione dei modelli meteorologici globali che il cambiamento climatico porta con sé la possibilità di vedere eventi meteorologici insoliti in un dato momento”.

© 2023 L’Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riprodotto o distribuito senza autorizzazione.

Citazione: Tempo selvaggio guidato dal rumore, dalla natura e dal riscaldamento del Pacifico (2023, 4 gennaio) recuperato il 4 gennaio 2023 da https://phys.org/news/2023-01-wild-weather-driven-rolling-pacific.html

Questo documento è soggetto a copyright. Fatta eccezione per qualsiasi fair dealing a scopo di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *