Una tempesta in arrivo minaccia di provocare il caos in tutta la Bay Area

La previsione di un sistema di tempeste punitive diretto mercoledì alla Bay Area non è più un avvertimento, ma ora un presagio di inondazioni, frane e possibili interruzioni di corrente a cui i residenti dovrebbero prepararsi e prepararsi, hanno detto i meteorologi e l’autorità.

In tutta la regione, la prospettiva di chiusure stradali diffuse e altre interruzioni sono considerate certezze piuttosto che possibilità dai funzionari dell’emergenza, poiché un sistema di bassa pressione “in rapido approfondimento” proveniente dalle Hawaii è arrivato nella seconda metà di mercoledì, accompagnato da caldo caldo. fronte che porterà a pioggia costante, secondo il National Weather Service.

L’azione di apertura arriverà mercoledì mattina presto sotto forma di forti venti provenienti da sud a velocità comprese tra 30 e 40 mph, raggiungendo fino a 60 mph a quote più elevate. Di conseguenza, la Bay Area sarà soggetta a un avviso di forte vento fino alle 10 di giovedì, accompagnato da una sorveglianza su gran parte della regione per lo stesso lasso di tempo.

“Questa è una delle tempeste più ventose, se non la più ventosa che abbiamo visto” in questa stagione, ha detto Brian Canepa, meteorologo della stazione della San Francisco Bay Area del National Weather Service a Monterey.

In un bollettino pubblicato martedì, il servizio meteorologico ha affermato: “Gli impatti includono inondazioni diffuse, smottamenti stradali, frane, alberi abbattuti, interruzioni di corrente diffuse, interruzioni immediate del commercio e, peggio ancora, probabile perdita di vite umane. … È davvero un sistema brutale quello che stiamo esaminando e deve essere preso sul serio.

Il distretto idrico della Santa Clara Valley e dozzine di governi locali in tutta la regione hanno organizzato siti di sacchi di sabbia per i residenti locali per circondare le loro case in tempo per gli allarmi di inondazione diffusi.

Mercoledì è prevista una leggera pioggia nella regione, principalmente nelle montagne di North Bay e Santa Cruz, prima che il fronte caldo sia seguito da una fascia frontale fresca.

“La differenza di temperatura aumenterà la possibilità di pioggia”, ha detto Canepa, aggiungendo che i modelli di previsione prevedono “sei ore di pioggia continua tra mercoledì e giovedì”.

Le previsioni mostrano che entro mercoledì San Jose potrebbe ricevere fino a due pollici di pioggia, un segno che potrebbe essere eguagliato da Oakland. Le previsioni a San Francisco sono più o meno le stesse, con tra uno e due pollici di pioggia previsti; I funzionari della città hanno sottolineato in una e-mail che la città avrebbe ricevuto meno di un pollice di pioggia durante la tempesta di Capodanno, ma le loro precipitazioni sono state di circa 5,5 pollici da quella tempesta.

Nel vuoto, il sistema temporalesco non produrrà gli avvisi di evacuazione e le previsioni di spicco trasmesse dai funzionari di emergenza e civici. Ma la regione è stata inzuppata da una serie di fiumi atmosferici dalla scorsa settimana, lasciando il terreno saturo incapace di assorbire la pioggia in arrivo. Quell’acqua in eccesso diventerà deflusso, rigonfiando torrenti e fiumi e accumulandosi in aree basse e pianeggianti.

“Se sei stato colpito dalla tempesta di Capodanno, cioè se la tua proprietà è stata allagata, ci sono buone probabilità che gli stessi torrenti e torrenti che hanno risposto l’ultima volta rispondano anche questa volta”, ha detto il meteorologo della NWS Ryan Walbrun.

Quell’acqua in aumento, abbinata ad alberi radicati in un terreno scivoloso che li fa cadere più facilmente, minaccia di compromettere l’asfalto stradale e tagliare le strade, in particolare nelle zone montuose. L’autostrada 1 vicino a Big Sur doveva essere chiusa mercoledì a seguito di molteplici frane tra Ragged Point e Deetjen’s Inn durante la tempesta della scorsa settimana, secondo Caltrans.

“Uscire sui sentieri non è raccomandato a meno che non sia necessario, per i prossimi due giorni”, ha detto Canepa.

Martedì pomeriggio, sulla spiaggia di fronte alla mecca turistica Capitola Village, appena sopra la costa di Santa Cruz, i lavoratori hanno utilizzato pesanti bulldozer per costruire una banchina di sabbia alta 5 piedi di fronte a una diga di 3 piedi che protegge il distretto commerciale, che è vicino al livello del mare.

Un’ondata prevista di 20 piedi e un’alta marea di 6 piedi combinati nel “numero magico” per una potenziale violazione della diga, ha detto l’addetto alla manutenzione della città di Capitola George Duncan. Ha indicato uno spesso tronco d’albero lungo 40 piedi sul bordo della risacca, dicendo che i funzionari della città erano particolarmente preoccupati per tali detriti che venivano portati nel villaggio e causavano il caos.

“Stiamo facendo tutto il possibile”, ha detto Duncan. “Vediamo cosa fa.”

A Soquel, appena a sud di Santa Cruz, il quartiere centrale degli affari è stato inondato da un impetuoso Soquel Creek durante il fine settimana. Beverly Romero, un’infermiera dell’ospedale Los Gatos di El Camino Health, si è trasferita a Capitola, lungo Soquel Creek, quattro anni fa dal New Mexico.

Durante la tempesta durante il fine settimana, ha visto il corso d’acqua salire nel suo cortile. Martedì stava riempiendo sacchi di sabbia.

“Mi sto preparando al peggio”, ha detto Romero. “Questa è la prima volta che ho avuto a che fare con qualcosa di simile.”

A San Jose, un’intera settimana di tempeste ha visto i funzionari ricordare le famigerate inondazioni del fine settimana del President’s Day nel 2017. Quel disastro ha visto il Coyote Creek esaurire gli argini e sommergere i diversi quartieri del centro, segnando la peggiore inondazione della città dal 1997 e causando una cifra stimata di 100 milioni di dollari in danni, l’evacuazione di emergenza di 14.000 persone e crescenti critiche sulla preparazione della città.

Il neoeletto sindaco Matt Mahan ha ribadito le previsioni dei meteorologi secondo cui San Jose non dovrebbe subire una ripetizione di quel disastro, anche se le condizioni della tempesta imminente sono simili a quelle di sei anni fa. Il rischio è stato leggermente ridotto perché, dopo l’inondazione del 2017, le autorità di regolamentazione federali hanno ordinato al distretto idrico della valle di Santa Clara di ricostruire la diga di Anderson – il suo tubo di scarico che ha provocato le ondate – e assicurarsi che rimanga in un grande terremoto.

Il lavoro richiede che il livello dell’acqua della diga sia notevolmente abbassato, che secondo Mahan questa settimana era al 6,7% della capacità.

“Quindi, non mi preoccuperei”, ha detto Mahan.

Martedì, guidando nei quartieri residenziali vicino a Coyote Creek, c’erano pochi segni visibili di preparativi per l’alluvione.

Thomas Li, che vive nella stessa casa vicino al Watson Park Soccer Field dove sei anni fa l’acqua si è insinuata sui confini della proprietà, ha detto di non essere preoccupato. Ha detto che era solito pagare l’assicurazione contro le inondazioni, ma non più, portando la città a credere che i problemi infrastrutturali del passato siano stati risolti.

“Non succederà”, ha detto Li, quando gli è stato chiesto cosa avesse fatto in previsione di un risultato simile mercoledì. “La città non garantisce allagamenti”.

Nita Manglicmot ha detto di aver sentito parlare delle tempeste da sua sorella nel sud della California e ha chiesto alla città di avvisarla. Aveva sentimenti simili a Li, dicendo: “Dobbiamo solo suonarlo a orecchio”.

In generale, si consiglia ai residenti di assicurarsi che le loro auto siano rifornite di gas in previsione degli ordini di evacuazione, di mantenere i loro telefoni cellulari carichi, di iscriversi agli avvisi di emergenza locali e di prepararsi a potenziali interruzioni di corrente.

Anche i forti venti previsti per mercoledì e giovedì causeranno problemi ai viaggi aerei.

“È quasi una certezza”, ha detto Walbrun. “In realtà, non è nemmeno la pioggia che dà fastidio (San Francisco International Airport), per esempio, ma la direzione del vento. Una volta bagnate le piste con forti venti da sud-est, questo da solo sarà sfavorevole per loro”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *