Esclusivo: le banche Musk registrano le perdite sui prestiti su Twitter, evitano i grandi successi

NEW YORK, 13 dicembre (Reuters) – Alcune delle banche che hanno prestato a Elon Musk 13 miliardi di dollari per acquistare Twitter si stanno preparando a contabilizzare le perdite sui prestiti in questo trimestre, ma è probabile che lo facciano in un modo che non sia grave. trascinare i loro guadagni, secondo tre fonti con conoscenza diretta della situazione.

Le banche di solito vendono tali prestiti agli investitori al momento dell’affare. Ma gli istituti di credito di Twitter, guidati da Morgan Stanley, potrebbero subire perdite per miliardi di dollari se provassero a farlo ora, poiché gli investitori evitano di acquistare titoli di debito rischiosi in tempi di incertezza economica, hanno affermato i partecipanti al mercato. Inoltre, Twitter ha visto gli inserzionisti fuggire tra le preoccupazioni per l’approccio di Musk al controllo dei tweet, il calo delle entrate e la sua capacità di pagare gli interessi sul debito.

Le banche devono ancora contrassegnare il prestito al suo valore di mercato sui loro libri contabili e accantonare fondi per le perdite riportate nei risultati trimestrali. In assenza di un prezzo determinato dall’effettiva cessione del debito, tuttavia, ciascuna banca può decidere quanto svalutare in base alla propria analisi e giudizio di mercato, secondo tre fonti a conoscenza del processo di determinazione di tale valore dei prestiti.

La maggior parte del debito – $ 10 miliardi di prestiti garantiti dalle attività di Twitter – potrebbe dover essere svalutata fino al 20%, ha detto una delle fonti. Il colpo di prestito, che è stato condiviso tra sette banche, potrebbe essere gestito dalla maggior parte delle aziende senza creare un grande colpo agli utili, ha aggiunto la fonte.

Un’altra delle tre fonti con conoscenza diretta della questione ha stimato che alcune banche potrebbero effettuare solo una svalutazione dal 5% al ​​10% sulla parte garantita del prestito.

Le deliberazioni su come alcune di queste banche stanno pensando di contabilizzare queste perdite non sono state riportate in precedenza. Arrivano mentre le banche di Wall Street si preparano a ridurre gli utili del quarto trimestre a causa del calo delle entrate bancarie di investimento e dell’aumento delle riserve per perdite su prestiti in un contesto di indebolimento dell’economia globale.

Tre fonti del settore bancario hanno affermato che i restanti 3 miliardi di dollari, che non sono garantiti, potrebbero portare a perdite più elevate per le sette banche di Twitter. Reuters non ha potuto determinare quanto le banche intendono svalutare la parte non garantita del prestito.

Gli istituti di credito hanno preso in considerazione la possibilità di sostituire la parte non garantita del prestito con Musk sostenuto dalle sue azioni di Tesla Inc (TSLA.O), la casa automobilistica elettrica, ha affermato una delle fonti a conoscenza degli accordi. Tuttavia, Musk ha affermato che è meglio evitare tali prestiti nell’attuale contesto macroeconomico. Bloomberg aveva precedentemente segnalato la possibilità di un prestito a margine.

Oltre a Morgan Stanley, il sindacato comprende Bank of America Corp (BAC.N), Barclays Plc , Mitsubishi UFJ Financial Group Inc (8306.T), BNP Paribas SA (BNPP.PA), Mizuho Financial Group Inc (8411.T ) e Société Générale SA (SOGN.PA).

SocGen, Musk e i rappresentanti di Twitter non hanno risposto alle richieste di commento inviate tramite e-mail. I rappresentanti delle altre banche hanno rifiutato di commentare.

FLESSIBILITÀ CONTABILE

In base agli standard contabili, le banche devono ridurre il debito al suo valore di mercato quando alcune di loro dichiarano utili per il quarto trimestre di gennaio, hanno affermato diversi banchieri e contabili.

Ma con l’attività di mercato in stallo, le banche hanno sufficiente flessibilità su come valutarle, il che significa che ciascuna può valutarle in modo diverso. Hanno anche flessibilità su come segnalare eventuali svalutazioni e il tempo che impiegheranno per vendere il prestito. Gli accordi di prestito con leva finanziaria dopo la crisi finanziaria del 2008 hanno impiegato anni per risolversi.

Ogni banca effettuerà test di mercato su due o tre potenziali acquirenti per arrivare al valore dei prestiti, che dovranno essere approvati da un revisore, ha detto una delle tre fonti.

La persona, che ha familiarità con il pensiero di una delle banche del sindacato di prestito, ha aggiunto che è probabile che alcuni istituti di credito inizialmente subiscano un colpo minore e lo annullino nel tempo se le valutazioni continuano a deteriorarsi. .

La perdita attesa potrebbe anche essere suddivisa tra le divisioni di investment banking e trading, rendendola abbastanza piccola da non dover essere divulgata separatamente, ha affermato una delle fonti. È probabile che eventuali svalutazioni vengano suddivise in blocchi e distribuite su diversi mesi, riducendo il colpo agli utili in qualsiasi trimestre, hanno affermato due delle fonti con conoscenza diretta della questione.

Alcuni partecipanti al mercato si aspettano perdite sostanziali dal prestito a meno che le condizioni di mercato non migliorino. Due delle fonti del settore bancario hanno affermato che se le banche provassero a vendere i prestiti ora, non otterrebbero più di 60 centesimi di dollaro sull’obbligazione garantita e prezzi più bassi sulla parte non garantita. Ciò significherebbe perdite per miliardi di dollari per il sindacato nel suo insieme.

A settembre, gli istituti di credito di Wall Street guidati da Bank of America hanno subito una perdita di 700 milioni di dollari sulla vendita di circa 4,55 miliardi di dollari di debito a sostegno dell’acquisizione con leva finanziaria della società di software aziendale Citrix Systems Inc.

Circa $ 35 miliardi a $ 40 miliardi di tali prestiti rimangono sui libri delle banche, secondo due banchieri a reddito fisso.

I banchieri di Twitter, tuttavia, sono più audaci. “Non scommetterei contro Elon Musk”, ha detto l’amministratore delegato di Morgan Stanley James Gorman in un’intervista a Reuters NEXT all’inizio di questo mese. “Non siamo dietro quel tipo di attività e quel tipo di opportunità a meno che non crediamo che sia reale”.

Segnalazione di Lananh Nguyen, Saeed Azhar e Shankar Ramakrishnan a New York, segnalazione aggiuntiva di Matt Tracy e Abigail Summerville; montaggio di Paritosh Bansal e Claudia Parsons

I nostri standard: i Thomson Reuters Trust Principles.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *