L’ex capo della sicurezza di Twitter mette in guardia sui cambiamenti di Elon Musk: NPR


Yoel Roth è stato in precedenza Head of Trust & Safety di Twitter fino alle sue dimissioni all’inizio di novembre. È preoccupato per i cambiamenti che Elon Musk sta apportando alla piattaforma.

David Odisho/Getty Images


nascondi didascalia

attiva o disattiva la didascalia

David Odisho/Getty Images


Yoel Roth è stato in precedenza Head of Trust & Safety di Twitter fino alle sue dimissioni all’inizio di novembre. È preoccupato per i cambiamenti che Elon Musk sta apportando alla piattaforma.

David Odisho/Getty Images

La rapida trasformazione di Twitter da parte di Elon Musk minaccia la sicurezza dei suoi utenti più vulnerabili in tutto il mondo, inclusi attivisti per i diritti umani, sostenitori della libertà di parola e persone emarginate nei paesi autocratici, secondo l’ex capo della fiducia e della sicurezza del social network.

“Le persone devono valutare attentamente e attentamente i costi e i vantaggi dell’utilizzo di Twitter, data la loro situazione di sicurezza personale”, ha affermato Yoel Roth, che si è dimesso dalla sua posizione di Head of Trust and Safety di Twitter. Tutte le cose considerate ospite Ari Shapiro. “E questa è una prospettiva terribile da accettare, specialmente per molte persone che hanno trascorso la maggior parte di un decennio a costruire una piattaforma, un pubblico e una comunità su Twitter”.

Da quando Musk ha completato il suo acquisto di Twitter da 44 miliardi di dollari alla fine di ottobre, il miliardario ha trasformato l’azienda e la piattaforma, seminando caos e confusione per i dipendenti, gli utenti e gli inserzionisti da cui dipende.

Musk ha rapidamente cambiato l’approccio precedente di Twitter a ciò che era e non era consentito. Ha ripristinato gli account che erano stati banditi per aver violato le regole di Twitter, incluso quello dell’ex presidente Donald Trump, che era stato bandito dopo la rivolta del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio 2021.

La scorsa settimana, Musk ha annunciato una “amnistia generale” per molti account sospesi (sebbene abbia anche sospeso Ye, il rapper precedentemente noto come Kanye West, giovedì dopo che Ye ha pubblicato un’immagine di una svastica all’interno della Stella di David). Questa settimana, Twitter ha aggiornato silenziosamente il suo regolamento online per dire che non applica più politiche contro affermazioni fraudolente su COVID-19.

Nel frattempo, Musk ha licenziato metà del personale dell’azienda e ha emesso un ultimatum chiedendo ai restanti dipendenti di impegnarsi in un nuovo Twitter “hardcore” o di dimettersi. Ciò riduce drasticamente il numero di persone che lavorano per proteggere gli utenti di Twitter. I tagli includono i moderatori dei contenuti a contratto, il team per i diritti umani dell’azienda e gli investigatori che lavorano per prevenire la manipolazione politica e il materiale pedopornografico.

“Questo è il vero pericolo. Non puoi fare questo lavoro con un equipaggio ridotto”, ha detto Roth.

Twitter, che non ha più uno staff di comunicazione, non ha risposto a una richiesta di commento. In un post sul blog questa settimana firmato da “The Twitter Team”, la società ha affermato che le sue politiche non sono cambiate e che “continua a lavorare diligentemente per mantenere la piattaforma al sicuro da comportamenti odiosi e offensivi e da qualsiasi violazione delle politiche di Twitter”. Ha affermato che il team di fiducia e sicurezza “rimane forte e dotato di risorse adeguate”.

Roth ha affermato che Twitter è stato giustamente criticato per essere troppo lento nel cambiare. Ma la rapida trasformazione di Musk del piccolo, ma molto influente, social network lo ha allarmato.

“Al posto di una cultura forse troppo lenta, il signor Musk sta introducendo una cultura del movimento rapido e, sfortunatamente, di conseguenza rompe le cose”, ha detto Roth.

Nei quasi otto anni che Roth ha trascorso su Twitter, ha visto l’azienda attraversare una cascata di crisi, dall’interferenza russa nelle elezioni del 2016 alla decisione senza precedenti dell’azienda di bandire Trump.

Dopo che Musk ha preso il controllo, Roth è stato uno dei pochi dirigenti di alto livello rimasti in azienda quando il nuovo proprietario ha licenziato il top management.

Musk su Twitter contro Musk in privato

Roth ha descritto un abisso tra il personaggio pubblico di Musk come un autocrate sfacciato e instabile – Musk ha cambiato la sua biografia in “Chief Twit” dopo la chiusura dell’accordo – e il dirigente esperto che ha interagito con Roth.

“Quelle caricature non sono vere per la mia esperienza di lui”, ha detto Roth. “Molte volte durante le settimane in cui lavoriamo insieme, quando si presenta una situazione e spiego le regole, spiego i fattori che influenzano la situazione e suggerisco una linea di condotta coerente con le nostre regole. , ha ascolta e, di solito, accetta questo approccio.”

Ad esempio, una delle prime priorità di Musk era riportare alcuni resoconti controversi, tra cui Babylon Bee, un sito satirico conservatore che è stato sospeso per aver falsificato un funzionario dell’amministrazione Biden.

Roth e Musk hanno discusso se il ripristino dell’account richiederebbe modifiche più ampie alle regole di Twitter contro il misgendering o sarebbe un’eccezione unica.

“[Musk] alla fine era convinto che intraprendere quel tipo di azione una tantum avrebbe minato le politiche di Twitter e creato lacune nella coerenza dell’applicazione che avrebbero reso Twitter meno affidabile “, ha detto Roth. (Musk avrebbe continuato a ripristinare l’account di Babylon Bee insieme ad altri dopo che Roth si era dimesso ).

Ma con il passare dei giorni, Roth ha imparato che non era sempre così. Quando Musk è subentrato, Roth ha scritto “linee rosse” che non voleva oltrepassare, tra cui infrangere la legge e mentire al pubblico. Una cosa importante: rimarrà solo finché le decisioni saranno prese in base alle regole e ai principi di Twitter.

“Ciò che conta per me, alla fine, non è la decisione, ma come è stata presa la decisione”, ha detto. “Non voglio essere parte della debolezza [Twitter’s approach to governing the platform] con decisioni variabili. E purtroppo è quello che è successo”.

Roth si è dimesso da Twitter il 10 novembre. 10, un giorno dopo che Twitter ha erroneamente lanciato un piano di abbonamento da $ 8 al mese che ha dato agli utenti segni di spunta blu. I controlli in precedenza indicavano che la società verificava le identità degli utenti di alto profilo, ma con il nuovo programma Twitter non fa alcuno sforzo per confermare gli abbonati che affermano di essere. .

Ciò ha generato una serie di account che impersonano politici, celebrità e grandi marchi, mettendo ulteriormente a dura prova i rapporti con gli inserzionisti, che sono stati diffidenti nei confronti della direzione della piattaforma sotto Musk. Il team di Roth ha preparato un lungo documento che metteva in guardia su come si potesse abusare della funzionalità in questo modo e suggerendo guardrail per mitigare tali rischi, ma è stato ampiamente ignorato.

Solo un giorno prima di dimettersi, Roth è apparso con Musk in una chat audio pubblica su Twitter in cui hanno cercato di rassicurare gli inserzionisti che la piattaforma è ancora un posto sicuro per i loro marchi.

Gli inserzionisti stanno fuggendo, l’incitamento all’odio è in aumento

Meno di un mese dopo che Musk è subentrato, la metà dei 100 migliori inserzionisti di Twitter sembra aver smesso di spendere sulla piattaforma, secondo i dati raccolti dall’organizzazione no profit liberale Media Matters for America.

I gruppi per i diritti civili hanno documentato un aumento dell’incitamento all’odio su Twitter da quando Musk è subentrato. La società ha affermato che una campagna di trolling originata da bacheche di estrema destra ha portato a un afflusso di insulti razzisti, omofobi e antisemiti dopo la chiusura dell’accordo, ma ha intensificato l’applicazione e bandito molti degli account responsabili.

Venerdì, Musk ha twittato un grafico che mostra le “impressioni” dell’incitamento all’odio – ovvero quante volte le persone hanno visto tali tweet – erano inferiori al livello prima che prendesse il controllo.

Ma un nuovo rapporto del Center for Countering Digital Hate senza scopo di lucro ha rilevato che il numero giornaliero di tweet contenenti termini odiosi era “significativamente più alto” alla fine di novembre, rispetto al valore di base prima che acquistasse Twitter. Il numero di tweet con la parola n è triplicato durante quel periodo, per esempio.

Musk ha contestato il rapporto del CCDH come “assolutamente non vero” e dette impressioni di incitamento all’odio lo sono meno dello 0,1% a quelli visti su Twitter. Ha promesso di pubblicare ogni settimana il tasso di impressioni sull’incitamento all’odio.

Roth ha detto che lui e gli ex colleghi avevano “il cuore spezzato” nel vedere cosa stava succedendo ai loro sforzi per proteggere gli utenti di Twitter.

“Ciò che accade su Twitter può spostare i mercati, può cambiare le elezioni e può influire sulla sicurezza di milioni di persone in tutto il mondo”, ha affermato. “Più di ogni altra cosa, gente [who have left the company] preoccupato per quello che sarebbe successo, data l’importanza di Twitter per il mondo, se non fosse rimasto un team per fare quel tipo di lavoro”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *