Il killer indiano di Twitter minaccia la corona di Elon Musk, ma il suo background potrebbe far riflettere gli utenti

Mentre Elon Musk ha licenziato altro personale durante il Ringraziamento e ha lasciato intendere che gli account precedentemente vietati sarebbero stati autorizzati a tornare sulla piattaforma, gli utenti di Twitter sono alla ricerca di alternative a ciò che il suo nuovo proprietario chiama piazza pubblica.

Le ultime settimane di follia hanno messo a dura prova la base di utenti di Twitter, che è alla ricerca di scialuppe di salvataggio lontane dalla piattaforma principale. “Gli utenti e gli inserzionisti di Twitter sono ora comprensibilmente alla ricerca di un’alternativa”, ha affermato Victoria Baines, professoressa di informatica al Gresham College di Londra.

Molte di quelle persone sono passate a Mastodon, anche se c’erano molte altre alternative là fuori, inclusa un’app allora relativamente sconosciuta chiamata Koo.

Fondata nel 2019 e lanciata a marzo 2020, l’app ha acquisito un seguito significativo nella sua nativa India e ha creato uno dei suoi primi avamposti internazionali in Brasile, dove ha accumulato oltre un milione di download in sole 48 ore dopo il lancio all’inizio di questa settimana. .

La posizione di popolarità di Koo in due grandi economie in rapida crescita, che saranno responsabili del “prossimo miliardo” di utenti Internet con l’aumentare della connettività in entrambi i paesi, significa che potrebbe essere ben posizionato per dare una scossa alla piattaforma di Mr Musk. i soldi.

Questo è doppiamente vero perché Twitter ha perso molti dei suoi team nazionali specializzati a causa di logoramento o licenziamenti. “Non direi che Twitter sia completamente privo di personale, ma si sta muovendo in questa direzione perché i team locali sono stati tagliati”, ha affermato Manish Maheshwari, ex capo di Twitter India e direttore senior del nuovo ingresso nel mercato fino all’inizio di quest’anno. “L’opportunità per Koo oggi è che è la seconda piattaforma più grande in India dopo Twitter.

“Se Twitter diventa debole, le persone cercheranno alternative. Andranno a Koo, che si sta espandendo parecchio. Questa è un’opportunità per Koo. Se possono colpire quando il ferro è caldo, oggi non possono ottenere una ricompensa adeguata. “

Ma il professor Baines non è sicuro che Koo sarà un’alternativa significativa per le persone di tutto il mondo.

“Il passaggio da Twitter a un’app come Koo presenta anche sfide per i governi che cercano di proteggere i propri cittadini”, ha affermato.

“Esistono processi e obblighi legali stabiliti per le società con sede negli Stati Uniti per rimuovere e segnalare contenuti illegali come immagini di abusi sui minori e propaganda terroristica e meccanismi per condividere tali informazioni con le autorità di altri paesi. Non ci sono accordi di questo tipo per le piattaforme indiane o per le piattaforme cinesi”.

FILE - La splash page di Twitter viene visualizzata su un dispositivo digitale, lunedì 25 aprile 2022, a San Diego.  Il nuovo proprietario di Twitter, Elon Musk, afferma che sta concedendo l'amnistia???  per gli account sospesi, che secondo gli esperti di sicurezza online porteranno a un aumento delle molestie, dell'incitamento all'odio e della disinformazione.  L'annuncio del miliardario giovedì 19 novembre.  24, è arrivato dopo aver chiesto in un sondaggio pubblicato sulla sua cronologia di votare sul ripristino di account che non avevano infranto la legge o coinvolto in un massiccio spam.  (Foto AP/Gregory Bull, File)
I cambiamenti e le partenze del personale su Twitter hanno lasciato molti interrogativi sul futuro del gigante dei social media (FOTO: AP Photo / Gregory Bull, File)

Non è solo la mancanza di un accordo formale per condividere tali avvertimenti con altre autorità in tutto il mondo che fa riflettere sul download di Koo. L’app è anche strettamente associata al governo indiano, con i membri del partito di destra Bharatiya Janata Party (BJP), che opera sotto il primo ministro Narendra Modi, che vi si sono uniti in massa dopo una disputa su Twitter a causa del suo rifiuto di rimuovere il anti. – contenuto del governo.

L’app si presenta come “decisamente più nazionalista e populista” di Twitter, secondo il Washington Post. Apparentemente, era indipendente e politicamente neutrale, ma beneficiava del sostegno del governo, sia letteralmente, poiché Koo vinse una competizione sostenuta dal governo nei suoi primi giorni, sia informalmente, attraverso i politici che si erano iscritti qui.

La mancanza in India di una legge formale sulla protezione dei dati preoccupa anche l’esperto di privacy Pat Walshe. “Dal punto di vista della privacy, è importante considerare che il governo non ha ancora introdotto una legge sulla protezione dei dati che imponga obblighi chiari e conceda diritti agli individui”, ha affermato. “Questo è importante quando si considerano i dati raccolti dall’app.”

Gli utenti di Koo, come molti altri, sono tenuti a fornire il proprio nome, numero di cellulare, indirizzo e-mail, data di nascita, sesso e posizione. Ma Koo è diverso in altri modi, afferma Walshe. “Per verificare un profilo raccogli anche la patente di guida o altri documenti di identificazione rilasciati dalle autorità governative”, ha affermato. “Sembra non esserci spazio per l’uso pseudonimo o anonimo della piattaforma”.

Questo non è il caso degli utenti internazionali, che non hanno bisogno di fornire un ID governativo, ma sono richiesti in India.

Un portavoce di Koo dice io: “Siamo una piattaforma neutrale e la piattaforma è aperta a tutti. Gli utenti includono leader di pensiero di sport, intrattenimento, politica, spiritualità, carriera e istruzione tra molti altri interessi.

Il portavoce ha aggiunto che il motivo della verifica dell’identità in India è dovuto al controverso sistema di identificazione digitale del paese, Aadhaar.

“Poiché questo tipo di sistema sicuro e abilitato digitalmente non è ancora disponibile in altri paesi, non sarà disponibile in altri paesi al di fuori dell’India”, ha affermato il portavoce. “Useremo altre forme di tecnologia che consentono agli utenti di essere identificati come persone reali”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *