Elon Musk ripristina gli account Twitter vietati: ecco perché gli utenti più controversi sono stati sospesi e chi è tornato

Linea superiore

Il proprietario di Twitter Elon Musk ha concesso l’amnistia a quasi tutti gli account vietati giovedì, un drastico cambiamento di politica che ha allarmato molti utenti e inserzionisti e apre la porta a molti potenziali ritorni di alto profilo e si unisce a artisti del calibro dell’ex presidente Donald Trump e Kanye West che hanno hanno ripristinato i loro account, ecco alcuni degli account che potrebbero tornare:

Fatti basilari

Steve Bannon: L’ex stratega della Casa Bianca di Trump è stato bandito nel novembre 2020 dopo aver suggerito al Dr. Anthony Fauci e il direttore dell’FBI Christopher Wray saranno decapitati in un video pubblicato sul suo account Twitter.

Mike Lindell: Il frontman di MyPillow è stato bandito due volte da Twitter, una volta per aver diffuso disinformazione elettorale e un’altra volta per aver tentato di aggirare tale divieto con un nuovo account, e secondo quanto riferito sta cercando disperatamente di far conoscere a Musk lo sforzo di ripristino.

Lynn Legno: Il famoso avvocato e sostenitore di Trump ha avuto il suo account sospeso per aver diffuso teorie del complotto sulle elezioni presidenziali e un tweet che incitava alla violenza in relazione all’insurrezione del 6 gennaio, che è diventato permanente dopo che aveva detto che avrebbe pubblicato da un altro account.

Sidney Powell, Mike Flynn e Ron Watkins: Un trio di figure QAnon di alto livello – rispettivamente ex consigliere elettorale di Trump, consigliere per la sicurezza nazionale ed ex amministratore del sito web di estrema destra 8kun, ex 8chan – sono stati sospesi per aver promosso teorie del complotto infondate che hanno rubato le elezioni presidenziali a Trump.

Martin Shkreli: Ampiamente criticato come un “fratello farmaceutico” che ha aumentato il prezzo di un farmaco antiparassitario salvavita, è stato bandito definitivamente nel 2017 per aver tentato di aggirare un divieto temporaneo imposto per “molestie mirate” di un giornalista.

Ruggero Pietra: L’ex consigliere di Trump ha fatto un breve ritorno su Twitter prima dell’assunzione di Musk – è stato rapidamente bandito di nuovo – dopo essere stato sospeso per aver attaccato i giornalisti online nel 2017.

Azelia Banks: Il rapper, che ha una reputazione per tweet offensivi, sproloqui e trolling di celebrità, incluso Musk, è stato sospeso più volte (e ha tentato più ritorni) ed è stato sospeso definitivamente nel 2020 per tweet transfobici.

Katie Hopkins: personalità dei media britannici e controverso commentatore di destra ha dato il via a Twitter nel 2020 per aver violato la sua politica di “condotta odiosa”.

Davide Duca: L’ex grande mago del Ku Klux Klan e sfacciato suprematista bianco è stato espulso dalla piattaforma nel 2020 per aver ripetutamente violato le politiche di Twitter sulla condotta odiosa.

Aubrey Huff: L’ex giocatore dei San Francisco Giants ha minimizzato la gravità del Covid-19 online ed è stato sospeso definitivamente nel 2021 per aver violato ripetutamente le politiche di Twitter sulla disinformazione del Covid.

Milo Yiannopoulos: Il manifesto schietto dell’alt-right ed ex editore di Breitbart – ora sta aiutando Kanye West con la sua campagna presidenziale del 2024 – è stato bandito nel 2016 per aver molestato il comico e attore Leslie Jones.

Sfondo chiave

Musk ha già ripristinato unilateralmente alcuni account sospesi, per lo più di destra. Agisci venerdì: Musk marchiato è il “Venerdì della libertà”: artisti del calibro della deputata repubblicana Marjorie Taylor Greene (bandita per ripetute disinformazioni su Covid), lo psicologo canadese Jordan Peterson (comportamento odioso nei confronti di persone trans), il sito di satira Babylon Bee (bandito per tweet anti-trans), la comica Kathy Griffin (bandito per aver impersonato Musk) e Kanye West, che ha cambiato legalmente il suo nome in Ye (bandito per commenti antisemiti). Musk in seguito ha riportato in vita l’ex presidente Donald Trump, che è stato estromesso per aver incitato e glorificato la violenza intorno alle elezioni del 2020 e alla rivolta del 6 gennaio.

Notizie Peg

Musk ha detto giovedì che concederà “l’amnistia” agli account Twitter sospesi se non fossero stati bannati per violazione della legge o spam. La mossa segue un sondaggio non scientifico condotto dal miliardario e vedrà i conti ripristinati dalla “prossima settimana”. Musk è stato un critico vocale e di lunga data delle politiche di moderazione e sospensione di Twitter e ha dichiarato pubblicamente la sua intenzione di cambiarle quando persegue la proprietà della società a favore di un approccio più libero di “parola libera”. Sebbene Musk abbia promesso che la piattaforma non sarebbe diventata un “inferno libero per tutti” sotto la sua guida, i suoi maldestri tentativi di rivedere lo schema di verifica di Twitter, i drastici tagli al numero di persone e l’approccio rilassato alla moderazione dei contenuti hanno spaventato inserzionisti e regolatori. Sebbene Musk inizialmente avesse affermato che nessun account sarebbe stato ripristinato prima che fosse istituito un consiglio di moderazione diversificato per rivedere qualsiasi decisione, ha rapidamente negato e incolpato gli attivisti sociali per aver costretto gli inserzionisti a boicottare la piattaforma.

Contro

Contrariamente al previsto ritorno degli account sospesi, molti utenti scelgono di lasciare Twitter del tutto. Include figure di alto profilo come Whoopi Goldberg, Shonda Rhimes, Toni Braxton e Gigi Hadid. Anche le aziende e gli inserzionisti stanno prendendo le distanze dalla piattaforma rimuovendo o riducendo la spesa pubblicitaria, tra cui Balenciaga, Chipotle, United Airlines, Volkswagen, Ford e Pfizer. L’interesse per le alternative di Twitter come Mastodon, Hive e Post è aumentato da quando Musk ha preso il sopravvento mentre gli utenti cercano di migrare su altre piattaforme.

Quello che non sappiamo

Non è chiaro come Musk o Twitter selezioneranno i numerosi account sospesi e sceglieranno quali possono tornare o come funzionerà a causa dei numeri ridotti dell’azienda. Musk ha affermato che coloro che sono stati banditi per spam o azioni illegali non saranno autorizzati a rientrare, ma per il resto non è chiaro quali criteri verranno utilizzati. Twitter elenca a serie di politiche le cui violazioni potrebbero tecnicamente comportare divieti, inclusi contenuti e comportamenti che implicano suicidio o autolesionismo, violenza, terrorismo, abusi e molestie e pubblicazione di informazioni private, anche se non sono sicuro che tutto ciò sia ancora valido. Inoltre, non è chiaro se ci saranno circostanze in cui le violazioni delle norme, sebbene legali, comporteranno comunque un divieto (Twitter ha precedentemente preso una posizione dura nei confronti delle persone colte nel tentativo di evitare sospensioni temporanee) o se un certo grado di soggettività entra nell’equazione. In una certa misura, Musk ha mostrato la volontà di farlo e ha agito unilateralmente per ripristinare molti account. Ha anche detto che il teorico della cospirazione Alex Jones sarebbe rimasto sulla piattaforma, aggiungendo che lui, in quanto qualcuno che ha perso un figlio, non aveva “nessuna pietà” per qualcuno che avrebbe “usato la morte dei bambini per guadagno, politica o fama”.

Tangente

Un rapporto pubblicato giovedì dall’Unione Europea afferma che Twitter sta impiegando più tempo per esaminare i contenuti dannosi e quest’anno ne sta rimuovendo meno rispetto allo scorso anno. La ricerca, un’attività annuale dell’UE basata sui dati raccolti prima che Musk acquisisse la piattaforma, ha anche delineato prestazioni più deboli tra i concorrenti di Twitter, tra cui Facebook, Instagram e TikTok. È probabile che il problema si aggiunga ai timori già espressi dai regolatori sulla capacità di Twitter di tenere fuori contenuti odiosi e disinformazione alla luce dei significativi tagli al personale di Musk. Tali contenuti sembrano essere in aumento, con rapporti che suggeriscono un aumento dell’incitamento all’odio da quando Musk è subentrato e la società non ha reagito ai tweet razzisti diretti ai calciatori che gareggiano nella Coppa del Mondo del Qatar. L’ex capo della sicurezza dell’azienda, Yoel Roth, ha affermato che c’è stata una “ondata di comportamenti odiosi” dopo che Musk ha acquisito la piattaforma. Anche i numeri precedentemente vietati sono tornati sulla piattaforma nelle ultime settimane, secondo Custodeche ha trovato i resoconti di parti del movimento di estrema destra britannico di nuovo online con nuovi account.

Valutazione di Forbes

191,6 miliardi di dollari. Questo è il patrimonio netto stimato di Musk, secondo Forbes’ tracciatore in tempo reale. È l’uomo più ricco del pianeta. Ha acquisito Twitter per 44 miliardi di dollari in ottobre ed è noto per aver guidato e co-fondato la casa automobilistica elettrica Tesla, la società di missili SpaceX e l’impresa di tunneling Boring Company.

Ulteriori letture

Elon Musk afferma che Twitter lancerà un nuovo schema di verifica con codice colore la prossima settimana: ecco cosa sappiamo finora (Forbes)

La ricerca su Twitter mostra che il suo algoritmo favorisce le opinioni conservatrici (The Verge)

Le tendenze di “#RIP Twitter” mentre l’ultimatum di Musk ai dipendenti fa scattare scioperi e chiusure di uffici: ecco cosa devi sapere (Forbes)

Twitter ha passato anni a cercare di combattere la disinformazione sulla salute. L’acquisizione di Musk renderà tutto più difficile? (statistica)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *