Chief Twit, Elon Musk, indica interesse nel far rivivere Vine • TechCrunch

Il nuovo proprietario di Twitter, Elon Musk, ha segnalato a potenziale interesse nel far rivivere Vine, l’app di social video su cui Twitter ha rinunciato sei anni fa.

Nelle scorse ore il sedicente “Chief Twit”) ha twittato un sondaggio sì/no ai suoi 112,4 milioni di follower, dicendo tristemente: “Riportare Vine?”.

La domanda – che si tratti di un’idea di prodotto seria o di un altro volo di fantasia di Elon / tweet “montagne russe” – ha rapidamente raccolto milioni di voti (per lo più a favore) e migliaia di tweet reattivi. Questa interazione a sua volta preso un po’ ulteriore attenzione da parte di Musk che ha risposto ad alcune domande/suggerimenti dei suoi follower sul tema del social video.

In risposta a un tweet di YouTuber, Mr Beast – che ha scherzosamente menzionato TikTok – Musk ha assunto un tono serio, chiedendo: “Cosa possiamo fare per renderlo migliore di TikTok?”

Si è anche preso il tempo per concordare pubblicamente con un altro utente di Twitter, che è intervenuto per pensare che “il video non dovrebbe essere un’app separata” ma dovrebbe invece essere “all’interno di Twitter”. Questa osservazione ha guadagnato l’account “Tesla Owners Silicon Valley” an Risposta emoji “100” di Muskper segnalare (chiaramente) la totale approvazione dell’idea che qualsiasi revival di Vine/video dovrebbe essere una funzionalità all’interno di Twitter, non un prodotto autonomo.

Quindi fai quello che vuoi.

Il sondaggio sul revival di Vine (insieme al più ampio impegno di Musk con le chiacchiere che ha generato) potrebbe indicare che la sua attenzione all’argomento del video è, per lo meno, genuina, anche se nessuno sa se un riavvio di Vine sia effettivamente preso seriamente in considerazione, o cosa significhi oltre a far rivivere il nome di un marchio se il suo piano includerà un importante restyling del set di funzionalità. (Il team stampa di Twitter non ha risposto alle richieste di commento.)

È altrettanto plausibile che Musk stia facendo l’equivalente di lanciare spaghetti contro un muro e vedere quali/se i pezzi si attaccano. Oppure è solo annoiato nelle ore piccole e ha pensato di rimbalzare un’altra doccia pensata al di fuori della sua base di fan. E/o vuoi dedicarti a un’area di outsourcing di brainstorming “lazy web”.

Come sempre per quanto riguarda Elon, si applicano i soliti avvertimenti.

Tuttavia, la scomparsa di Vine è un capitolo in qualche modo controproducente nella storia aziendale di Twitter, quindi un riavvio potrebbe offrire a Musk l’opportunità di riscrivere quel particolare pezzo della sceneggiatura e rivendicare uno status di eroe in arrivo tra gli ex fan di Vine.

Al momento in cui scrivo, sono stati espressi più di 2,8 milioni di voti nel sondaggio di Musk sul ritorno di Vine, con una forte maggioranza (69,4%) che ha votato per un ritorno, sebbene il sondaggio abbia ancora 14 ore da svolgere.

Twitter ha acquisito la piattaforma di video in forma abbreviata Twitter nel 2013. Ma, nella tipica moda delle auto da clown, la società ha sprecato l’opportunità di trasformare la nascente piattaforma di video social in un colosso in stile TikTok, dopo che il CEO Jack Dorsey ha deciso di abbandonare. l’app pochi anni dopo.

La chiusura di Vine ottiene Twitter il più calvo dei subtweet dal fondatore di Vine Rus Yusupov, che all’epoca aveva lanciato un brusco avvertimento ad altri imprenditori: “Non vendere la tua azienda!”

Ironia della sorte (visto che *Twitter* ora è tutto esaurito), Yusupov si è unito alle chiacchiere avviate da Musk sul far rivivere Vine — offrendo il suggerimento (non serio?) che dovrebbero esserci “69 secondi di video” è Vine.

Mentre Vine è stato lanciato con video iperbrevi (fino a 6 secondi), la lunghezza massima del caricamento è stata successivamente estesa a 140 secondi e il colosso dei video social TikTok è andato oltre e ha persino iniziato a consentire ai suoi utenti di caricare video fino a 10 minuti prima. quest’anno, quindi i video di 69 secondi erano probabilmente solo un tentativo di attirare l’attenzione di Musk (con una battuta puerile), non una seria proposta di prodotto.

Indipendentemente da ciò, l’interazione indica che Yusupov sta guardando con interesse ciò che sta accadendo su Twitter.

E questo è rilevante perché non è nemmeno il primo tweet di Musk su Vine: la sua cronologia pubblica rimane sormontata da un precedente tweet – del 25 aprile – quando ha pubblicato una foto di se stesso con (allora) l’aspirante proprietario di Twitter, chiedendo a Musk un ( retorica?) domanda: “Hey @elonmusk questo incontro riguarda il salvataggio di Vine? Ho dimenticato… “

Era imminente una risposta pubblica di Musk a quel tweet. Ma Chief Swit è il re nel far indovinare a tutti cosa sia In realtà farà dopo – quindi, ancora una volta, non puoi leggere molto / niente nel suo silenzio pubblico allora. (Musk ha anche provato a giocare con l’acquisto di Twitter interamente prima di accettare di chiudere l’accordo la scorsa settimana, quindi ci sono stati alcuni cicli di alti e bassi anche negli ultimi mesi.)

Se Yusupov e Musk avere Si parla di un riavvio di Vine, la risposta del primo alla domanda di un altro utente di Twitter il mese scorso – quando l’autore Eli Pariser ha chiesto a Twitterverse “una comprensione intelligente del motivo per cui è morto Vine anche se è fondamentalmente TikTok” – potrebbe offrire alcuni indizi su ciò che le discussioni potrebbero essere focalizzato su.

Il fondatore di Vine ha risposto a Pariser lamentandosi di non essere in grado di costruire le funzionalità giuste “in tempo” – probabilmente collegato a un altro punto cieco che ammette è che non capisce l’importanza di costruire su tendenze come i video con sincronizzazione labiale – così come incolpando la scomparsa dell’app per il fallimento nell’aiutare i creatori a fare soldi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *