Mondiali 2022: sei domande alle squadre africane in Qatar

Il terzino destro del Marocco Achraf Hakimi e il portiere del Senegal Edouard Mendy sono tra le stelle del calcio africano a caccia di vittorie ai Mondiali
Nazione ospitante: Qatar Data: 20 novembre-18 dicembre Scopo: In diretta su BBC TV, BBC iPlayer, BBC Radio 5 Live, BBC World Service, BBC Sounds e il sito Web e l’app BBC Sport. Programmi TV giornalieriDettagli di copertura completa

Le squadre africane apriranno nuove strade alla Coppa del Mondo di quest’anno, con tutte e cinque le qualificazioni del continente che si dirigono verso il Qatar con allenatori cresciuti in casa.

Quattro di questi uomini sono al comando della fase finale per la prima volta, con solo il senegalese Aliou Cisse in panchina in Russia quattro anni fa.

Tutte e cinque le squadre africane sono state eliminate nella fase a gironi nel 2018, quindi il compito principale sarà superare l’ostacolo iniziale prima che possano immaginare di fare la storia in Qatar avanzando ai quarti.

Qui, BBC Sport Africa esamina le questioni chiave che il quintetto deve affrontare come la prima Coppa del mondo di metà stagione in assoluto: e il primo messo in scena in Medio Oriente – sta per iniziare.

Riusciranno entrambe le squadre a qualificarsi per i quarti di finale?

Le qualificazioni africane hanno un punto che, per la prima volta dal 1982, nessuna squadra del continente ha raggiunto la fase a eliminazione diretta nel 2018, quando Marocco, Senegal e Tunisia, che sono tornate tutte, hanno rappresentato l’Africa insieme a Egitto e Nigeria.

Il Camerun e il Ghana sono tornati alla festa quest’anno dopo aver sopportato una Coppa del Mondo 2014 deludente rispettivamente con una lotta sul campo e una fila bonus molto pubblica.

esistenza ha vinto la sua prima Coppa d’Africa a febbraio, del Senegal Le grandi speranze sono state drammaticamente frenate negli ultimi tempi a causa dell’assenza forzata per infortunio del secondo classificato al Pallone d’Oro Sadio Mane, i cui rigori hanno conquistato la corona continentale e la qualificazione alla Coppa del Mondo.

Pur avendo un allenatore che è subentrato solo due mesi fa, Marocco La vita nel Gruppo F potrebbe essere più dura del Belgio, con la loro famosa generazione che invecchia, potrebbero pensare Croazia e Canada, seconde nel 2018.

Camerun ha giocato con velocità e potenza nei momenti in cui ha ospitato la Nations Cup di quest’anno, ma l’attaccante diventato presidente della federazione Samuel Eto’o prevede che i Leoni indomabili, diretto da Rigobert Song e deludenti amici recenti, batterà il Marocco nell’ultimo tratto del limite.

Solo tre squadre africane hanno raggiunto i quarti di finale della Coppa del Mondo – in 49 visite – e nessuna è più vicina alla qualificazione di Ghana, il cui rigore sbagliato all’ultimo minuto ai supplementari contro l’Uruguay nel 2010 sarà sempre presente quando le due squadre si incontreranno nuovamente nel Gruppo H.

L’obiettivo resta comunque una prima semifinale, ma l’infortunio di Mane potrebbe aver davvero dato i suoi frutti vista la sua importanza per i Teranga Lions, Il primo posto in Africa da novembre 2018.

In che modo l’allenatore del Senegal Cisse sostituirà Mane?

L'allenatore del Senegal Aliou Cisse durante un allenamento a Doha
L’allenatore Aliou Cisse ha guidato il Senegal al suo primo titolo continentale senior in Camerun a febbraio

Il Senegal ha perso il suo talismano e principale fonte di gol quando Mane, capocannoniere di tutti i tempi del suo paese con 34 gol, è stato espulso dal concorso.

Era dalla vittoria di George Weah nel 1995 che un calciatore africano non finiva tra i primi due del Pallone d’oro, dando un’indicazione di quanto mancherà la stella del Bayern Monaco.

L’attaccante del Watford Ismaila Sarr e l’attaccante dell’Alanyaspor Famara Diedhiou, con 10 gol in nazionale ciascuno, sono i prossimi marcatori più alti nella rosa dei Teranga Lions, mentre l’onere potrebbe ricadere anche su Boulaye Dia della Salernitana per guidare la linea.

Cisse ha fatto parte della generazione d’oro del Senegal che ha raggiunto gli ottavi di finale in Giappone e Corea del Sud nel 2002 e, dopo aver assunto la guida sette anni fa, sfrutterà tutta la sua esperienza per trovare un nuovo piano di gioco a breve termine.

Gli africani occidentali affronteranno l’Olanda nella prima partita del Gruppo A lunedì, con le prossime partite contro i padroni di casa e l’Ecuador.

Chi sarà la stella africana al posto di Mane?

Hakim Ziech
Hakim Ziyech ha segnato 18 gol in 43 presenze con il Marocco, rientrato dall’assenza in nazionale a settembre

Con anche Mohammed Salah e Riyad Mahrez fuori, dopo che Egitto e Algeria non sono riusciti a qualificarsi, l’opportunità spetta ad altri di accaparrarsi i riflettori.

Il centrocampista del Ghana Mohammed Kudus si fermerà se continuerà la sua torrida forma in Champions League con l’Ajax, e il Camerun vanta i talentuosi attaccanti Eric Maxim Choupo-Moting, Karl Toko Ekambi e Vincent Aboubakar, che hanno tirato fuori otto partite su sette nelle Nazioni Tazza.

Mentre i tunisini sperano che il centrocampista Aissa Laidouni possa continuare a stupire, Hakim Ziyech punta a dare risultati dopo la lunga saga della sua esclusione dalla rosa del Marocco, con il suo gol dall’interno della propria metà campo in una recente amichevole dimostrando una splendida rimonta.

Un litigio con l’ex allenatore Vahid Halilhodzic ha visto l’ala del Chelsea l’anno scorso essere eliminata dalla rosa della Coppa delle Nazioni, con il 29enne – che ha lasciato il calcio internazionale a febbraio – tornato all’ovile dopo l’esonero del bosniaco tre mesi fa.

Le condizioni gioveranno al quintetto africano?

Questa Coppa del Mondo è stata spostata dal tradizionale calendario di giugno e luglio per evitare il caldo di metà anno in Qatar, dove la temperatura media pomeridiana è di circa 40 gradi Celsius e la colonnina di mercurio può raggiungere i 50 gradi.

Il clima può rivelarsi troppo per alcune parti d’Europa, dove novembre e dicembre in genere vedono temperature di 27-30 gradi e un’umidità che fa sentire più come 30-35 gradi, anche se la gente del posto parla del clima insolitamente caldo in Qatar al momento.

Ma la temperatura scende di notte e lo stadio costruito per il torneo è progettato per massimizzare l’ombra, con l’aria condizionata che dovrebbe anche abbassare le temperature in campo a 21 gradi più gestibili.

Le squadre africane sono abituate a una serie di condizioni, dalle qualificazioni ai tornei che si tengono nel secondo continente più grande del mondo, incluso il caldo estremo, quindi questa esperienza potrebbe essere utile al Qatar?

La gente del posto darà il proprio sostegno alla coppia nordafricana?

Tifosi tunisini in Qatar
I tifosi tunisini sognano forse di mettere le mani sul trofeo della Coppa del Mondo, ma i Carthage Eagles devono ancora raggiungere la fase a eliminazione diretta nelle cinque precedenti presenze in finale

Il Qatar ha ospitato la Coppa Araba nel dicembre dello scorso anno per fungere da evento di prova per la Coppa del Mondo, con Tunisia sconfitta in Algeria in finale.

I Carthage Eagles hanno beneficiato della loro grande base di fan in Qatar durante la loro corsa, e dovrebbero avere un’atmosfera casalinga nel loro ritorno agli incontri del Gruppo D contro Danimarca, Australia e la Francia campione in carica.

I nordafricani hanno bisogno di tutto l’aiuto possibile per quanto li riguarda raggiungere la fase a eliminazione diretta per la prima volta al sesto tentativo.

“Penso che giocare in Qatar aiuterà noi, i paesi africani e soprattutto i paesi arabi”, ha detto a BBC Sport Africa il capitano della Tunisia Wahbi Khazri.

“Giocheremo in un continente familiare, c’è una grande diaspora tunisina in Qatar. Lo hanno dimostrato nella Coppa Araba dove gli stadi erano gremiti di rosso tunisino, e se ci aiuterà a essere bravi e fare di più sarà emozionante. “

Lo stesso vale anche per il Marocco, dove la cultura locale, come stile di vita e invito alla preghiera, sarà diversa ma familiare.

È il momento di far brillare un allenatore africano?

Otto Addo, Rigobert Song, Walid Regragui e Jalel Kadri
Otto Addo (Ghana), Rigobert Song (Camerun), Walid Regragui (Marocco) e Jalel Kadri (Tunisia) saranno tutti al comando della Coppa del Mondo per la prima volta

Per la prima volta da quando l’Africa ha giocato con più di una squadra in finale, 40 anni fa in Spagna, tutti i suoi rappresentanti della Coppa del Mondo erano guidati da allenatori locali.

Di gran lunga il più esperto è il senegalese Cisse, che ha governato nel 2015, mentre altri quattro sono stati nominati proprio quest’anno.

Tre arrivano subito dopo una relativa delusione alla Coppa delle Nazioni, dove l’ex assistente tunisino Jalel Kadri è stato promosso al ruolo di vertice, il talento allenatore del Borussia Dortmund Otto Addo ha consegnato il ruolo ghanese e Song affidato al Camerun dall’ex compagno di squadra Eto’o.

La lunga saga di Ziyech si è conclusa con Walid Regragui ha sostituito Halihodzic come capo del Marocco ad agosto e come altri, si candida a diventare il primo allenatore africano a guidare una squadra africana ad almeno un quarto di finale della Coppa del Mondo.

Dopo le partite contro Portogallo e Corea del Sud, l’allenatore dei Black Stars Addo ha l’onere aggiuntivo di una loro rivincita drammatico quarto di finale del 2010 quando affronteranno l’Uruguay il 2 dicembre.

Dopo il suo famigerato fallo di mano sulla linea di fondo nei tempi supplementari al Soccer City di Johannesburg 12 anni fa, l’ex attaccante del Liverpool e del Barcellona Luis Suarez sarà un uomo segnato quando le due squadre si incontreranno di nuovo.

L’incidente è stato uno dei più controversi nella storia della Coppa del Mondo, anche se la gioiosa celebrazione di Suarez è stata per molti un crimine più grande del suo vero “salvataggio”.

Ora 35enne, se dovesse scendere in campo contro gli africani occidentali, allora vale la pena guardare ogni incontro con lui nella partita clou del girone africano.

Banner dell'app BBC Sport

Ricevi gli ultimi risultati e le notifiche dei gol per qualsiasi squadra della Coppa del Mondo FIFA scaricando l’app BBC Sport: Melalink esternoAndroidelink esternoAmazzonialink esterno

Bandiera della BBC SportLogo della BBC Sounds

Ottieni la tua dose giornaliera di reazioni, dibattiti e analisi sulla Coppa del Mondo FIFA Mondiali giornalieri su BBC Sounds

Intorno al piè di pagina della BBC - Suoni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *