Coppa del Mondo 2022: la battaglia della Francia contro la maledizione dei campioni della Coppa del Mondo del Qatar 2022

France deve combattere qualcosa di più forte di Qatar 2022 Mondiali che danni a Karim Benzema, Paul Pogba, Presnel Kimpembe, Christopher Nkunku o N’Golo Kante – la maledizione dei campioni.

Solo due paesi si sono ripetuti come vincitori della Coppa del Mondo nel corso della storia. La prima fu l’Italia (1934 e 1938) e l’ultima il Brasile (1962 e 1966). È un incantesimo che dura da 56 anni senza che nessuno lo rompa.

Come si stanno comportando i vincitori della Coppa del Mondo nel tentativo di difendere la loro corona?

  • Uruguay (1934) – Non ha partecipato
  • Italia (1938) – Campioni
  • Italia (1950) – Fase a gironi
  • Uruguay (1954) – Quarto posto
  • Germania (1958) – Quarto posto
  • Brasile (1962) – Campione
  • Brasile (1966) – Fase a gironi
  • Inghilterra (1970) – Quarti di finale
  • Brasile (1974) – Quarto posto
  • Germania (1978) – Seconda fase a gironi
  • Argentina (1982) – Seconda fase a gironi
  • Italia (1986) – Ottavi di finale
  • Argentina (1990) – Secondo classificato
  • Germania (1994) – Quarti di finale
  • Brasile (1998) – Secondo classificato
  • Francia (2002) – Fase a gironi
  • Brasile (2006) – Quarti di finale
  • Italia (2010) – Fase a gironi
  • Spagna (2014) – Fase a gironi
  • Germania (2018) – Fase a gironi
  • Francia (2022) – Da confermare

Ma la maledizione, lungi dal rallentare, aumenta nel tempo: quattro degli ultimi campioni si salutano al primo ostacolo, nella fase a gironi. Solo il Brasile ha infranto la regola… e non è andato molto lontano e ha perso nei quarti di finale nel 2006.

La maledizione dei vincitori della Coppa del Mondo

Francia (1998-2002)

I Bleus vinsero il torneo in casa e sconfissero il Brasile (3-0) in una finale che sarà ricordata per sempre. Ronaldoprecedenti sequestri e Zinedine Zidanetutore di testa. La Francia ha riaffermato il proprio dominio vincendo Euro 2020 ed è arrivata in Corea del Sud e Giappone come grandi favoriti. però, Zidane, Djorkaeff, Thuram, Desailly, Henry e Trezeguet fu sconfitto. Una sconfitta per 1-0 contro gli esordienti del Senegal nella partita di apertura è stata seguita da uno 0-0 contro l’Uruguay e una sconfitta per 2-0 contro la Danimarca. Infatti, i Bleus hanno lasciato l’ultima Coppa del Mondo del Gruppo A con un solo punto… e senza segnare!

Italia (2006-10)

Gli Azzurri andarono a Germania 2006 impantanati nello scandalo ‘calciopoli’. C’era così tanto rumore in giro che quasi nessuno si aspettava un’Italia che, dopo aver battuto l’Australia (1-0) agli ottavi di finale con il gol di Totti su rigore al 95′ è cresciuto. Nel finale, segnato da Zidanotestata Materazzi, hanno sconfitto la Francia (5-3) ai rigori. In Sud Africa 2010, erano più ottimisti… ma sono usciti in rapida successione. Il gruppo sembra molto gestibile, ma LippiL’Italia ha pareggiato solo con Paraguay (1-1) e Nuova Zelanda (1-1). Nell’ultima giornata della partita, hanno perso contro la Slovacchia (3-2) e hanno detto ‘arrivederci’.

Spagna (2010-2014)

La Roja ha superato il successo della Francia e ha realizzato qualcosa di senza precedenti nella storia del calcio: è stata la prima squadra a vincere tre tornei consecutivi dal 2008 al 2012. In Sud Africa 2010, dopo la prima sconfitta contro la Svizzera, quasi tutto è in linea. Piano. Forse mancava un po’ di forza per accompagnare un dominio così schiacciante, ma la Spagna ha battuto il Portogallo (1-0) negli ottavi, il Paraguay (0-1) nei quarti, la Germania (0-1) in semifinale e l’Olanda (0-1) nel finale con un gol indimenticabile di Iniesta. Del Bosco si è fidato dello stesso gruppo di giocatori a Brasile 2014 e gli olandesi si sono presi la rivincita con una vittoria per 5-1 nella partita di apertura. La sconfitta contro il Cile (0-2) ha eliminato matematicamente la Spagna campione del mondo alla seconda giornata. La Roja ha chiuso il Mondiale con una vittoria di consolazione sull’Australia (0-3) nel bye che le ha permesso di chiudere al terzo posto nel girone B.

Germania (2014-2018)

Anche la Germania aveva una grande ansia. Nel 2014 ha conquistato il mondo del calcio con totale autorità. GotzeÈ bastato un gol al 113′ per battere l’Argentina (1-0) in finale… ma la sconfitta per 7-1 del Brasile in semifinale resta il ricordo più bello. però, Gioacchino BassoLa Germania non è invecchiata bene. In Russia 2018 hanno seguito dall’inizio. Hanno perso la prima partita contro il Messico, vinta contro la Svezia con un gran gol di Attraverso al 95′ e nell’ultima giornata, mentre cercavano disperatamente un gol per accedere agli ottavi, hanno perso due gol contro la Corea del Sud (2-0) ai supplementari. Una sconfitta li ha portati all’ultimo posto nel Gruppo F.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *