Twitter fa causa a Elon Musk per l’offerta di ritirarsi dall’accordo di acquisizione da 44 miliardi di dollari | Cinguettio

Martedì Twitter ha fatto causa a Elon Musk per costringerlo a completare la sua acquisizione da 44 miliardi di dollari del gigante dei social media dopo che venerdì aveva annunciato che avrebbe ritirato la sua offerta.

“La strategia di uscita di Musk è un modello di ipocrisia”, afferma la causa, accusando il miliardario di argomentare “in malafede” contro Twitter e di condurre “attacchi pubblici e diffamatori” alla società.

La causa ha dato inizio a quella che potrebbe diventare una lunga saga legale sulla fusione fallita. Il CEO di Tesla e l’uomo più ricco della Terra hanno raggiunto un accordo per l’acquisto di Twitter il 25 aprile, offrendo di acquistare tutte le azioni della società per $ 54,20 ciascuna, ma da allora si è tirato indietro tra le accuse di account “spam” sulla piattaforma.

“Musk ha stipulato un accordo di fusione vincolante con Twitter, promettendo di fare del suo meglio per portare a termine l’accordo”, secondo la causa. “Ora, meno di tre mesi dopo, Musk si rifiuta di onorare i suoi obblighi nei confronti di Twitter e dei suoi azionisti perché l’accordo che ha firmato non serve più i suoi interessi personali”.

Poiché l’accordo includeva una disposizione chiamata “clausola di prestazione specifica”, un tribunale potrebbe costringere Musk ad acquistare la società fintanto che avesse un finanziamento in atto, che ha affermato di essersi assicurato a maggio.

Musk potrebbe essere condannato a pagare $ 1 miliardo per essersi allontanato, una sanzione che ha indicato in un deposito presso la Securities and Exchange Commission che vuole evitare. La SEC potrebbe imporre ulteriori sanzioni contro Musk, inclusa la sua rimozione dalla guida di una o più delle numerose società che dirige, tra cui Neuralink, Tesla e SpaceX.

La denuncia descrive in dettaglio come Musk si sia offerto di acquistare Twitter a un prezzo relativamente alto e si sia tirato indietro dopo un crollo del mercato che ha portato a un crollo dei titoli tecnologici. Per sfuggire con successo all’accordo senza penalità, Musk dovrebbe dimostrare “effetti negativi materiali” o violazione del contratto. “Musk dovrebbe provare a crearne uno”, dice la causa.

Per fare ciò, Musk ha iniziato a concentrarsi sul problema dello “spam bot”, afferma la causa. Twitter afferma che gli account spam costituiscono meno del 5% dei suoi oltre 200 milioni di utenti, ma Musk insiste sul fatto che il numero è molto più alto e ha accusato Twitter di nascondere informazioni sul problema. Twitter ha annunciato questo mese di aver sospeso più di 1 milione di account spam al giorno.

Carlo Tobia uno studioso presso la University of Richmond School of Law, ha affermato che il processo potrebbe richiedere diversi mesi o più, con un probabile accordo.

“I litiganti si renderanno conto che può richiedere molto tempo, denaro e controproducente”, ha affermato. “Una battaglia legale prolungata può essere molto costosa e richiedere molto tempo, può distrarre entrambe le parti dal passare a sforzi più produttivi per migliorare le loro attività esistenti e può rivelare molti aspetti imbarazzanti delle loro pratiche commerciali, il che potrebbe avere un effetto negativo sulla loro reputazione .”

Musk ha annunciato la sua offerta pubblica di acquisto il 14 aprile e il consiglio di amministrazione di Twitter ha acconsentito dopo che Musk ha confermato un pacchetto di finanziamento per l’accordo che includeva 21 miliardi di dollari del proprio denaro.

Con l’accordo, Musk controllerà una rete di social media con oltre 200 milioni di utenti. Un utente avido ma critico della piattaforma, si è impegnato a portare avanti varie riforme, tra cui l’allentamento delle restrizioni sui contenuti, l’eliminazione dalla piattaforma di account falsi e automatizzati e l’allontanamento dal modello di entrate basato sulla sua pubblicità.

Musk ha annunciato il 13 maggio che l’accordo era “sospeso” in attesa di dettagli a sostegno dell’affermazione di Twitter di spam o account falsi. Ha insistito sul fatto che il numero fosse del 20% e ha detto che Twitter avrebbe dovuto mostrare la prova di un numero inferiore per l’acquisto.

Twitter ha negato ciò in una forte denuncia, dicendo che Musk ha continuato a twittare, il che era falso, che Twitter era “non collaborativo” nel fornire informazioni “apparentemente credendo che ripetere una bugia sia sufficiente per renderla reale”.

La causa descrive in dettaglio diversi tweet inviati da Musk che “incriminano” la società, incluso un tweet diretto al CEO di Twitter, Parag Agrawal, che conteneva un’emoji di cacca e una serie di meme.

“Per Musk, a quanto pare, Twitter, gli interessi dei suoi azionisti, la transazione che Musk ha accettato e il processo giudiziario per farla rispettare costituiscono uno scherzo elaborato”, si legge nella denuncia.

Musk apparentemente ha risposto alla causa martedì pomeriggio, twittato: “Oh l’ironia lol.”

Dan Milmo ha contribuito a questa storia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *