Perché le nazioni in via di sviluppo accettano Bitcoin come moneta a corso legale

Perché le nazioni in via di sviluppo accettano Bitcoin come moneta a corso legale

Il rapporto della Banca mondiale indica un aumento del numero di persone che vivono in condizioni di estrema povertà negli ultimi tre anni. Ciò significa che più persone vivono con non più di $ 1,90 al giorno. La pandemia di Covid-19 ha particolarmente aumentato i livelli di povertà nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo. Altri fattori includono il cambiamento climatico, il conflitto globale e l’inflazione incontrollata. Inoltre, prima di scambiare Bitcoin assicurati di investire nell’avere una piattaforma di trading affidabile come reddito bitcoin

I livelli di povertà hanno continuato a diminuire negli ultimi anni fino a quando la pandemia globale ha interrotto la tendenza. Inoltre, nei prossimi anni da 75 a 95 milioni di persone potrebbero dover affrontare maggiori sfide economiche, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Nell’era post-Covid, i paesi in via di sviluppo affrontano più sfide, tra cui l’aumento della disoccupazione, gli alti tassi di criminalità, la corruzione e l’instabilità politica. E queste sfide aumentano ulteriormente il livello di difficoltà. Per questo motivo, i cittadini non hanno alcuna possibilità di migliorare la propria vita. Alcuni non sono più in grado di sostenere finanziariamente la propria famiglia o i propri cari.

Le sfide dei paesi in via di sviluppo hanno spinto più cittadini a cercare pascoli più verdi nei paesi sviluppati. Altri si rivolgono a piattaforme per acquistare e vendere criptovalute a scopo di lucro.

A causa dei potenziali vantaggi, questo asset crittografico è diventato popolare nei paesi in via di sviluppo. Alcuni esperti sostengono che Bitcoin può aiutare a contrastare la crescente povertà in queste aree. Questo perché può aiutare le persone a ottenere un nuovo flusso di reddito e i governi possono usarlo per rinvigorire le loro economie invece di utilizzare valuta fiat instabile.

Bitcoin come moneta a corso legale

Molti paesi in via di sviluppo hanno adottato Bitcoin come moneta a corso legale. Ad esempio, El Salvador ha scioccato il mondo dopo aver accettato Bitcoin come corso legale nel 2021. Inoltre, questo paese detiene Bitcoin come riserva nel suo bilancio. Questa mossa sorprendente ha aperto i governi del mondo a considerare la criptovaluta come moneta a corso legale. Un altro paese in via di sviluppo, la Repubblica Centrafricana, si è unito al carrozzone rendendo Bitcoin una moneta a corso legale.

Dopo il trasferimento di El Salvador, il presidente del paese ha invitato le banche centrali e le autorità finanziarie di altri paesi a partecipare a una conferenza Bitcoin, guidata da rappresentanti dei paesi africani. L’incontro ha discusso dell’economia digitale, dell’inclusione finanziaria e dell’unbanked banking. Inoltre, i rappresentanti hanno discusso dei vantaggi e del lancio di Bitcoin in El Salvador.

Tuttavia, i paesi in via di sviluppo devono affrontare sfide che ostacolano la rapida adozione delle criptovalute come corso legale, tra cui corruzione, mancanza di fiducia e mancanza di infrastrutture. Alcuni rapporti indicano che alcuni paesi hanno vietato la criptovaluta, mentre altri hanno regolamenti vaghi.

Perché le nazioni in via di sviluppo stanno considerando Bitcoin come moneta a corso legale

Convertire un paese in modo che accetti Bitcoin come moneta a corso legale non è facile./ Tuttavia, due paesi hanno compiuto passi coraggiosi e affermano che il futuro sembra roseo. La maggior parte dei paesi in via di sviluppo può guadagnare molto dall’adozione delle criptovalute. L’ecosistema crittografico presenta molti vantaggi che possono contribuire ad aumentare il loro PIL complessivo e combattere la povertà.

Ad esempio, Satoshi Nakamoto ha creato Bitcoin per aiutare gli underbanked e gli unbanked. I paesi in via di sviluppo hanno più del 50% della loro popolazione senza accesso ai servizi finanziari essenziali o alle infrastrutture bancarie. La tecnologia blockchain e l’ascesa di Bitcoin in questi paesi possono aiutare le persone a partecipare all’ecosistema finanziario globale. Questo perché consentiranno loro di accedere a denaro digitale economico e veloce che possono spendere ovunque.

L’ecosistema della finanza decentralizzata consente alle persone senza conti bancari di accedere a prestiti, staking e conti di risparmio. Quindi, queste persone possono accedere al credito più velocemente e persino realizzare un reddito passivo. Numerose organizzazioni e piattaforme filantropiche basate su blockchain stanno collaborando con i paesi in via di sviluppo per rendere le criptovalute accessibili e utilizzarle per affrontare le loro sfide economiche.

Inoltre, Bitcoin può essere una copertura contro l’inflazione. La criptovaluta ha un’offerta massima limitata, che la rende deflazionistica. Sebbene il settore delle criptovalute sia alle prese con la volatilità, Bitcoin può aiutare a far fronte all’iperinflazione nei paesi del terzo mondo.

Pensieri finali

Bitcoin può beneficiare i paesi in via di sviluppo in vari modi. Ciò aiuterà gli underbanked e gli unbanked ad accedere ai servizi finanziari, compreso il credito. Inoltre, le persone in questi paesi possono utilizzare Bitcoin per ottenere entrate passive. Tuttavia, questi paesi devono superare le sfide che impediscono ad alcuni individui e governi di utilizzare la criptovaluta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *