Il verdetto di Forecaster nel Regno Unito si blocca poche ore dopo che una pericolosa tempesta di neve ha colpito gli Stati Uniti | Periodo | notizia

La parte settentrionale degli Stati Uniti è stata colpita da una massiccia, storica, tempesta di neve che ha visto fino a 6 piedi di bufere di neve “paralizzare” alcune aree, con divieti di viaggio messi in atto per motivi di sicurezza. Più di otto milioni di persone in sei stati dei Grandi Laghi sono stati oggetto di allerta meteorologica invernale durante il fine settimana, tra cui Wisconsin, Michigan, Indiana, Ohio, Pennsylvania e New York. Ma con le condizioni che finalmente cominciano ad allentarsi, le autostrade hanno iniziato a riaprire e il divieto di movimento tra città come il lago Erie e il lago Ontario è stato revocato. In un briefing proprio ieri, il governatore di New York Kathy Hochul ha dichiarato: “Senza dubbio, questo è uno dei libri dei record”.

Il Met Office ha offerto alcune spiegazioni per quello che è successo dall’altra parte dell’Atlantico e ha detto: “L’effetto neve del lago si verifica quando l’aria fredda dell’Artico si sposta sull’acqua calda. L’aria calda e umida sale e si raffredda rapidamente formando nuvole di pioggia .

“Se la direzione del vento rimane la stessa, si possono formare bande di nevicate che danno alle stesse aree continue nevicate abbondanti per diversi giorni”. Sebbene gli Stati Uniti prendano la neve con calma e si aspettino di vederla ogni inverno in alcune aree, una tale tempesta di questa capacità ha visto risorse investite nelle aree colpite nel tentativo di proteggere le comunità da così tanta neve che colpisce milioni di persone.

Qui nel Regno Unito, gli eventi di quest’epoca difficilmente si sono verificati su tale scala. Ma con molteplici correnti a getto e sistemi di bassa o alta pressione dall’Atlantico che dettano le previsioni del Regno Unito, molti si chiederanno se questo paese è destinato a vedere qualche residuo delle condizioni invernali che gli Stati Uniti hanno sopportato.

La risposta breve è: sì, questo clima influenzerà il Regno Unito, ma non sarà neanche lontanamente il peggiore e sarà completamente diverso quando raggiungerà la Gran Bretagna.

Jim Dale, meteorologo senior presso i British Weather Services, ha dichiarato a Express.co.uk che il paese sta già avvertendo i suoi effetti, influenzando la corrente a getto più di ogni altra cosa.

Ha detto: “Proprio dal punto in cui l’aria semi-tropicale più mite si alza nel medio Atlantico mescolandosi con l’aria fredda occidentale. Ciò equivale a una formazione di bassi profondi e fronti attivi. Fa freddo nella corrente a getto che ruggisce verso di noi e questo è perché siamo dove siamo attualmente. Non c’è alcun trasferimento del congelatore statunitense nel Regno Unito”.

All’inizio del mese, il meteorologo del Met Office Alex Deakin ha anche condiviso la sua opinione su ciò che gli Stati Uniti dovrebbero vedere e su come questo si tradurrà per il Regno Unito. Ha detto: “Questo rafforzerà e rinvigorirà la corrente a getto perché l’Artico si sta raffreddando e i tropici sono ancora caldi.

“Ma quando vedi le grandi collisioni che avremo sugli Stati Uniti, che possono davvero aumentare il flusso a getto a un livello extra – ed è quello che vedremo. Attraverserà a ovest. Le parti dell’Atlantico e i venti più forti nel mezzo di quel jet si riprenderanno davvero”.

LEGGI DI PIÙ: Il mega congelamento dell’Atlantico colpirà il Regno Unito con piogge torrenziali e tempeste a 80 mph

E il signor Deakin aveva ragione – la scorsa settimana il Regno Unito ha visto la maggior parte delle aree emettere avvisi meteorologici per vento e pioggia con tempo instabile e turbolento che continuava a colpire la Gran Bretagna – con alcuni venti che aumentavano fino a 80 mph nel nord-est e in alcune parti della Scozia.

Aspettatevi il Regno Unito: la prospettiva della neve non è del tutto fuori discussione. Le mappe meteorologiche indicano un po’ di neve durante la notte dal 6 al 7 dicembre, ma data la distanza, la fiducia rimane bassa.

Tuttavia, è la maggior quantità di neve prevista finora per il paese in questa stagione, con un set di spolverate che potrebbe spingersi fino a Leeds, piuttosto che ai confini delle Highlands scozzesi.

Il signor Dale ha dichiarato a Express.co.uk: “Gli eventi nevosi sono troppo lontani per essere certi. Per quanto riguarda il tempo più freddo finora, probabilmente. È un flusso d’aria direttamente dall’Artico, l’avvertenza è se lo fa. Se rimane per altri 2 o 3 giorni, possiamo essere più fiduciosi. È insolito vedere un focolaio settentrionale all’inizio di dicembre, quindi è normale”.

NON PREOCCUPARTI
Allarme di virus ‘contagioso’ nella temuta tripledemica peggiore del Covid [REPORT]
Regno Unito per rintracciare i trafficanti di migranti dallo spazio mentre il lancio ottiene l’approvazione [INSIGHT]
Caver ricorda il momento “senza parole” in cui fu scoperta la nuova specie umana [REVEAL]

Le previsioni meteorologiche a lungo termine del Met Office per dicembre prevedono un periodo più favorevole per la Gran Bretagna, che potrebbe rappresentare un’occasione ideale per nevicate. Dice: “La fiducia è bassa, anche se non insolita.

“Il risultato più probabile è che le condizioni miglioreranno man mano che l’alta pressione si sposta verso o sopra il Regno Unito, portando un clima più secco e mite rispetto agli ultimi tempi, in particolare nel nord.

“È probabile che le temperature tendano da vicino alla media a volte al di sotto della media, con un aumento del rischio di gelo e nebbia. È più probabile che eventuali periodi di tempo più instabile si verifichino nel sud del Regno Unito, almeno per una stagione, mentre il nord aree rimangono asciutte.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *