Il Twitter di Elon Musk è una follia destinata a esplodere presto?

FOLLY ha due significati nella maggior parte dei dizionari.

Primo, un atto di follia o un’idea molto folle. In secondo luogo, in relazione agli edifici, una struttura ornamentale e nessuno scopo pratico diverso dall’autoindulgenza.

Follia di McCaig è un buon esempio. Un mini colosseo romanico che si trova sul lato di Battery Hill, che domina la bellissima città di Oban.

Costruito per la prima volta nel 1897 dal banchiere scozzese John Stuart McCaig per custodire la memoria di se stesso e della sua famiglia.

La costruzione si interruppe quando McCaig morì nel 1902 e la sua famiglia sfidò la sua volontà per ulteriori piani di costruzione tra cui una torre e leggi sue e dei membri della famiglia; sembrano un piano più pratico per i suoi soldi.

Avanti veloce di 120 anni e abbiamo ancora follie anche su scale più grandi.

L’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk è un classico esempio di ciò che accade quando un ego non viene controllato e non ha confini.

Musk ha acquistato Twitter per 44 miliardi di dollari. L’azienda ha registrato perdite per sette degli ultimi nove anni.

Musk ha affermato che Twitter perdeva 4 milioni di dollari al giorno, il che probabilmente spiega perché in precedenza aveva tentato, senza successo, di uscire da un accordo per acquistare la società. Non valeva quello che l’aveva pagato.

È stato riferito che Twitter ha quasi un quarto di miliardo di utenti.

Affinché l’attività basata su abbonamento abbia successo – Musk ha ora lanciato “Blue Twitter” per $ 8 al mese – avrai bisogno di un utente su quattro per sottoscrivere un abbonamento senza pubblicità.

Mettendo da parte il fatto che molti utenti sono “bot” – un account Twitter di social media controllato da un software per computer che genera i propri contenuti – costruire un livello così alto di abbonamenti sembra impossibile.

YouTube ha 2,6 miliardi di utenti con 80 milioni di abbonati, ovvero tre utenti su 100 disposti a iscriversi.

A questo si aggiunge il fatto che Musk ha intimidito molti dei suoi grandi inserzionisti aziendali tra cui General Motors, Audi, United Airlines, Volkswagen ed Eli Lilly, la grande azienda farmaceutica.

Il canale di notizie americano CBS News ha sospeso l’uso di Twitter durante il fine settimana spiegando: “A causa dell’incertezza che circonda Twitter e per un’abbondanza di cautela, CBS News ha sospeso la sua attività sul sito di social media mentre continua a monitorare la piattaforma”.

Durante il fine settimana, Elon Musk ha lanciato un sondaggio online su Twitter sull’opportunità di reintegrare l’ex presidente Donald Trump sul sito dei social media.

Dei 15 milioni di voti espressi, il 52% era a favore della reintegrazione, con il 48% contrario. Un’eco inquietante del disastroso esito del voto sulla Brexit nel Regno Unito nel 2016.

Musk ha twittato che “134 milioni di persone hanno visto questo sondaggio”. Gli piacciono i grandi numeri.

Tuttavia, queste sono solo impressioni e probabilmente includeranno molte delle stesse persone (e bot) che torneranno ancora e ancora per controllare il conteggio delle votazioni.

Ieri Musk ha twittato: “Il popolo ha parlato. Trump verrà riportato indietro. Vox Populi, Vox Dei”.

La traduzione di questa frase latina è “la voce del popolo è la voce di Dio”. Ora, c’è un ego fuori controllo.

Non abbiamo idea di quante di quelle “persone” siano “bot”. Più preoccupante è l’idea di decidere le cose attraverso il populismo casuale.

Puoi ritenere che questa sia la compagnia di Musk e lui può fare quello che vuole. Siamo liberi di andarcene o restare.

Certo, l’accordo finanziario è finanziato personalmente da Musk ma anche da un’ampia gamma di grandi investitori finanziari, attenzione all’acquirente che potrebbe essere un concetto che gli investitori riconosceranno presto.

Nonostante tutto il rispetto formale di Elon Musk per la libertà di parola e la democrazia, la sua grande idea è davvero quella di riportare in vita Donald Trump?

Lo stesso Trump si è più volte rifiutato di accettare il voto democratico alla presidenza Usa nel 2020.

L’uomo che ha affermato falsamente che l’elezione gli è stata “rubata” mentre abbatteva una folla inferocita a Capitol Hill.

Trump è l’unico presidente degli Stati Uniti ad essere stato messo sotto accusa due volte, l’ultima dalla Camera dei Rappresentanti per l’insurrezione al Campidoglio di Washington lo scorso anno.

Trump ricorda il romanzo di O Henry del 1904, Cabbages and Kings. Una raccolta di storie ambientate nell’immaginaria repubblica delle banane di Anchuria – il libro ha coniato il termine “repubblica delle banane”.

Trump si è concesso più sciocchezze sui capelli rispetto alla maggior parte delle persone sul pianeta messe insieme. Il suo ego corrisponde a quello di Musk.

Un ritorno al trumpismo pieno di odio sui social media potrebbe essere la mossa che spodesterà Twitter. Ciò va contro l’ambizione di trasparenza di Musk e Twitter è il posto migliore per informazioni accurate.

Il trumpismo post-verità combinato con il fingere di essere chiunque pagando otto dollari al mese per un segno di spunta blu è un matrimonio fatto in paradiso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *