Il re delle criptovalute Sam Bankman-Fried è il problema

Alla fine del 2008, il rilascio del white paper Bitcoin ha introdotto il mondo alla criptovaluta. Negli anni successivi è emersa un’intera industria nota colloquialmente come criptovaluta. All’interno di questo settore, le persone creano costantemente quella che dicono sia la prossima versione migliore di Bitcoin. Alcune società sono state create anche per fungere da scambi di criptovaluta, dove le persone possono acquistare e vendere criptovaluta, dando ai clienti l’accesso a queste risorse e protocolli.

Gran parte dell’industria delle criptovalute ha deviato dai principi fondamentali per lo sviluppo del Bitcoin stesso.

Bitcoin è una vera innovazione tecnologica. Ma gran parte dell’industria delle criptovalute ha deviato dai principi fondamentali per lo sviluppo del Bitcoin stesso. Come evidenzia la spettacolare caduta dell’exchange di criptovalute FTX, l’industria delle criptovalute è piena di truffe, schemi Ponzi e malintenzionati. Di conseguenza, è diventato più chiaro che Bitcoin dovrebbe essere inteso come qualcosa al di fuori di questo settore delle criptovalute.

La creazione di Bitcoin non è stata una scoperta casuale, ma piuttosto il prodotto di decenni di discussioni e sviluppo da parte di un gruppo di persone conosciute come cypherpunk. È un gruppo eclettico di persone interessate alle questioni della privacy nell’era digitale e al modo in cui il mondo digitale richiede che i registri contabili tengano un registro elettronico delle transazioni.

I cypherpunk vogliono un’alternativa: una valuta privata. Per capire come progettare questo tipo di denaro, i cypherpunk hanno studiato il denaro delle merci e il free banking. Lungo la strada, ci sono stati diversi tentativi di implementare questa idea, ma non sono mai decollati o alla fine sono falliti.

Per introdurre valuta con le proprietà desiderate dai cypherpunk sarebbe necessario qualcosa che resista alla censura. La creazione di una nuova forma di moneta deve anche fare i conti con gli incentivi dell’emittente, perché qualcuno che può emettere la propria moneta può potenzialmente manipolare l’offerta a proprio vantaggio a spese di altri.

Bitcoin ha risolto entrambi questi problemi. Chiunque può scaricare il software Bitcoin ed eseguire un nodo sulla rete. La rete decentralizzata mantiene un libro mastro digitale chiamato blockchain che tiene traccia dei saldi della criptovaluta nota come bitcoin.

Per risolvere il problema della fiducia dell’emittente, il software Bitcoin è programmato per avere una fornitura fissa di bitcoin. Le persone non devono fidarsi del donatore per essere oneste. Pertanto, Bitcoin risolve il problema della fiducia dell’emittente rimuovendo la fiducia dal sistema.

Questi nuovi progetti non mirano a risolvere i problemi pratici che hanno motivato i cypherpunk, ma in realtà trattano la blockchain come un’altra cosa di cui parlare per l’industria tecnologica.

Qualunque cosa si possa pensare di Bitcoin, è chiaramente un cambiamento significativo motivato da un problema pratico. È importante non solo come questione tecnica o curiosità della teoria economica, ma anche come tecnologia importante a Cuba, in Afghanistan, nei territori palestinesi e in Africa, luoghi in cui la cattiva gestione e la corruzione hanno afflitto il principale sistema finanziario.

La moderna industria delle criptovalute, tuttavia, non condivide necessariamente la stessa visione che ha motivato la creazione di Bitcoin. Questi nuovi progetti non mirano a risolvere i problemi pratici che hanno motivato i cypherpunk, ma in realtà si limitano a trattare la blockchain come un’altra cosa di cui parlare per l’industria tecnologica.

Sebbene queste alternative spesso forniscano “caratteristiche” aggiuntive che Bitcoin non ha, lo fanno a scapito di principi come il decentramento e la resistenza alla censura che sono fondamentali per Bitcoin. La più ovvia di queste è la seconda blockchain più grande nota come Ethereum, che consente alle persone di scrivere programmi per computer sulla blockchain. Poco dopo che è stato sviluppato, qualcuno ha trovato un difetto in uno di questi programmi e ha utilizzato il difetto per trasferire l’ether di altre persone (la criptovaluta di Ethereum) nel proprio. Gli sviluppatori di Ethereum hanno risposto creando una versione alternativa della blockchain che funziona come se l’hack non fosse mai avvenuto. Questo per quanto riguarda il decentramento.

È più di una semplice differenza di visioni. Le criptovalute hanno creato un intero settore di schemi per arricchirsi rapidamente. A partire dal 2017, questo è stato presentato sotto forma di offerte iniziali di monete (ICO). Sono nati vari progetti per sviluppare programmi che possono essere scritti sulla blockchain di Ethereum. Ogni progetto crea il proprio token digitale che venderà per generare finanziamenti per il progetto. In caso di successo, le persone che acquistano il token possono usarlo per il progetto (anche se questo è spesso un uso discutibile) o vendere il token a scopo di lucro una volta che il progetto ha successo. La maggior parte di questi progetti erano fallimenti o truffe e la Securities and Exchange Commission ne ha perseguiti molti. Il processo è diventato così severo che qualcuno ha provocatoriamente creato qualcosa chiamato Useless Ethereum Tokens. Sebbene la repressione della SEC abbia limitato parte di questo comportamento truffaldino ed egoistico, permangono le accuse secondo cui i venture capitalist stanno ancora approfittando degli investitori alle prime armi.

L’anno scorso, la trama è solo peggiorata. Il primo domino a cadere è stato un progetto chiamato TerraUSD, lanciato su Terra Network. Si dice che TerraUSD sia progettato per essere una moneta stabile, o un token che scambia uno a uno con il dollaro USA. I creatori hanno ideato uno schema contorto per scambiare TerraUSD con un’altra criptovaluta per garantire che 1 TerraUSD abbia sempre un prezzo pari a $ 1. Come si può immaginare, scambiare un bene senza valore con un altro non è una strategia sostenibile.

Tuttavia, il progetto è diventato molto popolare grazie alla promessa che gli investitori avrebbero ottenuto un tasso di interesse del 20% sui loro beni. Questa promessa non è altro che uno schema Ponzi. Il valore attuale di TerraUSD vale solo pochi centesimi, il che significa che chiunque continui a detenerlo ha perso quasi tutti i propri soldi.

Come se ciò non bastasse, la scorsa settimana è stato rivelato che uno dei più grandi scambi di criptovalute del mondo è gratuito. Guidato dall’eccentrico amato dei media Sam Bankman-Fried, l’exchange di criptovalute FTX ha registrato un enorme aumento dalla sua fondazione nel 2019. Con una campagna di marketing senza precedenti che includeva i diritti di denominazione di un’arena NBA e uno spot pubblicitario del Super Bowl, Bankman-Fried e FTX sono diventati grandi giocatori nello spazio crittografico. FTX ha offerto alle persone un modo per depositare denaro e acquistare e vendere criptovalute. Ha anche permesso ai trader più avanzati di speculare con strategie di trading più uniche. Bankman-Fried si considerava anche una fanatica della politica, testimoniando al Congresso per quanto riguarda la regolamentazione delle criptovalute.

Ora sembra che la società possa anche utilizzare in modo fraudolento i fondi dei clienti per pensare al proprio profitto. Il Wall Street Journal e la CNBC, citando fonti anonime, hanno riferito che un hedge fund di proprietà e fondato da Bankman-Fried, noto come Alameda Research, aveva prestato miliardi di dollari ai fondi dei clienti da utilizzare per il trading. Secondo CNBC, tutto questo viene fatto all’insaputa dei clienti FTX. Miliardi di dollari di denaro dei clienti avrebbero potuto essere semplicemente persi.

Ciò che questa storia mostra è che ciò che è comunemente noto come cripto è chiaramente distinto sia dalla visione cypherpunk che ha motivato la creazione di Bitcoin sia dagli sviluppi dentro e intorno a Bitcoin stesso nell’ultimo decennio. Sebbene Bitcoin sia stato creato per essere una forma di valuta digitale affidabile e resistente alla censura, le criptovalute sono diventate uno spazio dominato da schemi per arricchirsi rapidamente. Qualunque sia questa industria delle criptovalute, la maggior parte dei Bitcoiner e dei Bitcoiner non ne vuole far parte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *