Giornalista americano imprigionato con una maglia arcobaleno prima della partita USA-Galles

AL-RAYYAN, Qatar – Due giornalisti americani sono stati invitati a togliersi i vestiti con motivi arcobaleno dalle autorità nelle sedi della Coppa del Mondo in Qatar nei giorni scorsi.

Sabato, il giornalista del Los Angeles Times Kevin Baxter è stato informato da un agente di polizia presso il sito di allenamento del Qatar della squadra nazionale maschile degli Stati Uniti. che le maschere color arcobaleno sono vietate.

Due giorni dopo, allo stadio Ahmad bin Ali, dove lunedì sera l’USMNT giocherà contro il Galles, il giornalista di calcio di lunga data Grant Wahl ha detto che gli è stato detto dalla sicurezza di cambiarsi e indossare una maglietta con un motivo arcobaleno attorno al pallone da calcio. La FIFA ha detto a Yahoo Sports che l’incidente è stato un “errore” e ha detto che era stato “risolto”.

Wahl ha dichiarato in un tweet di follow-up di essere stato trattenuto per “circa mezz’ora”. Ha scritto sul suo sito web che, dopo aver twittato sull’incidente, una guardia di sicurezza “mi ha preso con la forza il telefono dalle mani”. Alla fine gli è stato permesso di entrare con la maglietta addosso, ma solo dopo quella che ha descritto come una “dura prova”.

I diritti LGBTQ sono stati uno dei pochi punti critici di questo Mondiale in Qatar, dove l’omosessualità è criminalizzata. La FIFA e il Comitato Supremo, gli organizzatori congiunti della Coppa del Mondo, hanno promesso ai fan e ai partecipanti LGBTQ che sono i benvenuti. Il presidente della FIFA Gianni Infantino ha detto sabato che “ha parlato di questo argomento con la massima leadership del paese – più volte, non solo una volta. E hanno confermato che posso confermare che tutti sono i benvenuti”.

Ma prima dell’inizio delle partite di lunedì, sette squadre europee hanno abbandonato i piani per far indossare ai capitani fasce antidiscriminazione color arcobaleno dopo che la FIFA li ha minacciati di “sanzioni sportive”. Quindi, ESPN ha riferito che la FIFA ha chiesto al Belgio di rimuovere la parola “amore” dal colletto delle loro maglie due giorni prima che affrontino il Canada nel Gruppo F.

Vista generale fuori dallo stadio durante la partita del Gruppo B della Coppa del mondo FIFA Qatar 2022 tra Stati Uniti e Galles allo stadio Ahmad Bin Ali il 21 novembre 2022 a Doha, Qatar. (Foto di Tim Nwachukwu/Getty Images)

Ciò di cui i fan e i funzionari occidentali si sono sempre preoccupati, tuttavia, è l’incapacità degli organizzatori di controllare le azioni di ogni singolo agente di polizia locale e guardia di sicurezza.

A Baxter – che ha indossato, tra l’altro, una maschera color arcobaleno per circa due anni – è stato detto di togliersela quando è entrato nello stadio Thani bin Jassim prima della sessione di allenamento degli Stati Uniti. Gli viene quindi offerta la solita maschera blu, a quel punto si rende conto che gli deve essere stato detto di togliersela a causa dei colori dell’orgoglio LGBTQ. “Ed è allora che mi sono arrabbiato”, ha detto a Yahoo Sports. Si rifiutò di indossare una semplice maschera e se ne andò senza.

Dopo che Baxter ha twittato sull’incidente, un funzionario di US Soccer lo ha contattato “molto rattristato dalle azioni della polizia”, ​​ha detto. Successivamente ha ricevuto una telefonata da un rappresentante del Comitato Supremo, che ha chiesto informazioni sulla sua sicurezza e ha detto che avrebbero esaminato l’incidente.

Wahl ha anche detto di aver ricevuto delle scuse da un funzionario della FIFA. Ecco la sua altra descrizione dell’incidente dal sito web di Wahl:

Una guardia di sicurezza mi ha detto che la mia maglietta era “politica” e non consentita. Un altro continua a rifiutarsi di restituirmi il telefono. Un’altra guardia mi ha urlato mentre si trovava sopra di me – ora ero seduto su una sedia – che dovevo togliermi la maglietta.

“Puoi renderlo facile. Togliti la camicia”, disse uno.

Gli ho detto di no, aggiungendo che la mia maglietta non era affatto politica.

Il mio amico Andrew Das, giornalista del New York Times, si è fermato e gli ho fatto sapere cosa stava succedendo. Lo hanno anche fermato.

Dopo un po’, le guardie mi hanno fatto alzare, voltare le spalle e guardare la telecamera a circuito chiuso sopra di noi.

“Vieni dal Regno Unito?” chiese una guardia.

«New York», dissi. Questo è fastidioso. Sono venuto quando l’ho fatto per avere abbastanza tempo per guardare la partita Olanda-Senegal, e ora mi manca.

Alla fine, hanno lasciato andare Andy. E un comandante della sicurezza mi si è avvicinato. Ha detto che mi hanno fatto entrare e si è scusato. Ci siamo dati la mano.

Una delle guardie di sicurezza mi ha detto che stavano solo cercando di proteggermi dai tifosi all’interno che avrebbero potuto ferirmi indossando la maglia.

(Anche un rappresentante della FIFA si è scusato con me.)

Un tifoso inglese che indossa una maglia arcobaleno siede sugli spalti prima dell'inizio della partita di calcio del gruppo B della Coppa del mondo tra Inghilterra e Iran al Khalifa International Stadium di Doha, in Qatar, lunedì 28 novembre 2018.  21, 2022. (Foto AP/ Abbie Parr)

Un tifoso inglese che indossa una maglia arcobaleno siede sugli spalti prima dell’inizio della partita di calcio del gruppo B della Coppa del Mondo tra Inghilterra e Iran al Khalifa International Stadium di Doha, in Qatar, lunedì 28 novembre 2018. 21, 2022. (Foto AP/ Abbie Parr)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *