I futures Bitcoin CME vengono scambiati con uno sconto, ma è una cosa buona o cattiva?

I futures Bitcoin CME vengono scambiati con uno sconto, ma è una cosa buona o cattiva?

I futures su Bitcoin (BTC) di CME Group sono stati scambiati al di sotto del prezzo spot di Bitcoin nelle borse regolari dal 19 novembre. 9, una situazione tecnicamente indicata come backwardation. Sebbene ciò indichi una struttura di mercato ribassista, ci sono molti fattori che possono causare distorsioni a breve termine.

In genere, questi contratti CME a mese fisso vengono scambiati con un leggero premio, a indicare che i venditori chiedono più denaro per trattenere più a lungo il regolamento. Di conseguenza, i futures devono essere scambiati con un premio compreso tra lo 0,5% e il 2% in mercati sani, una situazione nota come contango.

Tuttavia, un importante venditore di un contratto future causerà una distorsione a breve termine nel premio future. A differenza dei contratti perpetui, questi future a calendario fisso non hanno un tasso di finanziamento, quindi il loro prezzo può variare in modo significativo sugli scambi spot.

I venditori aggressivi hanno causato uno sconto del 5% sui futures BTC

Ogni volta che c’è un’attività aggressiva da short (vendita), il contratto future a due mesi verrà venduto con uno sconto del 2% o superiore.

CME Bitcoin premio futures a 1 mese rispetto all’indice BTC. Fonte: Trading View

Nota come i future CME a un mese vengono scambiati vicino al valore equo, mostrando uno sconto dello 0,5% o un premio dello 0,5% rispetto alle borse spot. Tuttavia, durante il crollo dei prezzi di Bitcoin del 19 novembre. 9, i venditori di contratti futures aggressivi hanno fatto sì che i futures CME venissero scambiati del 5% al ​​di sotto del normale prezzo di mercato.

L’attuale sconto dell’1,5% rimane atipico, ma può essere spiegato dai rischi di spread causati dal fallimento di FTX e Alameda Research. Si dice che le organizzazioni siano collettivamente uno dei maggiori market maker nelle criptovalute, quindi il loro crollo invierà sicuramente onde d’urto in tutti i mercati correlati alle criptovalute.

L’insolvenza ha colpito gravemente noti sportelli da banco, fondi di investimento e servizi di prestito, tra cui Genesis, BlockFi e Galois Capital. Di conseguenza, gli operatori dovrebbero aspettarsi una minore attività di arbitraggio tra i futures CME e il resto degli scambi del mercato spot.

La mancanza di market maker ha esacerbato l’impatto negativo

Mentre i market maker si affrettano a ridurre la loro esposizione e valutare i rischi di controparte, l’eccesso di domanda di long e short sul CME causerà naturalmente distorsioni nell’indicatore del premio dei futures.

Il backwardation nei contratti è il principale indicatore di un mercato dei derivati ​​disfunzionale e ribassista. Tale movimento può verificarsi durante gli ordini di liquidazione o quando i grandi attori decidono di andare allo scoperto sul mercato utilizzando derivati. Ciò è particolarmente vero quando l’open interest aumenta perché vengono create nuove posizioni in queste circostanze insolite.

D’altra parte, uno sconto eccessivo creerà un’opportunità di arbitraggio perché si può acquistare un contratto future vendendo contemporaneamente lo stesso importo nei mercati spot (o margin). Si tratta di una strategia market neutral, comunemente nota come “reverse cash and carry”.

L’interesse degli investitori istituzionali per i future sul CME rimane forte

Sorprendentemente, l’open interest sui futures Bitcoin CME ha raggiunto il livello più alto in quattro mesi il 3 novembre. 10. Questi dati misurano la dimensione aggregata di acquirenti e venditori che utilizzano contratti derivati ​​CME.

CME Bitcoin futures open interest, USD. Fonte: Coinglass

Si noti che il massimo record di 5,45 miliardi di dollari si è verificato il 18 ottobre. 26, 2021, ma allora il prezzo di Bitcoin era vicino a $ 60.000. Di conseguenza, i futures CME da 1,67 miliardi di dollari aprono l’interesse il 14 novembre. 10, 2022, rimane rilevante per il numero di contratti.

Imparentato: L’exchange di criptovalute statunitense guida l’esodo di Bitcoin: oltre 1,5 miliardi di dollari in BTC ritirati in una settimana

I trader usano spesso l’open interest come indicatore per confermare le tendenze o, almeno, l’appetito tra gli investitori istituzionali. Ad esempio, un numero crescente di contratti future in sospeso viene solitamente interpretato come nuovo denaro che entra nel mercato, indipendentemente dalla distorsione.

Sebbene questi dati non possano essere considerati rialzisti su base autonoma, indicano che l’interesse degli investitori professionali per Bitcoin non scomparirà.

Come ulteriore prova, si noti che il grafico dell’interesse aperto sopra mostra che gli investitori intelligenti non hanno ridotto le loro posizioni utilizzando i derivati ​​​​Bitcoin, indipendentemente da ciò che i critici hanno detto sulle criptovalute.

Considerando l’incertezza che circonda i mercati delle criptovalute, i trader non dovrebbero presumere che lo sconto dell’1,5% nei futures CME indichi un ribasso a lungo termine.

Non c’è dubbio che ci sia una domanda di short, ma la mancanza di appetito da parte dei market maker è il fattore principale che porta all’attuale distorsione.