Tifosi, divertimento, fuochi d’artificio: il Qatar World Cup 2022 gode di una straordinaria normalità |  Coppa del Mondo

Tifosi, divertimento, fuochi d’artificio: il Qatar World Cup 2022 gode di una straordinaria normalità | Coppa del Mondo

ioSe questa Coppa del Mondo ha finalmente un impulso, è stato rilevato per la prima volta sulla Corniche di Doha poco dopo le 18:00 di sabato, quando una versione adrenalinica di Seven Nation Army è seguita da una cover di We Are the Champions con abbastanza bassi distorti da far sanguinare i timpani.

In quel momento, centinaia di tifosi presenti al FIFA Fan Festival, in particolare provenienti da Messico, Argentina, Galles e Tunisia, hanno alzato incautamente le mani al cielo, mentre migliaia di locali curiosi guardavano e agitavano i telefoni cellulari.

Chiudete gli occhi, e quel depliant patinato che dice che questo Mondiale è un ponte tra oriente e occidente per amore reciproco del calcio non appare più così tanto. E un’ora dopo, il brusio è stato ulteriormente accresciuto da uno spettacolare e prolungato scoppio di fuochi d’artificio prima che le parole “Welcome to Qatar” lampeggiassero attraverso lo skyline di Doha e un concerto della superstar della musica colombiana Old

This is a World Cup like no other. For the last 12 years the Guardian has been reporting on the issues surrounding Qatar 2022, from corruption and human rights abuses to the treatment of migrant workers and discriminatory laws. The best of our journalism is gathered on our dedicated Qatar: Beyond the Football home page for those who want to go deeper into the issues beyond the pitch.

Guardian reporting goes far beyond what happens on the pitch. Support our investigative journalism today.

“,”image”:”https://i.guim.co.uk/img/media/13fe42413e819fcefe460ac92e24955d42f3dcf6/0_132_6496_3898/6496.jpg?width=620&quality=85&auto=format&fit=max&s=533ca84411fd0ca1cbe928bd194d22b2″,”credit”:”Photograph: Tom Jenkins”,”pillar”:2}”>

Guida veloce

Qatar: oltre il calcio

mostrare

Questa è una Coppa del Mondo come nessun’altra. Negli ultimi 12 anni, il Guardian ha riferito di questioni relative al Qatar 2022, dalla corruzione e violazioni dei diritti umani al trattamento dei lavoratori migranti e leggi discriminatorie. Il meglio del nostro giornalismo è raccolto nella nostra home page dedicata a Qatar: Beyond the Football per coloro che vogliono approfondire questioni oltre il campo.

La denuncia degli accompagnatori è qualcosa di più di ciò che accade sul campo. Sostieni il nostro giornalismo investigativo oggi.

Grazie per il tuo feedback.

La gente ha esultato. La gente sorride. E una Coppa del Mondo che è passata dalle critiche alle polemiche e viceversa da quando è stata assegnata al Qatar nel 2010 è sembrata per breve tempo aver acquisito qualcosa di nuovo: una sfumatura di normalità.

Questo rischia di rivelarsi un miraggio, almeno per ora. Ci sono troppe preoccupazioni e troppo pochi tifosi rispetto a un torneo normale per questo, nonostante la forte affermazione di sabato del presidente della Fifa Gianni Infantino secondo cui portare la Coppa del Mondo in Qatar ha accelerato il ritmo delle riforme lì.

Infantino ha indicato l’abolizione del sistema di sponsorizzazione dei lavoratori della kafala e l’introduzione di un salario minimo di 231 sterline al mese prima di promettere di aver ricevuto assicurazioni che i diritti dei gay sarebbero stati rispettati, almeno ai Mondiali.

Ma Rasha Younes di Human Rights Watch, che ha rivelato diversi casi di violenza da parte delle autorità del Qatar contro le persone LGBTQ+ nel Paese, ha dichiarato in Osservatore che occorre fare di più per rafforzare tale protezione.

“La FIFA è piuttosto conservatrice nel suo approccio ai lavoratori, ai diritti LGBT e ai diritti delle donne”, ha affermato. “E non sembra capire il peso della sua responsabilità e del suo ruolo nel mondo dello sport, specialmente in paesi come il Qatar che hanno un triste record di diritti umani”.

Ciò che è chiaro da tempo è che questa Coppa del Mondo sarà una sconcertante combinazione di ricchi e opachi. Come potrebbe non esserlo quando per il torneo sono stati spesi l’incredibile cifra di 200 miliardi di dollari, circa 20 volte di più rispetto all’ultima edizione in Russia? E quando, allo stesso tempo, così tanto rimane non detto? Nessun funzionario del Qatar ha ancora assicurato che i fan gay non saranno puniti per i baci. E i fan che bevono qualche drink alcolico ancora non sanno dove sia il confine tra esuberanza e arresto.

È vero, gli stadi hanno un aspetto spettacolare, con una rivoluzionaria tecnologia di condizionamento dell’aria all’interno del terreno che garantisce a giocatori e tifosi temperature di 22°C anziché 30°C, il che significa che anche lo standard del calcio è elevato.

Tuttavia, rimangono dubbi su altre parti dell’infrastruttura. Come può essere giusto, ad esempio, che a poche ore dall’inizio del torneo, con la nazione ospitante che affronta l’Ecuador allo stadio Al Bayt, quanti villaggi dei tifosi somiglino a cantieri?

Quando il Osservatore visitato il villaggio dei tifosi di Radat Al Jahhaniya, che ospiterà centinaia di tifosi di Inghilterra e Galles, ci sono ancora cumuli di macerie e sabbia sparsi ovunque, insieme a pezzi di macchinari industriali.

Nel frattempo, resta da vedere come un paese delle dimensioni dello Yorkshire farà fronte all’afflusso previsto di oltre 1 milione di persone, che inevitabilmente metterà sotto pressione la metropolitana e la polizia extra arrivata dalla Turchia e dal Pakistan.

Un sito del festival dei fan all'Al Bidda Park, nella foto all'inizio di questa settimana.
Un sito del festival dei fan all’Al Bidda Park, nella foto all’inizio di questa settimana. Foto: Tom Jenkins/The Guardian

Tuttavia, i sostenitori del Galles John Fraser e i suoi figli Barry e John Jr, hanno dichiarato di essere rimasti sorpresi dalle loro prime esperienze in Qatar fino ad ora.

“L’atmosfera è incredibile”, ha detto John Jr.. “L’unica differenza tra questo e altri tornei è la mancanza di alcol. Abbiamo sentito avvertimenti di stare attenti, ma prima stavamo prendendo il sole sulla spiaggia e non ci sono stati problemi.

La famiglia, di Barry in Galles, ha dichiarato di aver pagato 37 sterline a notte per quella che hanno definito “una sistemazione molto semplice”.

“Ma sappiamo cosa stiamo ottenendo”, ha detto Barry, sorridendo. “E non è poi così male. È chiaro che qui sono stati spesi molti soldi e ovunque andiamo le persone sono sorridenti e amichevoli”.

Hanno ammesso di essere a conoscenza dei problemi relativi al lavoro e ai diritti LGBTQ+, cosa che, secondo loro, ha portato alcuni amici a non viaggiare. Ma per loro, almeno, il calcio ha la meglio su tutto il resto.

“Alla fine, è improbabile che il Galles vada di nuovo a una Coppa del Mondo nella mia vita”, ha detto John Sr, “quindi devi sfruttarlo al meglio.

“Sarà sempre controverso a causa della posizione del Qatar su certe cose, ma siamo qui per celebrare l’unità e il calcio”, ha aggiunto.

Nel frattempo, nonostante le critiche da tutte le parti, il presidente della FIFA Infantino è fiducioso che la mano dei refusnik e dei sostenitori dei diritti umani scomparirà sullo sfondo quando verrà calciato il primo pallone.

“È come questi sondaggi che abbiamo visto di recente”, ha detto. “In alcuni paesi dicono che è brutto guardare la Coppa del Mondo perché è in Qatar ed è Fifa, e guarda questo cattivo. Ma in privato quando tornano a casa, ovviamente lo guardano”.

Il presidente della Fifa Gianni Infantino difende la Coppa del Mondo in Qatar in uno strano discorso – video

Riscaldandosi sul suo tema, ha aggiunto: “Perché quando sei un tifoso di calcio, non c’è niente di meglio della Coppa del Mondo. Avremo 5 miliardi di persone che lo guarderanno. Chi lo guarderà, ufficiale e privato, vedrà il miglior calcio di sempre e vedrà l’emozione più grande di sempre.

E quando Infantino ha dato la familiare promessa che stavamo per vivere il più grande torneo della storia, è stato possibile vedere un luccichio nei suoi occhi.

“Doha è pronta”, ha proclamato. “E sarà il miglior Mondiale di sempre. E la magia del calcio è che non appena la palla rotola le persone si concentrano sul gioco. Perché è quello che vogliono le persone”.

La dura verità, come tutti sappiamo, è che Infantino avrà senza dubbio ragione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *