Lo zar della sicurezza di Twitter che si è dimesso afferma che Elon Musk ha intensificato gli sforzi per eliminare l’incitamento all’odio

L’ex capo della sicurezza e integrità di Twitter ha affermato che c’era più censura sulla piattaforma sotto Elon Musk, che ha intensificato gli sforzi per rimuovere l’incitamento all’odio.

Yoel Roth, che si è dimesso bruscamente la scorsa settimana nonostante il sostegno di Musk, ha detto che Chief Twit ha affidato al suo team il compito di assicurarsi che la piattaforma fosse contrassegnata per incitamento all’odio a seguito dell’aumento di tali incarichi dopo aver completato la sua acquisizione da 44 miliardi di dollari.

‘Signore. Musk ha consentito al mio team di muoversi in modo più aggressivo per rimuovere l’incitamento all’odio su tutte le piattaforme, censurando più contenuti, non meno”, ha scritto sabato Roth in un editoriale per il New York Times.

“Prima di andarmene, ho condiviso i dati sull’applicazione di comportamenti odiosi da parte di Twitter, il che dimostra che, secondo alcune misure, Twitter è effettivamente più sicuro sotto Mr. Muschio rispetto a prima.’

Tuttavia, Roth ha avvertito che l’obiettivo di Musk di creare una piattaforma completamente libera di parlare potrebbe essere ostacolato da Apple e Google, che potrebbero rimuovere Twitter dai loro app store per motivi di sicurezza.

È l’ultimo problema che deve affrontare Musk, che venerdì ha perso circa 1.200 dipendenti in più dopo aver rifiutato il suo ultimatum di lavorare in un ambiente di lavoro “hardcore”.

Dopo le dimissioni, Musk ha invitato tutti i programmatori disponibili a incontrarlo presso la sede centrale dell’azienda nella Silicon Valley, con il CEO che ha condiviso una foto di gruppo di se stesso e della sua forza lavoro con un felice pollice in su.

Elon Musk, capo idiota

Yoel Roth (a sinistra), ex capo della sicurezza e integrità di Twitter, afferma che il suo team è stato autorizzato da Elon Musk (a destra) a reprimere l’incitamento all’odio

Durante una settimana tumultuosa in cui Twitter ha perso altri 1.200 dipendenti, Musk ha twittato foto di se stesso e del suo staff di programmazione in una riunione sabato

Durante una settimana tumultuosa in cui Twitter ha perso altri 1.200 dipendenti, Musk ha twittato foto di se stesso e del suo staff di programmazione in una riunione sabato

Nonostante si descriva come un assolutista della libertà di parola, l’obiettivo di Musk di trasformare Twitter è principalmente influenzato dagli inserzionisti, ha scritto Roth.

L’ex zar della sicurezza ha affermato che dal momento che il 90 percento delle entrate dell’azienda proviene dalla pubblicità, “Twitter non ha altra scelta che operare in un modo che non danneggi i flussi di entrate che tengono le luci accese”.

I problemi tra Twitter e gli acquirenti di annunci sono diventati evidenti quando gli utenti hanno approfittato del sistema di verifica da $ 8 al mese di Musk per aggirare gli account ufficiali, creando confusione per aziende come Eli Lilly e Lockheed Martin, che hanno visto miliardi cancellati dalle loro azioni a seguito di controversi tweet per furto d’identità conti.

Roth ha affermato che mentre questo probabilmente ha incoraggiato Musk a cercare entrate al di fuori degli inserzionisti, la più grande sfida di Chief Twit potrebbe essere Google e Apple.

“Il mancato rispetto delle linee guida di Apple e Google sarebbe catastrofico, rischiando l’espulsione di Twitter dai loro app store e rendendo più difficile per miliardi di potenziali utenti ottenere i servizi di Twitter”, ha scritto Roth.

“Questo dà ad Apple e Google un sacco di potere per plasmare le decisioni prese da Twitter”.

Ha notato l’influenza delle aziende perché il suo team contattava regolarmente il suo team di rappresentanti Apple e Google con lamentele su insulti razzisti e contenuti sessuali che avrebbero trovato su Twitter.

Roth ha affermato che le politiche delle società riflettono i valori di chi detiene il potere piuttosto che dei loro utenti e ha elogiato gli sforzi di Musk per fermare questa versione della censura.

Nonostante abbia approvato la mossa di Musk di formare un consiglio di moderazione dei contenuti per guidare la politica di Twitter, Roth ha criticato la decisione del CEO di essere l’unica persona a decidere, dicendo che non era diverso da quanto fanno i dirigenti di Apple e Google.

“È per questo motivo che ho scelto di lasciare l’azienda: un Twitter le cui regole sono definite dall’ordine ha poco bisogno di una funzione di fiducia e sicurezza dedicata al suo sviluppo di principio”, ha scritto Roth.

Venerdì, Musk ha affermato che Twitter sarebbe stata una piattaforma per la libertà di parola, ma i tweet di odio sarebbero stati demonetizzati e non visti da molti.

Venerdì, Musk ha affermato che Twitter sarebbe stata una piattaforma per la libertà di parola, ma i tweet di odio sarebbero stati demonetizzati e non visti da molti.

L’ex capo della sicurezza e dell’integrità ha fatto scalpore quando si è dimesso la scorsa settimana nonostante il suo appoggio da parte di Musk per aver ridotto del 95% le visualizzazioni di contenuti dannosi nei risultati di ricerca.

Roth è stato coinvolto nella decisione di censurare i rapporti sui contenuti del laptop di Hunter Biden, una decisione di cui l’allora CEO Jack Dorsey ha detto di essersi pentito.

La sua squadra ha visto anche l’ex presidente Donald Trump bandito per i suoi commenti in seguito alla rivolta mortale al Campidoglio il 6 gennaio.

Venerdì Musk, che si definisce un sostenitore della libertà di parola, ha delineato l’ultima politica dell’azienda sulla censura.

“La nuova politica di Twitter è la libertà di parola, ma non la libertà di raggiungere”, ha twittato Musk. “I tweet negativi/odiosi saranno depotenziati al massimo e demonetizzati, quindi nessuna pubblicità o altre entrate su Twitter.

“Non puoi trovare il tweet se non lo cerchi specificamente, il che non è diverso dal resto di Internet.”

Chief Twit ha aggiunto: “Nota, questo vale solo per il singolo tweet, non per l’intero account”.

Un ex dirigente di Twitter che ha recentemente lasciato l'azienda ha dichiarato a Oliver Darcy della CNN (sopra) che

Un ex dirigente di Twitter che ha recentemente lasciato l’azienda ha dichiarato a Oliver Darcy della CNN (sopra) che “[Twitter] lotta solo per tenere le luci accese

L’ultimo annuncio del CEO arriva dopo che Twitter avrebbe perso diversi team di ingegneri “critici” a seguito di un esodo di massa che ha visto la sua forza lavoro diminuire del 32%.

Nel frattempo, l'esodo di massa non sembra preoccupare il CEO miliardario.  che ha affermato che l'utilizzo di Twitter

Nel frattempo, l’esodo di massa non sembra preoccupare il CEO miliardario. che ha affermato che l’utilizzo di Twitter “ha appena raggiunto un altro massimo storico”

Mentre seguiva il caos per le voci che si stavano avvicinando all'esodo di massa, Musk ha twittato:

Mentre seguiva il caos per le voci che si stavano avvicinando all’esodo di massa, Musk ha twittato: “Cosa dovrebbe fare Twitter dopo?”

Musk ha inviato un’e-mail ai suoi restanti 3.700 lavoratori mercoledì e ha dato loro una scadenza di 17:00 ET giovedì per fare clic su un collegamento che conferma la loro disponibilità a lavorare “lunghe ore ad alta intensità” o lasciare l’azienda con tre mesi di liquidazione.

Fortune ha stimato che tra i 1.000 e i 1.200 dipendenti si sono dimessi finora, con Musk che chiede che tutti i programmatori rimanenti si presentino venerdì al quartier generale di Twitter a San Francisco.

Molti hanno condiviso la loro partenza sui social media, incluso un video virale da Boston mentre i lavoratori contavano i loro ultimi secondi su Twitter.

Matthew Miller, il cui profilo LinkedIn afferma di aver lavorato come ingegnere di Twitter per 9 anni, ha condiviso un video di se stesso e dei colleghi che fanno il conto alla rovescia del momento in cui hanno smesso di lavorare per l’azienda dopo la scadenza, ha detto Musk.

“Felice anno nuovo”, ha gridato Miller all’interno dell’ufficio di Twitter a Boston. ‘Oh! Evviva! Era appropriato per l’evento».

Matthew Miller (in basso a sinistra), ha condiviso un video virale di se stesso e dei suoi colleghi che fanno il conto alla rovescia del momento in cui hanno smesso di lavorare per l'azienda dopo la scadenza di Musk

Matthew Miller (in basso a sinistra), ha condiviso un video virale di se stesso e dei suoi colleghi che fanno il conto alla rovescia del momento in cui hanno smesso di lavorare per l’azienda dopo la scadenza di Musk

Dopo la scadenza, un ex dirigente di Twitter che ha recentemente lasciato l’azienda ha detto a Oliver Darcy della CNN che: “Elon ha imparato che non poteva fare il prepotente con i migliori talenti senior. Hanno molte opzioni e non sopporteranno le sue buffonate.

‘[Twitter] lottando solo per tenere le luci accese.’

Su Twitter, Musk è apparso imperturbato dalle dimissioni di massa, affermando che il sito aveva “raggiunto un altro massimo storico” durante l’utilizzo. ‘Lasciarlo andare.’

Mentre seguiva il caos per le voci che si stavano avvicinando all’esodo di massa, Musk ha aggiunto: “Cosa dovrebbe fare Twitter dopo?”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *