Le 4 cose principali che gli imprenditori dovrebbero esternalizzare per far crescere le loro attività

La parola “affari” deriva letteralmente dallo stato di essere occupato; ‘occuparsi’. All’inizio, gli imprenditori sono tutto per tutte le persone. Si sentono come se indossassero molti cappelli, allungati e tirati in tutte le direzioni. Vendite, consegna, marketing, amministrazione, per non parlare di finanza, risorse umane, legali e assunzioni. Un imprenditore deve essere un tuttofare, esperto in molte aree e girare molti piatti. Fai troppo, tuttavia, e i piatti possono iniziare a cadere.

Per essere meno occupati e sfruttare al massimo i loro veri talenti, molti imprenditori stanno cercando di esternalizzare le attività all’interno delle loro operazioni quotidiane. Ho parlato con imprenditori in tutti i campi della decisione di esternalizzazione che fa la differenza più grande.

Tutta l’amministrazione

L’amministrazione spesso non è il vero lavoro, è la base che consente il vero lavoro. Non puoi consegnare quella presentazione se non sai dove si trova. Non sarai in grado di pagare il tuo staff se non hai ancora impostato i tuoi pagamenti. Gli imprenditori che perdono tempo a fare la propria amministrazione vengono trattenuti in altre aree; L’amministratore raramente vale il suo tempo.

Greg Simpson, fondatore di Press For Attention, sa che le sue capacità “risiedono nella creazione e nella copia”. Dice di essere “più produttivo come imprenditore e più creativo come consulente quando mi concentro sulle mie competenze principali”. Esternalizza tutte le attività amministrative nella sua attività e lo definisce vantaggioso per tutti.

Joanne Streames, fondatrice di Velvet Mortgage and Insure Services, ha dichiarato all’inizio: “l’amministrazione in outsourcing era necessaria perché mi sentivo come un criceto su una ruota e non potevo far crescere la mia attività”. Due anni dopo, il suo team conta ora 8 persone e continua a esternalizzare “PR, social media, branding e marketing. Abbiamo anche un recruiter professionista che ci aiuta a far crescere il team. La strategia dei flussi è semplice. “Penso sempre; in cosa sono bravo Dove risiede la mia competenza? E chi, non come, può portarmi dove dobbiamo andare?” Ha scoperto che più “chi” ha coinvolto, più successo ha avuto la sua azienda.”

L’inferno di un uomo è il paradiso di un altro. Il lavoro che temi di più sarà affollato di altre persone. Raramente c’è una buona ragione per un imprenditore per fare il proprio amministratore; segui le lezioni apprese da Simpson e Streames e fai ciò che solo tu sai fare.

Scricchiolare i numeri

Probabilmente non aggiusterai la tua auto, non installerai il tuo bagno o costruirai la tua casa. Troverai un professionista che sa cosa sta facendo. Troppi imprenditori pensano di poter fare i propri conti e perdere i vantaggi che può portare un buon contabile. Questo è comune nelle startup in fase iniziale e può sembrare un modo per tagliare i costi, ma in realtà è una falsa economia.

Il consulente digitale Marcio Delgado afferma che “l’outsourcing degli account ha fatto un’enorme differenza” nella sua attività. “Non importa quanto ami quello che fai, se sei troppo coinvolto in tutto il lato burocratico del lavoro, rimane poco tempo per lavorare sul lato creativo”. Non solo, ma un contabile dovrebbe farti risparmiare più denaro di quanto costa, formulando decisioni e consigli fiscali insieme all’aspetto finanziario di ogni decisione aziendale.

Il fondatore dell’agenzia digitale Binny Shah-Patel “ha smesso di preoccuparsi delle mie dichiarazioni dei redditi e ha concentrato il mio tempo e le mie energie su altre parti della mia attività” durante l’esternalizzazione delle attività fiscali. Accedere a Xero e sgranocchiare i numeri da soli non è un modo per passare le settimane. Né lo è la scansione di ricevute e la compilazione di fogli di calcolo.

Per tutto ciò che riguarda numeri e denaro, sappi cosa sta succedendo ma lascia che qualcun altro compili i rapporti. Lascia che qualcun altro dichiari il tuo reddito al governo e compili le caselle sui moduli che invia. Troverai un modo più produttivo ed efficace di trascorrere il tuo tempo.

Una solida presenza sui social media

Un social media manager era una persona, ora ce ne sono molte. Ci sono specialisti di TikTok, esperti di lead generation di LinkedIn, guru di Twitter e maghi degli annunci di Facebook. Per non parlare della creazione di contenuti stessa; videografi, copywriter, blogger, fotografi, animatori, creatori di Reel, produttori e programmatori. Trovare qualcuno è una grande domanda. Trovarlo da soli è impossibile.

L’esternalizzazione della gestione dei social media ha fatto la differenza per Kadian Pow, fondatrice di Bourn Beautiful Naturals. “Le persone sottovalutano la quantità di tempo e le competenze necessarie per creare strategie, immagini, video, didascalie, hashtag e navigare in algoritmi in continua evoluzione. È di per sé un lavoro a tempo pieno”. Pow ha detto: “Ne è valsa la pena esternalizzare così presto” e avrebbe voluto che lo avessero fatto prima.

Lo specialista di business e marketing Niki Hutchison non esternalizza la strategia, ma l’esecuzione. È “in modo che le mie idee possano uscire dalla mia testa e prendere vita”. Diventa un imprenditore visionario e unisciti a partner impegnati a realizzare le tue idee, per assicurarti che raggiungano quante più persone possibile. Ravi Davda, CEO di Rockstar Marketing, ha esternalizzato l’amministratore dei social media “sia per la mia attività che per la mia salute mentale”.

Accedere e postare ogni giorno accorcia la tua capacità di attenzione e ti allontana dal lavoro profondo che fa davvero la differenza. Trova alcuni bravi freelance con un track record e invia il lavoro a modo loro.

Un marchio brillante

In un mondo perfetto, i clienti ti troverebbero. Si imbattono nel tuo sito Web, sono scioccati dal modo in cui la tua azienda sa di cosa hai bisogno e poi si mettono in contatto. Il tuo marchio li impressiona e loro sanno che sei il loro fornitore. Scivolano attraverso le tue canalizzazioni fino alla tua base di clienti.

Sebbene ciò possa accadere, accade raramente senza un secondo paio di occhi. Il branding in outsourcing e tutto ciò che riguarda il tuo marchio, inclusi design, sviluppo e copywriting di siti Web, è la differenza tra un marchio che converte e una presenza che confonde. Callie Pettigrew, fondatrice di Studio Dine, comprende l’importanza di “Investire in un branding e in un design di siti Web davvero validi ha fatto un’enorme differenza nella mia attività”. Per questo motivo, “ora siamo in grado di attrarre i nostri clienti e clienti da sogno e abbiamo anche costruito molta fiducia con loro”.

Non solo il sito web, ma le parole sulla pagina. Michelle Poulson di Print Play Learn afferma: “L’esternalizzazione del copywriting sul mio sito Web e sui miei blog mi ha restituito così tanto tempo per concentrarmi su ciò in cui sono veramente brava, la progettazione. Scrivere allevia anche lo stress. La cosa migliore che abbia mai fatto.

Sii bravo a fare il tuo lavoro e lascia che gli altri ti spieghino cosa fai. Concentrati sul tuo mestiere e esternalizza la tua copia e conversione a professionisti del branding. Trova qualcuno che ami il data geeking e guarda cosa possono inventare.

Amministrazione, finanza, social media e ogni aspetto del tuo marchio. Ci sono quattro cose che gli imprenditori lottano con se stessi, che possono essere esternalizzate con grandi vantaggi. Sii solo e guarda il tuo programma chiaro e avvia la tua attività.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *