La Super League europea potrebbe essere istituita entro la stagione 2024/25, afferma il nuovo amministratore delegato Bernd Reichart | Notizie di calcio

Una nuova Super League europea senza membri permanenti potrebbe essere operativa entro la stagione 2024/25, ha rivelato l’amministratore delegato della società dietro il progetto fallito.

Bernd Reichart è stato assunto da A22 Sports Management, che è stato formato per sponsorizzare e aiutare a creare la proposta lega separatista a 12 squadre nell’aprile dello scorso anno.

Il primo obiettivo di Reichart è quello di avviare colloqui con le parti interessate del calcio in tutta Europa e, sebbene sappia che le discussioni possono continuare senza il contributo dei sei big dell’Inghilterra, spera che si impegnino.

Il dirigente tedesco dei media ritiene inoltre che il modello gestito dai club della Premier League sia un buon esempio da seguire per la Super League europea, ora estesa a 20 squadre.

Alla domanda se la stagione 2024/25 fosse la prima in cui il progetto fallito potesse ricominciare, ha detto Reichart Agenzia di stampa PA: “Potrebbe essere la prima chiamata ragionevole e realistica, ma ci sono così tante variabili che non posso davvero prevedere. Questa è probabilmente la prima chiamata realistica.”

La Premier League ha chiarito la propria dichiarazione da giugno 2021 quando è stata contattata da Sky Sports News.

Quello che è successo?

Immagine:
I fan delle squadre della Premier League che hanno aderito alla Super League europea hanno protestato contro i piani

La Super League Europea è stata lanciata nell’aprile 2021 con i 12 membri fondatori – Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Tottenham, AC Milan, Inter, Juventus, Atletico Madrid, Barcellona e Real Madrid – che hanno preso parte stabilmente alla concorrenza.

Il piano è crollato rapidamente dopo che sei club della Premier League si sono ritirati di fronte alle pesanti critiche di tifosi, esperti, club e media, ma Juventus, Barcellona e Real Madrid rimangono fedeli al concetto.

L’appartenenza permanente alla Super League europea per i membri fondatori è stata un’importante critica, ma Reichart ha dichiarato: “C’è stata un’importante rivalutazione e si sta diffondendo il concetto di apertura e rimozione dell’appartenenza permanente dalla classifica. Direi che tre club hanno rivalutato in modo affidabile e tratto alcune lezioni dal primo approccio.

“So cosa hanno detto i club inglesi un anno e mezzo fa, ma spero che l’intera comunità calcistica apprezzi l’approccio per continuare a prendersi cura e cercare di trovare soluzioni.

“All’inizio il dialogo può funzionare senza di loro (club inglesi). Parlerò con club di altri paesi ma questa non è un’iniziativa esclusiva, è un’iniziativa inclusiva.

“Ovviamente la situazione dei club inglesi e della Premier League è un chiaro esempio di quanto possa essere attraente una competizione gestita da club e che differenza faccia avere i migliori che si sfidano settimana dopo settimana in un certo senso. Voglio avere anche il loro punto di vista”.

Leeds United contro Liverpool - Premier League - giocatori di Elland Road Leeds United che indossano magliette 'Football Is for the Fans' durante il riscaldamento prima del calcio d'inizio durante la partita della Premier League a Elland Road, Leeds.  Data foto: lunedì 19 aprile 2021.
Immagine:
I giocatori del Leeds hanno indossato le magliette “Il calcio è per i tifosi” durante il riscaldamento per una partita contro il Liverpool, membro della Super League europea

“Dialogo UEFA aperto nonostante il caso giudiziario”

Anche Reichart non si oppone ai colloqui con la UEFA, nonostante l’imminente data della Corte di giustizia europea.

Il 15 dicembre si vedranno le raccomandazioni emesse nel caso da A22 Sports Management, secondo cui gli organi di governo del calcio europeo e mondiale, UEFA e FIFA, hanno abusato di una posizione dominante ai sensi del diritto europeo della concorrenza bloccando prima lo sviluppo del campionato e poi nei loro effetti per punire i club coinvolti.

Una risoluzione è attesa nella primavera del 2023, ma Reichart ha insistito: “Il mio messaggio (alla UEFA) è anche un invito al dialogo.

“Abbiamo inviato loro una lettera. Penso che, come un anno e mezzo fa, rimarrà senza risposta, ma vediamo se capiscono che serve il dialogo e che non siamo contro nessuno, ma a favore di tanti cose… Siamo aperti a rispondere alle loro chiamate.”

L’Uefa lo ha confermato Notizie su Sky Sport ha ricevuto una lettera da A22 e si dice “sempre aperto a un dialogo costruttivo e valuterà, pertanto, a tempo debito la richiesta di incontro”.

‘La Super League non parte senza i club inglesi’

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

Il reporter capo di Sky Sports News Kaveh Solhekol spiega perché alcuni dei migliori club europei potrebbero rilanciare le loro proposte per una Super League europea.

Capo reporter di Sky Sports Kaveh Solhekol:

“È una spinta alle pubbliche relazioni. Il progetto Super League non è andato via. Penso che la gente sogni di avere una Super League europea tra 40, 50 anni.

“Abbiamo visto cosa è successo 18 mesi fa quando i club hanno cercato di staccarsi, tra cui sei squadre di Premier League. L’importante è che, dei 12 club che hanno provato a staccarsi, tre di loro – Real Madrid, Barcellona e Juventus – si siano rifugiati”. t si è arreso Si aggrappano ancora a questo sogno.

“Il problema principale penso che abbiano è finanziario perché la Premier League ha così tanto successo. Se parli con le persone che gestiscono i club europei, dicono, ‘non possiamo fare niente’. Le persone in tutto il mondo vogliono guardano la Premier League, vogliono vedere club come il Liverpool giocare contro il Manchester United, sono partite per le quali le emittenti di tutto il mondo sono disposte a pagare.

Utilizza il browser Chrome per un video player più accessibile

L’allenatore del Leeds Jesse Marsch ha detto che l’idea della Super League europea è che crede che qui non ci sarà alcuna uguaglianza.

“Quando si tratta di partite di campionato italiano, tedesco, spagnolo, francese, l’appetito non c’è in tutto il mondo. Ecco perché vediamo club come la Juventus con tali problemi finanziari, perdere milioni di sterline ogni anno, e tu sei solo ottavo nel campionato italiano League. Barcelona, ​​​​sappiamo tutto sui loro problemi finanziari. Queste persone sono disperate. Devono inventarsi qualcosa, un modo per competere in Premier League.

Ma il loro problema è che non puoi avere una Super League europea senza squadre di Premier League e, al momento, non c’è voglia da parte dei club di Premier League di far parte di una Super League perché l’ultima volta che ci hanno provato è stato un disastro. Quindi, a meno che non si uniscano ai grandi club inglesi, non inizia.

“L’estate scorsa, i sei club della Premier League che hanno cercato di staccarsi sono stati multati collettivamente di circa 22 milioni di sterline e gli è stato detto: ‘se provi a staccarti di nuovo, verrai multato ciascuno di 25 milioni di sterline e sottrai 30 punti’. Penso che ciò impedirà loro di far parte di una fuga.

“Ma non scomparirà perché il calcio è un business e le persone nel business vogliono fare più soldi possibile.

“Se la Corte di giustizia europea è d’accordo con quei tre club e dice: ‘sì, questo è contro le regole della competizione europea e UEFA e FIFA agiscono come un monopolio’, allora penso che probabilmente vedremo emergere una Super League europea. . Ma se i club inglesi ne faranno parte, non sono sicuro”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *