Guide della squadra della Coppa del Mondo 2022 parte 23: Croazia | Croazia

Questo articolo fa parte del Guardian’s World Cup 2022 Experts’ Network, una collaborazione tra alcune delle migliori organizzazioni di media dei 32 paesi qualificati. theguardian.com trasmette ogni giorno anteprime da entrambi i paesi in vista del torneo del 20 novembre.

Il programma

La situazione in vista di un torneo non è mai stata così chiara. Nove delle 11 aree di partenza sembravano concrete; i restanti due sono indovinati da chiunque, ma non perché non ci siano buone opzioni, al contrario. Zlatko Dalic ha tre o quattro giocatori in competizione per ciascuno di questi (di destra e centravanti) e deciderà chi riceverà il cenno partita per partita, a seconda della forma dell’avversario e del giocatore. Ciò che è particolarmente piacevole, perché in passato il manager è noto per aver condotto molti esperimenti inutili, è che ora è completamente su una strategia e lo ha fatto in modo molto chiaro.

“Non cambierei il nostro modo di giocare”, ha detto prima delle partite decisive della Nations League che si sono concluse con la vittoria della Croazia in un girone composto da Francia, Danimarca e Austria. “Quando hai un centrocampo come il nostro, devi cercare di muovere palla e creare occasioni con il possesso palla. Dobbiamo giocare in difesa e quando i centrocampisti non devono scendere in profondità per prendere palla siamo più pericolosi Presseremo quando sarà possibile, e quando no difenderemo con un muro”.

v Morocco Wed 23 Nov, 10am Al Bayt Stadium

v Canada Sun 27 Nov, 4pm Khalifa International Stadium

v Belgium Thu 1 Dec, 3pm Ahmad Bin Ali Stadium

All times GMT

“,”credit”:””,”pillar”:2}”>

Guida veloce

Partite del girone della Croazia

mostrare

contro Marocco mercoledì 23 novembre, 10:00 Stadio Al Bayt

contro Canada domenica 27 novembre, 16:00 Stadio Internazionale Khalifa

contro Belgio Giovedì 1 dicembre, alle 15 Stadio Ahmad Bin Alì

Tutti gli orari GMT

Grazie per il tuo feedback.

Il 4-3-3 è sicuramente la scelta principale di Dalic, con il 4-2-3-1 come riserva. E anche se il trio di centrocampo ha più di 300 presenze tra di loro, ci sono cambiamenti altrove, in particolare in difesa, con i difensori centrali titolari di età compresa tra 22 e 20 anni più mobili e fiduciosi sulla palla rispetto ai loro predecessori veterani. Gran parte della squadra vincitrice della medaglia d’argento 2018 è stata sostituita e ci sono importanti aggiunte anche dagli Europei dello scorso anno, come Josip Sutalo e Borna Sosa.