Ehi, Hollywood! Elon Musk trasforma la tua Tesla in un cappello su ruote!

Da quando Elon Musk ha rilevato Twitter, ho letto di come le celebrità siano fuggite dal sito di social media. Whoopi Golderg, Shonda Rhimes, Tea Leoni, Sara Bareilles, Toni Braxton, Gigi Hadid, Ken Olin – hanno tutti annunciato (su Twitter, dove altro?) le loro intenzioni di chiudere i loro account e andarsene.

Saluto queste celebrità per essersi allontanate dalla piattaforma: sono al 100% favorevole all’esodo di Twitter. Nella sua prima settimana da proprietario, Musk ha licenziato metà del suo staff, ha ritwittato una disgustosa teoria della cospirazione sul marito di Nancy Pelosi, ha invitato una cantante rap malata di mente sul posto a vomitare bile antisemita, ha preso a calci la comica Kathy Griffin dopo che aveva avuto il coraggio di fare divertimento di lui e ha deciso di addebitare alle persone $ 8 per avere un piccolo segno di spunta blu accanto ai loro nomi.

Come capo Twit, Musk è fastidioso.

Tuttavia, se Hollywood vuole davvero attirare l’attenzione dell’uomo più ricco del mondo, se Whoopi, Shonda e Gigi vogliono davvero colpirlo dove fa male, ci vorrà più che abbandonare Twitter. Dovranno rinunciare ai loro piloti.

Tesla è attualmente il n. 1 concessionario di auto in California.

Onestamente, non ho idea se qualcuna delle suddette celebrità possieda effettivamente una Tesla, ma è una scommessa abbastanza sicura considerando che l’auto elettrica è attualmente la n. 1 concessionaria di auto in California, con le Model S, X e Y che intasano i parcheggi di Erewhon e Whole Foods in tutta Los Angeles. È facile capire perché è così popolare; è un veicolo super elegante che è divertente da guidare, ricco di tecnologia all’avanguardia e, soprattutto, consente ai conducenti di sorridere ironicamente mentre sfrecciano davanti alle stazioni di servizio che vendono benzina da 6 dollari al gallone.

Ma, naturalmente, la caratteristica più avanzata della Tesla è che può avere un segnale a 60 miglia orarie. Se sia davvero la macchina miracolosa salva-pianeta che i suoi proprietari pensano che sia rimane discutibile: alcuni rapporti suggeriscono che l’enorme quantità di carbonio rilasciata nella produzione delle sue batterie al litio significa che dovrai guidare una Tesla per tre o sette anni prima di rompere, dal punto di vista del carbonio, con un motore a combustione interna, ma non importa. Il punto qui è che il marchio Tesla è diventato sinonimo di lussuoso idealismo blue-state, un totem su ruote che annuncia al mondo che la persona al volante non è solo relativamente ricca, ma si preoccupa anche della Madre Terra.

Tranne poi che Musk ha acquistato Twitter, ha iniziato a twittare messaggi Trumpy su come le persone dovrebbero votare repubblicano – proprio come ha iniziato a fare dopo essersi trasferito dalla California al Texas l’anno scorso – e ora il suo simbolo elettrico inizia a sembrare meno status-y. In effetti, in questi giorni, la Tesla sta iniziando a sembrare un berretto MAGA con i fari.

elon musk tesla cyber truck

I finestrini del Tesla Cybertruck appaiono meno infrangibili di quanto pubblicizzato

L’incendio del cassonetto che Musk ha acceso su Twitter ha già fatto gravi danni a Tesla, se non ha completamente sventrato l’azienda. Il suo titolo ha perso più della metà del suo valore, passando dai 400 dollari per azione di gennaio a meno di 200 dollari di oggi. Considerando fino a che punto Musk si è prodigato per racimolare $ 44 miliardi per acquistare Twitter, vendendo $ 19 miliardi delle sue azioni Tesla personali (inclusi $ 3,95 miliardi questa settimana) e sellando Twitter con $ 13 miliardi di debiti, mettendolo all’amo per un miliardo di dollari a anno solo nel pagamento degli interessi: un calo delle vendite di auto è l’ultima cosa di cui Musk ha bisogno in questo momento. Eppure, più twitta, più disattiva le persone che un tempo erano i suoi migliori clienti.

“Elon Musk illumina il prestigio sociale di possedere una Tesla in fiamme”, ha twittato il professor Brian Klaas dell’University College di Londra (che ovviamente non ha ancora cancellato il suo account Twitter). “Molte persone inizieranno a sentirsi più imbarazzate alla guida di qualcosa a causa del suo comportamento”.

Il professore della University of Southern California Kevin Stone ha espresso il sentimento (di nuovo, su Twitter). “Qui in California, ho perso le tracce del numero di proprietari di Tesla che affermano che non possederanno mai un’altra Tesla”, ha scritto, aggiungendo che Musk potrebbe “portare i conservatori nella proprietà di Tesla, quindi potrebbe essere un lavaggio. “

Leggi anche:
Dalla verifica da $ 8 ai licenziamenti di massa: come sono stati ridimensionati i primi piani di Twitter di Elon Musk | Approfondimento PRO

Il professor Stone potrebbe essere coinvolto in qualcosa. Se Musk continua a twittare Trumpy balderdash, presto gli americani MAGA potrebbero iniziare a scambiare i loro F-150 che bevono gas con pickup Tesla – se, cioè, il Cybertruck dall’aspetto squadrato viene messo in viaggio (è stato ritardato più volte da quando è stato annunciato tre anni fa con un disastroso – ed esilarante – evento stampa in cui Musk ha assistito imbarazzato quando uno dei suoi ha accidentalmente rotto il finestrino del camion con una palla di metallo mentre cercava di dimostrare quanto fosse infrangibile il vetro).

Non so se Musk stia ancora realizzando la limousine elettrica che Tesla ha introdotto nel 2015, ma potrebbe persino venderne una a un ex presidente che attualmente vive in un country club in Florida. Soprattutto se entra nel Campidoglio degli Stati Uniti durante le insurrezioni!

Trump su una Tesla? Quello era il giorno in cui Hollywood avrebbe definitivamente staccato la spina.

Stai leggendo un articolo esclusivo di WrapPRO reso disponibile (gratuitamente) oggi. Se desideri avere accesso a tutte le storie e agli eventi virtuali riservati ai membri, CLICCA QUI per ricevere 7 giorni gratuiti di WrapPRO -> The Essential Source for Entertainment Insider.

Leggi anche:
Che fine ha fatto quell’Onda Rossa? I midterms conterranno tutto – con il senno di poi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *