Adobe: 3 motivi per apprezzare l’acquisizione di Figma (NASDAQ:ADBE)

Kimberly Bianco

Quello che è successo?

Il gigante del software Adobe (NASDAQ: ADBE) ha rilasciato guadagni pedonali il 15 settembre 2022 e ha lanciato una bomba sul mercato. La società ha annunciato l’acquisizione dell’impresa di design online Figma per $ 20 miliardi, circa metà in contanti e metà in azioni.

Figma è un software di progettazione basato su cloud che compete direttamente con Adobe XD. Molti professionisti preferiscono Figma per la sua superiore funzionalità di collaborazione. Più utenti possono modificare in tempo reale, in modo simile a Google Docs (GOOG, GOOGL). Per chi fosse interessato a maggiori dettagli, controlla questo link.

Il titolo era già in calo del 35% l’anno prima dell’annuncio ed è crollato alla notizia, come mostrato di seguito.

Grafico
Dati YCharts

Molti analisti si stanno affrettando a ridurre gli obiettivi di prezzo e tagliare le valutazioni. Ovviamente, il titolo era già scambiato a meno di $ 300 per azione mentre questi rotolavano. Il titolo ha raggiunto il minimo di 52 settimane di $ 275 per azione a fine settembre.

Dopo aver studiato la valutazione del titolo e le sfumature dell’acquisizione di Figma, ho raggiunto una posizione media quasi perfetta con un costo medio di $ 287 per azione. Questo sembra preveggente dopo il rally della scorsa settimana; tuttavia, il rally può essere rotto rapidamente e questo è un gioco a lungo termine.

Un altro calo delle azioni Adobe dovrebbe essere allettante per gli investitori a lungo termine che comprendono le implicazioni a lungo termine del coinvolgimento di Figma. Anche la media del valore del dollaro può essere una scelta intelligente poiché il prezzo è ancora storicamente basso anche dopo il rally.

Ecco tre ragioni per cui l’acquisizione di Figma e il prezzo delle azioni sembrano interessanti.

Motivo n. 1: il dilemma Microsoft

Microsoft (MSFT) e Adobe intrattengono una sana relazione da anni. Entrambe sono tra le più grandi società di software al mondo per capitalizzazione di mercato. Sebbene siano rivali, Microsoft è un cliente Adobe e ha sviluppato collaborazioni e integrazioni strategiche nel corso degli anni.

I dipendenti Microsoft usano Figma da anni e non sembrano apprezzarlo; Loro lo amano. Di recente è stata aggiunta anche l’integrazione con l’app Microsoft Teams.

In effetti, la base di clienti di Figma è composta da aziende tecnologiche aziendali, da Netflix (NFLX) a Spotify (SPOT) fino ad Alphabet.

La decisione di acquistare Figma per 20 miliardi di dollari diventa comprensibile attraverso questa lente.

  1. Adobe non può permettersi di consentire a Figma di continuare a violare il suo spazio con la prevista crescita dei ricavi del 100% entro il 2022.
  2. Microsoft non è estranea alle massicce acquisizioni. Il suo recente acquisto da 69 miliardi di dollari di Activision Blizzard (ATVI) è sotto controllo normativo. Se Adobe non acquista Figma, potrebbe trattarsi di un altro gigante del software e questo potrebbe influenzare notevolmente i guadagni futuri di Adobe.
  3. Figma può essere pubblico. La società ha una valutazione di $ 10 miliardi nel 2021. Probabilmente attirerà di più durante un’IPO, rendendola un concorrente incredibilmente ben finanziato nello spazio creativo di Adobe.

20 miliardi di dollari sono alti, ma non fare nulla potrebbe costare molto di più.

Motivo n. 2: Figma

Figma non ha ricevuto una valutazione di $ 10 miliardi nel 2021 per niente. Questo è un prodotto fantastico sotto tutti i punti di vista. Si prevede di superare i 400 milioni di dollari di entrate ricorrenti annuali (ARR) entro il 2022 con una crescita delle vendite del 100% e un margine lordo del 90%. Il suo tasso di ritenzione netta del 150% è incredibile e indica che la crescita continuerà a ritmo sostenuto.

Figma è anche positivo per il flusso di cassa, quindi non esaurirà le risorse. Il prezzo di $ 20 miliardi sembra ridicolo ora, ma potrebbe sembrare un affare tra cinque anni.

Motivo n. 3: Acquista vs. Sviluppare

Le aziende spendono miliardi per la ricerca e lo sviluppo (R&S) di nuovi prodotti. La ricerca e sviluppo interna è costosa e non vi è alcuna garanzia che verranno sviluppati prodotti di successo. Adobe ha speso 8,9 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo dal 2019. A volte l’acquisto di un prodotto già pronto a un prezzo premium è la scelta migliore.

Salesforce (CRM) è un ottimo esempio di azienda che ha sviluppato con successo acquisizioni. L’azienda ha acquisito Slack, Tableau, MuleSoft e molti altri. Dopo aver effettuato gli investimenti, Salesforce ha aumentato con successo il valore di ciascuna divisione oltre il prezzo di acquisto iniziale.

Come accennato, l’acquisizione di Figma è circa metà in contanti e metà in azioni. Adobe ha un bilancio solido con 8,5 miliardi di dollari di attività correnti e ha generato 5,5 miliardi di dollari in contanti dalle operazioni per tre trimestri di quest’anno.

L’acquisizione potrebbe richiedere un finanziamento a breve termine, ma non appesantirà l’azienda con troppi debiti a lungo termine. Infine, quest’anno Adobe ha riacquistato azioni per 4,8 miliardi di dollari, quindi gli azionisti non sono rimasti ad asciugare.

Valutazione delle azioni Adobe

Il sentimento negativo ha fatto scendere il prezzo delle azioni Adobe. Il pessimismo sulle acquisizioni e una potenziale recessione potrebbero rappresentare un’opportunità per gli investitori a lungo termine.

Il titolo è attualmente alla sua percentuale di sconto più alta degli ultimi dieci anni, come mostrato di seguito.

Grafico
Dati YCharts

L’ultima volta che un titolo è stato tutt’altro che alto è stata la crisi finanziaria e, prima ancora, il crollo delle dot-com. Lo stock si è ripreso così come l’economia in entrambi i casi, come mostrato di seguito.

Grafico
Dati YCharts

Il recupero non è sempre dall’oggi al domani, quindi deve essere un gioco a lungo termine. Potremmo vedere nuovi minimi prima di vedere nuovi massimi. La media dei costi in dollari è un ottimo strumento.

Adobe sconti anche in base ai multipli storici. Le sue metriche di rapporto prezzo/utili (P/E) e rapporto prezzo/flusso di cassa raccontano storie simili, come mostrato di seguito.

Grafico
Dati YCharts

Infine, più di 20 miliardi di dollari sono stati eliminati dalla capitalizzazione di mercato di Adobe dagli annunci di Figma. I nuovi investitori possono effettivamente acquistare Adobe a uno sconto sul prezzo di acquisto.

La somma di queste metriche indica una proposta di rischio/rendimento estremamente positiva per gli investitori a lungo termine.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *