La tempesta di neve nelle pianure annuncia un clima insolitamente freddo per i Lower 48

Commento

La prima grande tempesta invernale della stagione, che ha colpito le pianure occidentali e settentrionali con nevicate record, ha trascinato la prima massa d’aria artica legittima della stagione in gran parte del paese.

Entro l’inizio della prossima settimana, tutti gli Stati Uniti contigui dovrebbero essere al di sotto delle temperature normali. Questo è un evento insolito in una stagione solitamente dominata da temperature più calde del normale a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo.

E l’aria fredda si rafforzerà mentre la prossima settimana continua. Una zona di alta pressione insolitamente intensa sopra l’Alaska e il Canada sud-orientale è destinata a rimuovere gran parte del freddo disponibile dalle latitudini settentrionali nel Lower 48.

La neve è comune nelle pianure settentrionali a novembre, ma la quantità che è caduta con questa tempesta, che ha sferzato l’intero paese con venti gelidi, è stata insolita.

Diciassette pollici accumulati a Bismarck giovedì, il secondo giorno più nevoso mai registrato in città e a soli 0,3 pollici dal primo posto. Il meteorologo di Weather.com Jonathan Erdman twittato è più del doppio della neve caduta da una singola tempesta rispetto a quella che Bismarck vede in una media di novembre: 8 pollici.

Diverse segnalazioni di circa due piedi di neve sono arrivate dal centro del Nord Dakota, non lontano da Bismarck. Ciò includeva 24 pollici vicino a Mandan, 22 pollici in Steele e 19 pollici vicino a Lincoln. I venti hanno soffiato da 40 a 50 mph per creare derive da 3 a 5 piedi in punti.

Una lunga striscia di almeno 8-12 pollici si estendeva dal vicino Parco Nazionale di Yellowstone, attraverso gran parte del Montana orientale, del North Dakota e nel Minnesota settentrionale. Almeno diversi pollici sono caduti a sud fino al centro del Wyoming e al sud-ovest del South Dakota.

Le strade dentro e intorno a Bismarck sono rimaste per lo più chiuso venerdì mattinama le condizioni stanno lentamente migliorando in tutto lo stato.

Venerdì mattina, un forte fronte freddo si è esteso vicino alla bassa pressione che ha causato la bufera di neve, vicino al Lago Superiore, fino al confine tra Texas e Messico. Questo fronte freddo continuerà a scivolare verso est oggi, fondendosi infine con i resti dell’uragano Nicole e liberando la costa orientale all’inizio del fine settimana.

I resti di Nicole porteranno forti piogge, minaccia di tornado negli Stati Uniti orientali

A causa delle condizioni molto calde davanti al fronte, inclusi diversi massimi record, gran parte delle pianure e del Midwest hanno visto sbalzi di temperatura nelle 24 ore fino a 50 gradi.

Le temperature effettive all’inizio di venerdì variavano da meno-4 a Great Falls, in Mont., a 28 a Kansas City, Mo. Single digit e giovani hanno dominato la neve nelle pianure settentrionali con 20 e 30 che si estendono dal Texas Panhandle a Milwaukee. I brividi di vento corrono da 10 a 15 gradi al di sotto della temperatura dell’aria, con la maggior parte delle pianure settentrionali vicino allo zero o al di sotto.

Le temperature dietro il fronte dovrebbero essere di circa 10-20 gradi al di sotto del normale, ad eccezione di 20-30 o più al di sotto del normale nel Montana e nei Dakota. I massimi di venerdì vanno dai giovani vicino al confine canadese agli anni ’20 e ’30 in gran parte del Midwest. I minimi di sabato mattina dovrebbero scendere sotto lo zero in gran parte delle pianure settentrionali, con una cifra a sud fino al confine tra Nebraska e Kansas e 40 fino alla costa del Golfo.

Mentre il fronte freddo schiarisce la costa orientale all’inizio di sabato, ci vorrà del tempo prima che l’aria fredda sopra gli Appalachi. Lunedì, l’intero Lower 48, ad eccezione di alcune piccole sacche, probabilmente dovrà affrontare temperature inferiori alla norma.

Lo schema a freddo è impostato per essere ricaricato

Mentre il primo colpo freddo ha preso il controllo del paese e poi si è in qualche modo indebolito, la prossima settimana si svilupperà un’ampia zona di alta pressione che diventerà distinta sul Nord America occidentale. Questa è una ricetta per far cadere l’aria direttamente dal Polo Nord in Canada e nella maggior parte degli Stati Uniti contigui.

Preparati a sapere che in Alaska fa più caldo che in qualsiasi altro luogo perché l’aria fredda è stata espulsa dal sud. Preparati anche per uno schiaffo in pieno inverno dal vento gelido.

Entro la metà e la fine della prossima settimana, nelle pianure scenderanno condizioni molto fredde. Letture da 30 a 40 gradi al di sotto del normale sono nuovamente possibili venerdì nelle pianure settentrionali e nelle Montagne Rocciose. Mentre la massa d’aria probabilmente si modererà man mano che si sposta verso est, le temperature da 10 a 20 gradi al di sotto del normale saranno diffuse verso il prossimo fine settimana negli Stati Uniti centrali e orientali

È troppo lontano per fornire dettagli reali, ma con l’aria fredda e un percorso temporalesco abbastanza attivo, potrebbe esserci qualche possibilità di freddo.

La prima opportunità del genere potrebbe arrivare entro la metà della prossima settimana e potrebbe portare una possibilità di neve per il Midwest e la Ohio Valley. Anche il nord-est, forse a nord di Washington, dovrà osservare il potenziale clima invernale man mano che si sviluppa.

Ci sono alcune indicazioni che il ciclo freddo si attenuerà per circa 10 giorni o due settimane, consentendo un disgelo intorno al Ringraziamento, ma la fiducia nelle proiezioni lontane è bassa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *