Guide della squadra della Coppa del Mondo 2022 parte 6: Iran | Coppa del Mondo 2022

Questo articolo fa parte del Guardian’s World Cup 2022 Experts’ Network, una collaborazione tra alcune delle migliori organizzazioni di media dei 32 paesi qualificati. theguardian.com trasmette ogni giorno anteprime da entrambi i paesi in vista del torneo del 20 novembre.

Il programma

Solidità difensiva e gol in contropiede sono da tempo caratteristiche chiave del Team Melli e hanno aiutato Carlos Queiroz a plasmare la sua popolarità senza precedenti durante il suo primo mandato tra il 2011 e il 2019. Nei Mondiali 2014 e 2018 hanno affrontato alcune delle grandi potenze del calcio ma hanno perso 1-0 contro l’Argentina in Brasile e 1-0 contro la Spagna in Russia, dove hanno anche pareggiato 1-1 con il Portogallo. La prestazione di Lionel Messi contro l’Argentina ha così impressionato gli iraniani in casa che ci sono state celebrazioni per le strade dopo la sconfitta di misura.

Il grande svantaggio della tattica di Queiroz è che l’Iran ha lottato per segnare gol contro le cosiddette avversarie più deboli. Non riuscivano a dominare le partite e quando lanciavano in avanti i giocatori la difesa era debole; nell’ultima partita di Queiroz nel suo primo periodo, l’Iran ha subito un gol sciatto contro il Giappone nella semifinale della Coppa d’Asia 2019 e quando hanno premuto per il pareggio, hanno subito altri due gol.

Queiroz, ovviamente, non è cambiato completamente. L’onere è su una solida difesa, ma due partite a settembre – una vittoria per 1-0 contro l’Uruguay e un pareggio per 1-1 con il Senegal – hanno dimostrato che l’Iran sta cercando di giocare di più dalle retrovie e premere l’avversario sopra il campo.

Probabilmente giocheranno con un 4-1-4-1 ai Mondiali e la domanda principale sarà chi giocherà in attacco. Sardar Azmoun sarebbe stato il favorito ma si è infortunato. Se non è in forma, probabilmente entrerà in campo Mehdi Taremi. Se Azmoun è in grado di giocare, è probabile che Taremi inizi come ala sinistra.