Coppa del Mondo 2022: dure opzioni di selezione attendono il boss del Galles Robert Page per il Qatar

Gli occhi e le orecchie di una nazione saranno sull’allenatore del Galles Rob Page quando annuncerà la sua squadra per la Coppa del Mondo

quando Galles il manager Rob Page è andato al microfono, non era la prima volta che una folla aspettava con impazienza le chiamate dal palco della Tylorstown Welfare Hall.

Ogni martedì sera, l’ultima sala del benessere dei minatori rimasta nella valle di Rhondda Fach organizza una serata di bingo in famiglia.

Questo mercoledì, però, il premio è un po’ diverso. Le chiamate sono più significative di due paperette, anche se per alcuni saranno sfortunate.

È in questa cornice insolita, a pochi minuti di auto dalla casa d’infanzia di Page, Llwynypia, che Page rivelerà i 26 nomi che viaggeranno in Qatar per la prima apparizione in Coppa del Mondo in 64 anni.

Molte scelte saranno ovvie, ma alcune sono ancora dibattute dai fan che cercano di indovinare chi salirà sull’aereo.

Le decisioni dell’allenatore corrispondono alla serietà dell’onore per i prescelti il ​​cui tempo per impressionare è passato ed è andato.

Le domande hanno potuto rispondere solo mercoledì sera all’ex difensore 48enne, comprese alcune questioni chiave che ancora dividono i tifosi.

Page è a rischio di perdere giocatori?

La forma fisica dei giocatori – o la loro mancanza – sarà sempre il timore numero uno tra coloro che al Red Wall attendono con ansia l’inizio del torneo del Galles contro gli Stati Uniti il ​​21 novembre.

Il capitano Gareth Bale, nel frattempo ammetti che non è ancora al 100% dopo essersi ripreso da “un piccolo problema” a Los Angeles, sembrava calmare i nervi di molti dimostrando di essere pronto per la finale della MLS Cup di sabato.

Ma anche allora ha ammesso la difficoltà di affrontare mentalmente il fatto che qualsiasi giocatore è un colpo prematuro o zoppica per aver perso un aereo.

Nel complesso, il Galles è sfuggito a grandi preoccupazioni, ma permangono dubbi fastidiosi sulla forma fisica di alcuni giocatori e sui rischi che Page potrebbe dover correre per includerli nei 26.

Il principale tra queste preoccupazioni è Joe Allen, il regista con 72 presenze che ce l’ha fatta lento progresso da un problema al tendine del ginocchio preso circa sette settimane fa.

Il suo manager allo Swansea, Russell Martin, ha confermato che il 32enne non giocherà in vista della Coppa del Mondo, quindi la domanda ora è se Page si sente pronto o se vale la pena prenderlo anche se ciò significa un effetto ritardato sul Qatar .

A sua volta, ciò solleva domande sul fatto che un centrocampista in più verrà aggiunto alla festa itinerante quando alcuni si sono precedentemente chiesti se ci sarà spazio per tutti Joe Morrell, Matt Smith e Dylan Levitt.

Allo stesso modo, Rubin Colwill di Cardiff – il ventenne apparso dal nulla per prenotare un posto a Euro 2020 – non è apparso dalla partita della Nations League in Belgio e ha giocato meno di cinque ore dalla scorsa estate. Considerata un’opzione di impatto creativo, la sua ruggine oltre alla sua inesperienza si rivelerà troppo anche per un fan di Page?

Infine, anche l’attaccante Tyler Roberts – non una selezione garantita – dovrà entrare in campo direttamente dall’infortunio al Queens Park Rangers se selezionato, il che potrebbe costringere a un ripensamento sugli spazi assegnati nei ranghi di attacco.

Page sarà probabilmente sollevato, almeno, dal fatto che il portiere dello Sheffield United Adam Davies si sia ripreso da un infortunio al ginocchio estivo in tempo per ottenere alcuni minuti preziosi per il campionato. Ciò significa che ora è una scelta tra Davies e il recente membro della squadra, Tom King di Salford, per fornire copertura a Wayne Hennessey e Danny Ward.

Gli infortuni aprono le porte?

Un giocatore che Page sembra rassegnato a rimanere senza è il difensore dello Sheffield United Rhys Norrington-Davies dopo un recente strappo al tendine del ginocchio.

Il 23enne è uscito dalla panchina nella vittoria degli spareggi contro l’Ucraina a giugno e ha giocato nelle ultime quattro partite della Nations League, sia come terzino esterno che trasformato in difensore centrale di lato largo.

La sua versatilità significa che Page potrebbe essere costretto a decidere di scegliere un difensore centrale aggiuntivo o un’opzione aggiuntiva aggiuntiva per sostituirlo.

Wes Burns di Ipswich potrebbe essere il beneficiario se sostituisce quest’ultimo, o meglio porta Tom Lockyer dal freddo, il difensore centrale del Luton che una volta è stato un titolare e non ha potuto giocare in alcune delle ultime squadre.

Ci sarà un revolver?

È probabile che Page rimanga fedele a coloro che sono arrivati ​​​​in Galles fino a questo punto, e i recenti commenti sulla natura vitale di Jonny Williams e Chris Gunter nella squadra – nonostante abbiano giocato a calcio della League Two – suggeriscono che non ci sarà alcun grande shock. o sorpresa a venire. Taylorstown.

Tuttavia, come con Colwill la scorsa estate, molti si chiedono se ci sarà una sorpresa o due con un volto sconosciuto aggiunto improvvisamente ai libri di figurine del torneo.

Jordan James del Birmingham può aggiungere il suo nome al suddetto enigma del centrocampo? Dopotutto, è stato il 18enne che è stato chiamato a sostituire Joe Allen in quell’ultimo campo.

Non è l’unico volto nuovo nelle ultime partite prima del Qatar. Un altro è l’attaccante adolescente Luke Harris, un giocatore che ha molti ammiratori nella gestione del Galles e il giovane del Fulham ha ora esordito in Premier League da quando è stato convocato a settembre. Il 17enne segna per divertimento a livello giovanile e può operare dietro la prima linea, quindi potrebbe essere una scelta allettante.

Allo stesso modo, l’ex attaccante del Galles Under 21 Oli Cooper ha raggiunto la maggiore età a Swansea nelle ultime settimane, segnando tre gol da fuori ed è stato fortemente sostenuto per l’inclusione dal suo manager del club.

Ciò significa che ai Rangers manca il rabbino Matondo per il secondo grande torneo consecutivo, dato che il 22enne ha fatto solo cinque partenze da quando si è trasferito a Ibrox?

Nathan Broadhead del Wigan potrebbe essere partito tardi per rivendicare un posto, la sua recente convocazione si è conclusa per infortunio, ma solo per dimostrare che Page può farci andare tutti avanti, la star dell’accademia del Manchester United Charlie Savage è stata nominata tra i dispacci dell’allenatore proprio l’ultima volta mese.

Sarà una grande chiamata, ma poi la Tylorstown Welfare Hall è abituata a quelle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *