Bitcoin (Magic Internet Money!) Dimostra ancora una volta una minore volatilità rispetto alle azioni

Dopo che l’infarinatura dei banchieri centrali statunitensi che hanno fissato il benchmark dei tassi di interesse della Federal Reserve si è incontrata la scorsa settimana, l’infarinatura ha emesso un comunicato stampa in cui delineava la loro nuova politica monetaria (aumento dei tassi di 75 punti base). Quindi, Powell, guidando l’infarinatura, ha parlato in una conferenza stampa, pronunciando osservazioni introduttive prima di rispondere alle domande dei giornalisti finanziari.

Nella nostra epoca moderna di sovraccarico di informazioni, il mercato tende a rispondere al comunicato stampa e poi alla dichiarazione introduttiva e poi alle risposte alle domande dei giornalisti finanziari.

stai leggendo Crypto lungo e cortola nostra newsletter settimanale con approfondimenti, notizie e analisi per l’investitore professionale. Iscriviti qui per riceverlo nella tua casella di posta ogni domenica.

Quindi immagina il mio fastidio durante l’edizione di novembre di mercoledì scorso di “I decisori politici della Fed cambiano i tassi e poi Powell ne parla”.

Basta guardare l’S&P 500 (che replica l’andamento della maggior parte del mercato azionario statunitense) e come si è comportato nel procedimento pomeridiano: è salito con il comunicato stampa, giù con il comunicato di apertura e poi di nuovo giù nel mezzo del domanda della stampa.

Oscillazione del pendolo, oscillazione, oscillazione, sono caduto con la faccia a terra durante la conferenza stampa del FOMC di mercoledì (TradingView)

Di nuovo: immagina il mio fastidio. (Immaginate un ragazzo che agita il pugno davanti allo schermo di un computer a causa delle reazioni viscerali del mercato a un altro ragazzo che dice qualcosa.)

Questo è il mio punto di vista sul motivo per cui ciò è accaduto. Il mercato è alla ricerca di qualsiasi segno di “rallentamento” degli aumenti dei tassi di interesse che Powell ha accennato a diversi aumenti dei tassi fa, e questo è stato notato nel comunicato stampa. Ma quando Powell ha iniziato a parlare, i mercati hanno reinterpretato ciò che avevano sentito, in particolare a causa di questo commento:

“Ad un certo punto, come ho detto nelle ultime due conferenze stampa, sarà opportuno rallentare il ritmo degli rialzi, mentre ci avviciniamo al livello dei tassi di interesse che sarà sufficientemente stretto da riportare l’inflazione al nostro obiettivo del 2%… C’è una notevole incertezza sul livello dei tassi di interesse. Tuttavia, abbiamo ancora molta strada da fare e i dati in arrivo dal nostro ultimo incontro suggeriscono che il livello più alto dei tassi di interesse è più alto del previsto”.

Poi gli è stato chiesto in seguito degli “effetti di ritardo” (ovvero il tempo tra gli aumenti dei tassi della Fed e il loro impatto effettivo sull’economia) e Powell ha lanciato la notizia bomba sul fatto che era troppo presto per parlare di sospendere l’aumento dei tassi. L’S&P 500 si è arreso.

Inoltre, l’S&P 500 ha scambiato più di bitcoin (BTC) – sai, il famoso denaro volatile di Magic Internet. Il comunicato stampa della Fed è uscito alle 14:00 ET. Il guadagno dell’S&P 500 è salito dello 0,7% dopo mezz’ora, ma ha chiuso la giornata in ribasso del 2,3%. Nel frattempo, bitcoin è salito a un guadagno dell’1,3% dopo il comunicato stampa della Fed e ha chiuso con una perdita dell’1,5%.

La volatilità ha un certo significato e due settimane sono statisticamente poco significative, ma questo segna la seconda settimana consecutiva in cui la relativa stabilità di bitcoin ha mostrato al mercato azionario chi è The Adult nella stanza.

Leggi di più: Potete crederci? Bitcoin sembra stabile – verde, anche – mentre le azioni Big Tech cadono

Bitcoin non è più volatile, è tempo di buttare via tutti i nostri modelli?

Ho aspettato molto tempo per scrivere questo e sul serio (almeno dal punto di vista del mercato), ma al tasso del miele non importa davvero. Il tasso del miele è un termine accattivante che i bitcoiner usano per descrivere bitcoin.

Nelle ultime due settimane, abbiamo visto la Fed segnalare la volontà di continuare ad aumentare i tassi per mantenere bassa l’inflazione, un tiepido rapporto sull’occupazione e una generale incertezza macroeconomica. Ciò ha spinto al ribasso sia l’S&P 500 che il Nasdaq-100 (un altro proxy del mercato azionario statunitense). Nel frattempo, bitcoin è aumentato.

So che questo potrebbe facilmente cambiare dall’oggi al domani, ma per ora bitcoin sembra scrollarsi di dosso l’incertezza.

Il mio collega Glenn Williams Jr. l’ha detto meglio:

“Il mondo sta cambiando, ma l’asset spesso criticato per la sua volatilità non è – o certamente non tanto quanto i principali indici azionari di quest’anno”.

La mia conclusione è una delle due cose: o bitcoin è davvero arrivato ora come asset macro o il valore è di nuovo privo di significato perché dogecoin (DOGE), una criptovaluta che è stata letteralmente creata per scherzo, è raddoppiato di prezzo in ottobre.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *