Aggiornamento dello stato dell’asset della riserva Bitcoin: prodotti a rendimento on-chain

Il 2021 ha mostrato che è arrivato il momento dell’adozione istituzionale delle criptovalute. Giocatori di spicco, dalle banche alle grandi società tecnologiche, hanno aperto divisioni crittografiche e molti gestori di fondi tengono le criptovalute nei loro bilanci. Quando le istituzioni hanno aggiunto per la prima volta la criptovaluta ai loro bilanci, hanno guardato al Bitcoin. Lo considerano un’attività di riserva unica. Per rendere più rapida l’adozione istituzionale, dovremmo considerare i modi per aggiornare lo stato di riserva di attività di Bitcoin.

Per capire come possiamo aggiornare lo stato di riserva di Bitcoin, dobbiamo sapere cosa rende una buona risorsa di riserva. Non tutte le attività di riserva sono create uguali. Per identificare le attività di riserva, dobbiamo considerare due proprietà: liquidità e produrre.

Come dovrebbe essere un buon asset di riserva?

Il miglior asset di riserva al mondo è quello con la liquidità più elevata. La liquidità implica che una persona può sempre vendere un bene con scarso effetto sul prezzo. Attualmente, le attività di riserva con la liquidità più elevata sono i Treasury statunitensi. Le istituzioni non scelgono di detenere titoli del Tesoro statunitensi perché il governo li sostiene; tuttavia, commerciano nei mercati più profondi e sofisticati del mondo.

Ogni volta che scegli di vendere un miliardo di titoli del Tesoro USA, puoi essere certo che ci sono abbastanza acquirenti dall’altra parte per assicurarti di non spostare troppo il prezzo. È interessante notare che Bitcoin ha caratteristiche uniche che possono renderlo più liquido dei Treasury statunitensi. Come probabilmente già saprai, i mercati delle criptovalute vengono scambiati 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e sono accessibili in tutto il mondo tramite Internet. In termini di volume di scambi giornalieri, i mercati delle criptovalute raggiungono già circa il 10% del mercato del Tesoro statunitense in alcuni giorni. Tuttavia, a Bitcoin manca la seconda proprietà chiave che riserva la quota degli asset: il rendimento.

Oltre a negoziare in mercati altamente liquidi, il miglior asset di riserva al mondo deve anche produrre un rendimento o un profitto su un investimento. Le attività a rendimento costituiscono la maggior parte dei portafogli di investimento istituzionali perché le istituzioni detengono denaro. I contanti sono buoni perché pagano cose come pensioni o fondi assicurativi. Ancora una volta, qui vincono i Treasury USA. I Treasury statunitensi pagano una piccola percentuale o meno e sono considerati ragionevolmente privi di rischi considerando l’entità della base imponibile statunitense. Quindi, come ha fatto Bitcoin a vincere la corsa agli asset di riserva e ad essere il vincitore? Ha bisogno di produrre un raccolto.

Il rendimento di Bitcoin guiderà l’adozione di Bitcoin

Bitcoin può produrre un rendimento prestando e prendendo in prestito. Allo stesso modo, i dollari USA producono un rendimento se immagazzinati in titoli del Tesoro statunitensi o obbligazioni societarie. Allora, chi è interessato a prendere in prestito Bitcoin? I partecipanti all’economia Bitcoin, ovviamente. I partecipanti all’economia Bitcoin hanno guadagni futuri in Bitcoin, il che significa che possono prendere in prestito Bitcoin per guadagnare più Bitcoin.

Oggi, i principali partecipanti all’economia di Bitcoin sono market maker. I market maker prendono in prestito Bitcoin su larga scala per facilitare il trading di Bitcoin sugli scambi di criptovalute. In teoria, il prestito ai market maker delle criptovalute creerebbe un volano per Bitcoin; rende Bitcoin il rendimento fornendo capitale per migliorare la liquidità di Bitcoin attraverso il market making.

Con la crescita dell’adozione di Bitcoin, guidata dalle sue caratteristiche di sicurezza uniche e dalla liquidità accessibile a livello globale, sempre più partecipanti stanno entrando nell’economia di Bitcoin, ad esempio acquisendo pagamenti in Bitcoin. Le aziende che accettano pagamenti Bitcoin cercheranno credito Bitcoin per facilitare la loro crescita. Allo stesso tempo, l’economia Bitcoin può crescere solo quando i mezzi per il credito Bitcoin sono facilmente accessibili. Abbiamo bisogno di mercati dei capitali Bitcoin liquidi e accessibili per prepararci alla prossima fase di adozione.

I metodi odierni per prestare e prendere in prestito Bitcoin devono ancora raggiungere dimensioni. Fino ad ora, la generazione del rendimento di Bitcoin attraverso il prestito richiedeva la completa custodia del tuo Bitcoin da parte di una terza parte, che avrebbe poi prestato il Bitcoin per te. Senza un quadro normativo stabilito sul prestito di criptovalute, negli ultimi mesi ci sono stati “problemi di corsa agli sportelli” per questi prestatori di criptovalute, che hanno portato a esplosioni epiche in tutto il settore.

Siamo giunti a un bivio: o il prestito Bitcoin deve inserirsi in un quadro progettato per la finanza tradizionale, oppure il prestito Bitcoin deve uscire completamente dalla catena. È chiaro quale di questi percorsi rimane fedele all’ethos di un futuro decentralizzato. Ora è il momento di costruire.

Tycho Onnasch è Direttore Generale di Trust Machines e Co-fondatore di Protocollo Zest, un protocollo istituzionale di prestito Bitcoin. Il protocollo Zest mira ad espandere l’economia Bitcoin creando un mercato dei capitali Bitcoin a catena.

Le opinioni e le opinioni qui espresse sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di Nasdaq, Inc.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *