Con una mossa rara, Elon Musk ha incontrato i dipendenti di Twitter per dare un indirizzo di “libertà di parola” | Elon Musk

Elon Musk ha incontrato giovedì direttamente i dipendenti di Twitter per la prima volta da quando ha raggiunto un accordo per acquisire la società ad aprile, concentrandosi sulla “libertà di parola” in un indirizzo online.

Il miliardario si è trasferito ad acquistare Twitter per 44 miliardi di dollari ad aprile, ma da allora è stato critico nei confronti dell’azienda, minacciando di archiviare l’accordo per le preoccupazioni sui bot o sugli account falsi esistenti sull’app.

“La fiducia è come la fiducia. Tendo ad essere molto letterale in quello che dico… Uno non lo è [need] leggere tra le righe. Si possono solo leggere le righe”, ha detto Musk durante l’incontro, secondo un tweet di Nola Weinstein, responsabile globale delle esperienze e del coinvolgimento del marchio di Twitter. Weinstein ha successivamente cancellato tutti i suoi tweet sull’incontro e non ha risposto a una richiesta di commento dell’Associated Press.

Durante la chiamata, Musk ha spinto per obiettivi elevati per Twitter, dicendo che spera che 1 miliardo di persone in tutto il mondo possa usarlo, secondo il New York Times. Quel numero è quasi quattro volte l’attuale base di utenti.

“Voglio che Twitter contribuisca a una civiltà migliore a lungo termine in cui comprendiamo meglio la natura della realtà”, ha detto, secondo il Times, aggiungendo che sperava che Twitter ci aiutasse “a comprendere meglio la natura dell’universo, poiché quanto più possibile da capire».

Ha anche preso di mira la politica del lavoro da casa di Twitter, una volta chiedendo che la sede dell’azienda fosse trasformata in un “rifugio per senzatetto” perché, ha detto, pochi dipendenti effettivamente lavoravano lì. Il commento è servito anche come un jab sottilmente velato a San Francisco, che ha una grande popolazione di senzatetto.

Musk ha fatto poco per dissipare i timori di licenziamento su Twitter, rifiutandosi di rispondere direttamente alle domande sulla potenziale ristrutturazione e dicendo “in questo momento, i costi superano le entrate, non è una buona situazione”, secondo il Times.

L’uomo d’affari miliardario in precedenza ha suscitato scalpore quando ha detto di voler “verificare tutti” sul servizio. Durante l’incontro, ha chiarito che questo non significa che vuole che tutti su Twitter usino il loro vero nome, come su Facebook, perché gli pseudonimi possono consentire alle persone di esprimere liberamente le proprie opinioni politiche, secondo il New York Times.

L’amministratore delegato di Twitter, Parag Agrawal, ha annunciato lunedì un incontro aperto con i dipendenti in un’e-mail, affermando che sarebbero stati in grado di porre domande a Musk in anticipo, secondo il Wall Street Journal. Una mossa del genere è rara nel caso di un acquisto che non è stato ancora completato, ha affermato Harry Kraemer, ex CEO di Baxter International e professore alla Kellogg School of Management della Northwestern University.

“Secondo la mia esperienza, è molto insolito e quasi insolito per qualcuno che non ha mai acquistato un’azienda parlare con gli attuali dipendenti dell’azienda che vuole acquistare”, ha detto, aggiungendo che l’accordo “non è una garanzia finché non sarà terminato. ”.

Musk negli ultimi mesi ha espresso una raffica di critiche all’azienda, dalle sue politiche di moderazione e sicurezza, che definisce una minaccia alla “libertà di parola”, ai suoi account utente anonimi, che vuole rimuovere, fino al divieto di Donald Trump, che ha promesso di invertire.

“Dovremmo permettere alle persone di dire quello che vogliono”, ha detto nella telefonata di giovedì.

Tali azioni hanno lasciato molti dipendenti diffidenti nei confronti dell’imminente acquisizione del potere del miliardario, con alcuni che hanno posto domande mirate alla riunione di giovedì. “Quando hai assunto la proprietà di questa azienda, intendevi continuare a fare false dichiarazioni sui prodotti e sulle operazioni di Twitter e denigrare pubblicamente i suoi dipendenti?” ha chiesto una persona, secondo il New York Times.

Se la storia è una guida, Musk potrebbe considerare di spostare l’azienda in Texas, proprio come ha fatto con il quartier generale di Tesla a dicembre. Un devoto cripto imperturbabile, ha lanciato idee sull’accettazione della criptovaluta dogecoin come pagamento per account premium. Musk una volta ha anche acquistato Tesla per 1,5 miliardi di dollari in bitcoin e ha permesso brevemente ai consumatori di pagare le loro auto con la criptovaluta.

Non è chiaro se l’incontro di questa settimana significhi che le due parti si sono avvicinate alla risoluzione dei loro problemi. Le azioni di Twitter sono state scambiate al di sotto dei $ 54,20 per azione che Musk ha accettato di pagare tra i dubbi su Wall Street che l’accordo sarebbe andato a buon fine. Le azioni di Twitter sono aumentate dell’1% giovedì dopo la chiamata.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *