Con Twitter in subbuglio, Mastodon è in fiamme



Affari CNN

Nella settimana da quando Elon Musk ha rilevato Twitter, il numero di persone che si iscrivono a un piccolo social network chiamato Mastodon è salito alle stelle.

Potresti non aver sentito parlare di Mastodon, che esiste dal 2016, ma ora sta crescendo rapidamente. Alcuni stanno fuggendo da Twitter per questo o almeno alla ricerca di un secondo posto per pubblicare i loro pensieri online come il social network più noto sta affrontando licenziamenti, cambiamenti di prodotto controversi, un previsto cambiamento nel suo approccio alla moderazione dei contenuti e un salto nella retorica odiosa.

Potrebbe non esserci una chiara alternativa a Twitter, una piattaforma straordinariamente influente che è in rapido movimento, ricca di testo, conversazionale e orientata alle notizie. Ma Mastdon si stava grattando un certo prurito. Il servizio ha un aspetto simile a Twitter, con una sequenza temporale di brevi aggiornamenti ordinati cronologicamente anziché algoritmicamente. Consente agli utenti di unirsi a server diversi gestiti da gruppi e individui diversi, piuttosto che a una piattaforma centrale controllata da un’azienda come Twitter, Instagram o Facebook.

A differenza dei social network più grandi, Mastodon è sia gratuito che privo di pubblicità. È gestito da un’organizzazione no profit gestita dal creatore di Mastodon Eugen Rochko ed è supportato attraverso il crowdfunding.

Rochko ha detto in un’intervista giovedì che Mastodon ha guadagnato 230.000 utenti dal 27 ottobre, quando Musk ha preso il controllo di Twitter. Ora ha 655.000 utenti attivi mensili, ha affermato. Twitter ha riferito a luglio di avere quasi 238 milioni di utenti monetizzabili attivi ogni giorno.

“Non è grande come Twitter, ovviamente, ma è il più grande di questa rete”, ha detto Rochko, che originariamente ha creato Mastodon come progetto piuttosto che come prodotto di consumo (e, sì, il suo nome è ispirato alla band heavy metal Mastodon). .

Le nuove iscrizioni di Mastodon includono diversi utenti Twitter con un ampio seguito, come attori e comici Kathy Griffinche si è unito all’inizio di novembre, ed è giornalista Molly Jong-Fastche si è unito a fine ottobre.

Sarah T. Roberts, professoressa associata all’UCLA e direttrice della facoltà dell’UCLA Center for Critical Internet Inquiry, ha iniziato a usare Mastodon sul serio il 30 ottobre, subito dopo che Musk ha rilevato Twitter. (Ha creato un altro account anni fa, ha detto, ma non ci è entrato davvero fino a poco tempo a causa della popolarità di Twitter tra le persone nel mondo accademico.)

Roberts, che ha lavorato su Twitter come ricercatore del personale all’inizio di quest’anno mentre era in congedo dall’UCLA, ha affermato di essere stato ispirato a iniziare a utilizzare Mastodon a causa delle preoccupazioni su come potrebbe cambiare la moderazione.Contenuti Twitter sotto il controllo di Musk. Sospetta che alcuni nuovi arrivati ​​siano stufi delle società di social media che raccolgono molti dati sugli utenti e sono guidati dalla pubblicità.

E ha sottolineato che gli utenti di Twitter possono passare a Mastodon in particolare perché la sua esperienza utente è abbastanza simile a quella di Twitter. Molte delle funzionalità e del layout di Mastodon (in particolare la sua app per iOS) sembreranno familiari agli utenti Twitter esistenti, anche se con una verbosità leggermente diversa; puoi seguire gli altri, creare post brevi (con un limite di 500 caratteri e puoi caricare foto e video), preferiti o ripubblicare i post di altri utenti e altro ancora.

“Questo è il più vicino possibile”, ha detto.

Uso Twitter dal 2007, ma quando sempre più persone che seguo sul social network hanno iniziato a pubblicare i loro nomi utente Mastodon nelle ultime settimane, mi sono incuriosita. Questa settimana, ho deciso di provare Mastodon di persona.

Ci sono alcune differenze fondamentali, soprattutto nel modo in cui è configurata la rete. Poiché gli account degli utenti Mastodon sono ospitati su server diversi, i costi dell’hosting degli utenti sono distribuiti su molte persone e gruppi diversi. Ma ciò significa anche che gli utenti sono sparsi dappertutto e le persone che conosci possono essere difficili da trovare: Rochko paragona questa configurazione ad avere diversi provider di posta elettronica, come Gmail e Hotmail.

Ciò significa che l’intera rete non è sotto il controllo di nessuna persona o azienda, ma introduce anche alcune nuove complicazioni per quelli di noi che sono abituati a Twitter, un prodotto che è stato anche criticato nel corso degli anni per non essere meno intuitivi di quelli più popolari. servizi come Facebook e Instagram.

In Mastodon, ad esempio, devi unirti a un server specifico per registrarti, alcuni sono aperti a chiunque, altri richiedono un invito (puoi anche eseguire il tuo server). C’è un server gestito dall’organizzazione no profit dietro Mastodon, Mastodon.social, ma non accetta più utenti; Attualmente utilizzo qualcosa chiamato Mstdn.social, che è anche il punto in cui posso accedere per accedere a Mastodon sul Web.

E mentre puoi seguire qualsiasi altro utente Mastodon, indipendentemente dal server a cui è iscritto, vedrai solo elenchi di chi segue i tuoi amici su Mastodon o chi seguono i tuoi amici su Mastodon, se i follower appartengono allo stesso server su cui ti sei registrato (me ne sono reso conto mentre cercavo di rintracciare più persone che conosco che si sono registrate di recente).

All’inizio, mi sembrava di ricominciare da capo, in un certo senso, come un completo nuovo arrivato sui social media. Come ha detto Roberts, è abbastanza simile a Twitter in termini di aspetto e funzionalità e l’app iOS è facile da usare.

Ma a differenza di Twitter, dove interagisco facilmente con un vasto pubblico, la mia rete Mastodon ha meno di 100 follower. Improvvisamente non riesco a capire cosa pubblicare, una sensazione che non provo risentimento su Twitter, forse perché le dimensioni di quella rete rendono qualsiasi post meno importante. Tuttavia, l’ho superato rapidamente e mi sono reso conto che la scala più piccola di Mastodon poteva essere calmante rispetto al flusso infinito di stimolazione di Twitter.

Tuttavia, non sono pronto a chiudere il mio account Twitter; per me, Mastodon è una sorta di via di fuga sui social media nel caso in cui Twitter diventi insopportabile.

Roberts, deve ancora decidere se chiudere il suo account Twitter, ma è rimasto sorpreso dalla rapida crescita del suo seguito di Mastodon. Entro una settimana dalla registrazione e dall’avviso dei suoi quasi 23.000 follower su Twitter, aveva accumulato oltre 1.000 follower su Mastodon.

“Potrebbe presto accadere che le persone non vogliano essere catturate su Twitter”, ha detto.

In un certo senso, ricominciare da capo può anche essere divertente.

“Ho pensato, ‘Come sarà ricominciare da capo?'”, ha chiesto. “È stato piuttosto interessante: Oh quella persona è qui! Ecco così e così! Sono così felice che siano qui così possiamo essere qui insieme”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *