Per amore delle torte

STORIA

Nessuno odia le torte. Questo è un dato di fatto. Almeno, i membri della mia famiglia non osano dire che non amano la torta perché attualmente mia madre è ossessionata dalla cottura delle torte. Lo mangiamo la mattina a colazione e ogni volta che vogliamo uno spuntino, mia mamma si limita a fare un contenitore pieno di quadrati di torta e ne mette uno in bocca con la pala.

Non c’è niente di sbagliato nel mangiare la torta ogni giorno, ma mamma, abbiamo gusti diversi. La torta di mia mamma è quasi una torta al cioccolato con salsa di cioccolato e mandorle e scaglie di cocco sopra (sì, come se decoriamo una ciotola kheer).

Quindi eccomi qui a pensare a tutti i meravigliosi tipi di torte che le persone mangiano in tutto il mondo, ma mentre metto insieme alcune nuove ricette di torte per mia mamma, sono più affascinato dal fatto che ogni torta ha le sue radici nella storia. Più ricca è la torta, più ricca è la sua storia.

La produzione di torte esiste da millenni; infatti, l’invenzione del dolce risale all’antico Egitto come pane tondo, piatto, azzimo cotto su pietra calda. Nel tempo, nel mondo culinario vengono introdotti nuovi ingredienti e tecniche. Appaiono sempre più sapori. Dal cioccolato e vaniglia al velluto rosso, all’arancia, al caramello salato e molti, molti altri gusti divertenti, ai gusti a velo e alle guarnizioni. Ora, impariamo la storia di alcune delle mie torte preferite…

Chiffon cake (Stati Uniti)


Questo arioso pan di spagna è stato inventato nel 1927 da Harry Baker, un venditore di assicurazioni californiano diventato panettiere. Mantenne la ricetta segreta per 20 anni finché non la vendette alla Washburn-Crosby Company, ora General Mills, che la introdusse nel 1948 con un importante blitz di marketing di Betty Crocker, pubblicando una serie di 14 diverse varianti della ricetta.

Lo chiffon è stato pubblicizzato come “la prima torta davvero nuova in cento anni”, grazie al suo “ingrediente segreto”: la ricetta utilizzava olio vegetale invece del grasso convenzionale che rendeva la chiffon cake leggera e soffice come una torta di cibo per angeli, ma ricco e umido. le classiche torte al burro.

Entro la fine degli anni ’50, lo chiffon era diventato una sensazione a livello nazionale. Oltre alla ricetta base, le varianti includono frutta come limoni, arance e ananas, ma anche cioccolato, noci, noci d’acero, zucca e pimento. La chiffon cake rimane popolare anche oggi e negli Stati Uniti il ​​29 marzo viene celebrato come National Lemon Chiffon Cake Day.

Lamington (Australia)

Per amore delle torte

L’icona culinaria australiana di fama mondiale Lamington consiste in un pan di spagna immerso nel cioccolato e cosparso di finissimo cocco essiccato. Si ritiene che la torta sia stata creata per caso quando la cameriera di Lord Lamington ha accidentalmente lasciato cadere la sua torta preferita nel cioccolato fuso.

Lamington, l’ottavo governatore del Queensland, ha suggerito che la torta dovrebbe essere cosparsa di cocco per evitare un pasticcio durante il consumo – e la torta sbagliata è stata dichiarata un clamoroso successo da tutti. Al giorno d’oggi, la torta è molto apprezzata per la sua idoneità al clima, poiché resiste meglio al caldo quando viene tagliata a quadratini e ricoperta di cocco.

È anche un punto fermo degli eventi di raccolta fondi perché può essere facilmente prodotto in grandi quantità. La torta può essere trovata anche in tutta l’Australia e la Nuova Zelanda in molti supermercati, caffè e panetterie.

Basbousa bil tamr (Libia)

Per amore delle torte

Conosciuta anche come torta di semola, la basbousa si rifà ai revani della cucina turca, una torta classica dell’era dell’impero ottomano.

Il revani, infatti, fu sfornato per la prima volta dai pasticceri ottomani per celebrare la conquista dell’Armenia nel XVI secolo. La battaglia di Revan, capitale del paese, ora chiamata Yerevan, ha dato il nome a questo famoso dolce.

Nel corso del tempo, revani iniziò a godere di molte tavole durante il periodo ottomano e il suo nome fu cambiato in revan-i che significa “prezioso” in lingua ottomana.

La torta è fatta con semola, farina normale, cocco essiccato, zucchero, burro, latte, pasta di datteri e lievito in polvere. Dopo averlo cotto, mettetelo a bagno nello sciroppo. Di solito è aromatizzato con cannella. I libici si gustano il loro basbousa bil tamr con crema di qashta e lo abbinano al caffè al cardamomo arabo sul lato.

Torta di velluto rosso (USA)

Per amore delle torte

Questo classico americano è tradizionalmente realizzato per San Valentino e Natale. La torta di velluto rosso è solitamente ricoperta di glassa al burro roux in stile francese, anche se recentemente la glassa al formaggio cremoso e la crema al burro sono state utilizzate come un’alternativa più semplice e gustosa.

Durante la seconda guerra mondiale e la Depressione, questa torta umida ha ottenuto il suo colore vibrante dalle barbabietole bollite, ma da allora è stata adattata al colorante alimentare rosso, per gentile concessione di un’azienda texana chiamata Adams Extract. La torta ottiene la sua consistenza leggera e soffice dalla reazione provocata dalla miscelazione di latticello e aceto oltre a uova, zucchero, burro, bicarbonato di sodio, farina, cacao in polvere e sale.

È interessante notare che, anche se questa torta è un tipico dolce del sud America, un grande magazzino canadese chiamato Eaton’s l’ha promossa come una ricetta esclusiva, ingannando erroneamente molte persone facendole credere che sia stata creata dalla matriarca del negozio, Lady Eaton.

Torta Tres leches (Nicaragua)

Per amore delle torte

La torta Tres leches (tre latte) è un dolce denso e umido costituito da un pan di spagna ricoperto da tre tipi di latte: evaporato, condensato e intero.

Sebbene le sue origini siano alquanto oscure, la maggior parte delle fonti afferma che è stato inventato in Nicaragua, ma la torta è popolare in tutta l’America centrale, negli Stati Uniti e in Europa, dove è un alimento base di molte celebrazioni e festività.

Si ritiene che la ricetta originale sia stata stampata per la prima volta su lattine di latte in America Latina, per promuovere l’uso del prodotto e, di conseguenza, le aziende lattiero-casearie hanno aumentato le vendite di latte.

Baumkuchen (Germania)

Per amore delle torte

La versione tedesca della torta allo spiedo, nota come Baumkuchen (torta dell’albero), è solo una delle tante torte simili che si trovano in tutta Europa. Alcuni dicono che sia stato cotto per la prima volta in una città tedesca chiamata Salzwedel nel 19° secolo, mentre altri dicono che sia un discendente della torta nuziale ungherese.

La pastella – solitamente composta da farina, uova, zucchero, vaniglia, sale e burro – viene spalmata sottilmente su uno spiedo che ruota attorno ad una fonte di calore. Prima di applicare ogni nuovo strato, il precedente deve essere completamente asciutto. Una volta affettata, la torta ha una bella consistenza e un aspetto che ricorda gli anelli di crescita, da cui il nome baumkuchen o torta dell’albero.

Brownies (Stati Uniti)

Per amore delle torte

Deliziosamente gommosi, densi e fondenti con un ricco sapore di cioccolato, gli amati brownies sono uno dei dessert americani più popolari. Alcuni dicono che Bertha Palmer, moglie del proprietario del Palmer House Hotel, abbia chiesto allo chef di inventare un nuovo dolce al cioccolato da servire all’Esposizione Colombiana del 1893.

Altri dicono che è stato un incidente, quando Brownie Schrumpf, un bibliotecario, ha separato il lievito da una torta al cioccolato e gli è rimasta una spessa tavoletta nera. Qualunque sia l’origine, ciò che ha davvero reso popolari i brownies sono stati i mix istantanei in scatola degli anni ’50 realizzati da due marchi: Duncan Hines e Betty Crocker.

Oggi ci sono un certo numero di varietà di brownie con l’aggiunta di noci, noci pecan, gocce di cioccolato o persino peperoncino in polvere. Portatili, facili da preparare e soddisfacenti, si dice che i brownies siano i migliori se abbinati a un bicchiere di latte freddo.

Cheesecake alla New York (USA)

Per amore delle torte

La cheesecake in stile newyorkese ha una consistenza pesante e densa che si sente molto liscia e ricca. Il suo sapore dovrebbe essere dolce e piccante, non agrumato, gommoso o amido. Si ritiene che la prima cheesecake in stile newyorkese sia stata preparata da Junior’s negli anni ’50.

La formula magica include panna, uova, vaniglia, crema di formaggio e panna acida (opzionale), mentre la base di solito consiste in una crosta di pan di spagna o una crosta di cracker graham.

Compilato da SG

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *