Il Twitter di Amber Heard scompare dopo l’acquisizione da 44 miliardi di dollari da parte dell’ex Elon Musk

L’acquisizione multimiliardaria di Twitter da parte di Elon Musk ha sconvolto anche le più grandi celebrità mentre le revisioni continuano ad arrivare.

L’account di Amber Heard è scomparso pochi giorni dopo che il suo ex ha acquistato la piattaforma per $ 44 miliardi, poiché giovedì non è stato possibile trovare il suo handle @realAmberHeard.

Mentre alcuni cani da guardia dei social media sospettava che potesse aver voluto una pausa dall’interminabile contraccolpo seguito alla sua situazione di stallo in tribunale pubblico contro il suo ex marito Johnny Depp, altri si sono chiesti se avesse qualcosa a che fare con Musk.

La coppia è uscita nel 2016, ha tenuto nascosta la loro storia d’amore per un anno prima di diventare pubblica e si è separata nel 2018.

I due si sono incontrati per la prima volta sul set di “Machete Kills” nel 2013, in cui Heard ha recitato e Musk ha fatto solo un cameo. A quel tempo Musk era con la sua allora moglie Talulah Riley, e Heard era con l’allora marito Depp.

L’account di Heard è apparentemente scomparso questa settimana dopo l’assunzione di Musk.
Amber Heard e Elon Musk
La coppia ha iniziato a frequentarsi nel 2016.
Instagram

Non è stato fino al 2016 che Musk ha iniziato a frequentare Heard, ma il ritrovato amore non è arrivato senza turbolenze. Nel 2017, si sono lasciati per la prima volta – che Musk ha affermato essere “amichevole” – poi sono tornati insieme, quindi si sono lasciati di nuovo per sempre.

Ma la rottura non ha impedito a Musk di apparire nella vita di Heard o nelle conversazioni. Nel processo per diffamazione tra Heard e Depp, l’attore di “Pirati dei Caraibi” ha accusato la sua ex di aver tradito Musk prima che il loro divorzio fosse finalizzato.

Sebbene il CEO di Tesla abbia negato le affermazioni, ha valutato il test, dicendo che erano entrambi “incredibile” quando erano “al loro meglio”.

Ma ora che l’account Twitter di Heard è misteriosamente scomparso, gli speculatori si chiedono se la relazione apparentemente cordiale si sia inasprita, anche se non è chiaro. I rappresentanti dell’attrice “Aquaman” e Musk non hanno risposto alle richieste di commento del Post.

Nel frattempo, l’acquisizione di Musk sui social media non è stata altro che caos, poiché più star hanno lasciato la piattaforma dopo che il nuovo proprietario dell’app ha chiesto $ 8 per mantenere i segni di spunta blu.

All’inizio di questa settimana, Musk ha risposto ai critici che lo hanno fischiato per aver addebitato una tariffa mensile per lo stato verificato, ma il magnate della tecnologia non si muoverà sulla sua decisione, che è di $ 12 in meno rispetto al suo piano di abbonamento originale.

Elon Musk
Musk ha già arruffato le piume degli A-listers volendo addebitare conti verificati.
Twitter / @NoemiKhachian

“Per tutti coloro che si lamentano, continuate a lamentarvi, ma sono $ 8,” disse scherzando sulla piattaforma.

Martedì, ha rivelato la sua ispirazione dietro l’accusa per il simbolo verificato, dicendo che l’attuale processo di verifica è “bulls-t”.

Twitter di William Shatner
William Shatner ha detto che si rifiuterebbe di pagare un assegno blu.

“L’attuale sistema dei signori e degli agricoltori di Twitter per chi ha o non ha un segno di spunta blu è un bull-t”, ha twittato Musk. “Potere alle persone! Blu per $ 8 al mese.”

La sua proclamazione e l’improvvisa rivolta di Twitter che tutti conoscono e amano ha arruffato alcune piume tra gli utenti verificati, scatenando un esodo di massa di stelle come la creatrice di “Grey’s Anatomy” Shonda Rhimes e l’attore Rob Reiner.

“Non gironzolare per i piani di Elon. Ciao,” Rhimes twittato la settimana scorsa.

“[Pay] $ 20 al mese per mantenere il mio assegno blu? Fanculo, dovrebbero pagarmi. Se ciò sarà stabilito, sarò andato come Enron”, ha affermato l’acclamato autore Stephen King twittato questa domenica.

“Musk mi fa pensare a Tom Sawyer, a cui viene assegnato il compito di imbiancare una recinzione come punizione. Tom convince i suoi amici a fare le faccende per lui e a pagarli per il privilegio. Questo è ciò che Musk vuole fare su Twitter. No, no, no”, scrisse in seguito King in un follow-up twittare.

Nel frattempo, altre star si stanno preparando per una guerra online, sfidando le alte idee di Musk e le “teorie del complotto pazzesco”.

“Poche ore dopo aver preso il controllo di questa piattaforma, il suo proprietario ha diffuso teorie cospirative folli sul tentato omicidio del presidente Pelosi. Ora non è il momento di andarsene. Ora è il momento di combattere per la nostra Democrazia. Vota blu. Tieni il Congresso. Poi esplorare le opzioni”, Reiner twittato.

“Storie meravigliose scritte con questo servizio da $ 8/mese. Da una quota annuale proposta di $ 99 all’anno quando 8 × 12 = $ 96 a che dire dei vantaggi di Twitter Blue ora con gli avatar NFT? Dov’è finito? Inoltre come si dà a [blue check mark] e poi mi dici di pagarti? Sono in periodo di prova per 13 anni?” giovedì ha criticato l’attore William Shatner.

La drammatica revisione dell’app da parte di Musk ha persino indotto le agenzie pubblicitarie a “mettere in pausa” la pubblicazione degli annunci sull’app, poiché il CEO di Tesla propone modifiche radicali alla piattaforma. I cambiamenti sono così drastici e urgenti che Musk, in qualità di CEO ad interim, sta spingendo i suoi dipendenti a lavorare 24 ore su 24.

Stephen King
Stephen King è intervenuto, chiamando l’addebito di $ 8.
AFP tramite Getty Images

Mercoledì sull’app è stata pubblicata una foto del direttore della gestione dei prodotti di Twitter, Esther Crawford, che mostra Crawford che dorme in un sacco a pelo sul pavimento dell’ufficio. Il post segue la notizia che Musk avrebbe tagliato il personale a metà e licenziato i massimi dirigenti.

Twitter
King non perse tempo a criticare il piano di Musk.

“Quando hai bisogno di qualcosa dal tuo capo su elon twitter”, il twittare letto, accompagnato dallo snap, pubblicato da Evan Jones, product manager di Twitter Spaces.

“Quando il tuo team spinge tutto il giorno per rispettare le scadenze, a volte #SleepWhereYouWork”, Crawford rispondere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *