Ecco come Elon Musk può fermare le incursioni razziste su Twitter

In questa illustrazione fotografica, l’immagine di Elon Musk viene visualizzata sullo schermo di un computer e il logo di Twitter su un telefono cellulare ad Ankara, in Turchia, il 06 ottobre 2022.

Muhammed Selim Korkutata | Agenzia Anadolu | Getty Images

Quando il CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk, ha rilevato Twitter, si è presentato al quartier generale il 18 ottobre. Il 27 del 2022 troll e bigotti online hanno attaccato il social network, inquinandolo con un diluvio di epiteti razzisti e altre parole odiose.

Ma un nuovo studio del Network Contagion Research Institute (NCRI) e Rutgers senza scopo di lucro ha scoperto che il team di sicurezza di Twitter ha risposto meglio a quel “raid” rispetto a un evento simile nell’aprile 2022.

Secondo Adam Sohn, CEO dell’NCRI, un raid avviene quando i cattivi attori online si impegnano in attività coordinate per cercare di interrompere le piattaforme dei social media, spesso per danneggiare persone emarginate o obiettivi specifici.

GamerGate è forse l’attacco più famigerato e si è verificato nel 2014 quando i troll di 4Chan che facevano parte della comunità di videogiochi hanno inoltrato attacchi misogini contro le donne del settore. Hanno preso di mira specificamente una donna e un critico che ha parlato dei tropi sessisti nei giochi. La loro campagna è stata condotta su numerose piattaforme social, tra cui Twitter e Reddit, e prevedeva minacce di stupro e morte nel mondo reale e una minaccia di bomba che prendeva di mira il critico.

È anche noto l’uso di tattiche di raid della comunità online guidate dalla cospirazione.

Alcune persone si impegnano nelle cosiddette attività “false” sui social network solo per vedere se riescono a farla franca. (“per i lulz”).

L’analista dell’NCRI Alex Goldenberg ha affermato che mentre l’azione di Twitter in risposta all’incitamento all’odio della scorsa settimana è stata efficace, la società avrebbe potuto prevederlo e prevenirlo.

Ore prima del diluvio di incitamenti all’odio, ha detto: “Abbiamo stabilito che questa particolare campagna di troll online è guidata da un’attività coordinata e non autentica specificamente originata da 4Chan. Lì, abbiamo assistito all’aumento delle menzioni di n-slur insieme alle menzioni di Twitter .”

L’NCRI utilizza sofisticati software e sistemi di apprendimento automatico per monitorare grandi quantità di contenuti dei social network e per tenere traccia dell’odio e delle minacce crescenti contro i gruppi emarginati online, inclusi neri, ebrei, indù e musulmani.

Rende disponibili strumenti di ricerca e pubblica rapporti, raccomandazioni di sicurezza e avvertenze, a volte consegnandoli direttamente ai social network, su dove le minacce sono in aumento e dove è probabile che fluiscano nel mondo fisico. Secondo Sohn, la speranza del CNRI è quella di utilizzare queste informazioni per prevenire danni reali causati da quegli sforzi online.

L’NCRI in precedenza aveva previsto un aumento della violenza contro gli asiatici americani con l’evolversi della pandemia di Covid e ha identificato un’imminente minaccia da parte di un gruppo antigovernativo (i Boogaloo Boys) contro il personale delle forze dell’ordine. Hanno anche messo in guardia sull’aumento di comunità che incoraggiano l’autolesionismo, principalmente il taglio, su Twitter.

Cosa ha trovato il CNRI questa volta?

Il CNRI ha scoperto che nelle 12 ore successive all’arrivo di Musk al quartier generale di Twitter, l’uso dell’epiteto anti-nero (la parola n) sul social network è aumentato di quasi il 500% rispetto alla media precedente. CNRI ha pubblicato questo rapido studio la mattina successiva quando l’accordo di Musk si è concluso ufficialmente.

Per il nuovo studio, l’NCRI ha rivisitato i dati storici. La società ha scoperto che quando Musk ha rivelato per la prima volta di aver accettato di acquistare Twitter per $ 54,20 per azione, nell’aprile 2022, si è verificato un attacco simile.

Confrontando i due eventi, l’NCRI ha scoperto che Twitter ha fatto un lavoro migliore nel fermare l’attacco questa volta.

“Mentre quasi la metà degli account che di recente hanno diffuso n-slur sono stati sospesi, meno del 10% degli account è stato sospeso nel raid precedente, suggerendo che questo è un problema storico prima dell’acquisto con una storia di applicazione incoerente”.

Nonostante la forte risposta di Twitter all’incitamento all’odio, alcuni danni sono già stati fatti.

Alcuni inserzionisti hanno sospeso la spesa su Twitter per ora fino a quando non avranno una migliore indicazione di come Musk manterrà la sua promessa di mantenerlo “caldo e accogliente” e impedire che diventi un “paesaggio infernale libero per tutti”.

Tra coloro che hanno lasciato Twitter finora ci sono Shonda Rhimes, creatrice di “Grey’s Anatomy”, “Bridgerton” e altri programmi TV di successo, la cantante e autrice vincitrice di Grammy Sarah Bareilles e l’attore e produttore di “This Is Us” Ken. Olin.

Altri stanno aspettando di vedere dove Musk e i suoi team prenderanno il prodotto, ma hanno minacciato che potrebbero andarsene a seconda dei risultati.

L’icona del basket LeBron James ha espresso la sua preoccupazione per l’aumento dei tweet razzisti e Musk gli ha risposto su Twitter con un collegamento a un thread dell’attuale responsabile della sicurezza del social network, Yoel Roth. Il dirigente di Twitter di lunga data ha affermato che i loro team hanno adottato misure per sradicare gli account responsabili della maggior parte degli attacchi.

La revisione dell’NCRI conferma che le misure adottate da Roth e dal team di sicurezza erano efficaci.

In futuro, l’NCRI vorrebbe vedere un maggiore utilizzo del “rilevamento automatico delle anomalie”, la tecnologia comunemente utilizzata nella sicurezza informatica per monitorare le prestazioni della rete o per rilevare quando qualcuno potrebbe tentare di hackerare i sistemi di un’azienda. top analista di intelligence. .

Il rilevamento delle anomalie applicato ai social media consentirà a Twitter di intraprendere azioni preventive non appena viene rilevato un raid pianificato.

Goldenberg e Sohn hanno confrontato questa tecnologia con un rilevatore di fumo o un rilevatore di monossido di carbonio per problemi sociali che vengono eseguiti online.

Mentre Musk si autodefinisce un assolutista della libertà di parola, i suoi precedenti nella difesa dei diritti degli altri sono contrastanti. Più recentemente, ha riconosciuto la necessità di bilanciare gli ideali della libertà di parola con la fiducia e la sicurezza su Twitter.

Una cosa che non promette di fare pubblicamente è prendersi cura dei propri tweet.

Musk ha una storia di pubblicazione di teorie cospirative, commenti e battute infondate che sono ampiamente interpretate come sessiste, anti-LGBTQ, razziste o antisemite. In modo memorabile, ha pubblicato i meme di Hitler sul suo account Twitter ampiamente seguito.

Subito dopo aver rilevato Twitter, Musk ha condiviso una teoria del complotto anti-LGBTQ infondata su un’invasione domestica e un attacco a Paul Pelosi, marito dell’oratrice della Camera Nancy Pelosi. Musk in seguito ha cancellato il tweet senza spiegazioni.

Attualmente vanta 113,7 milioni di follower elencati sulla piattaforma, un numero in rapida crescita.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *