Il nuovo birrificio di Pizza Plant Canalside è arrivato da molto tempo

Bob Syracuse predilige il Manhattan – Sazerac rye, Antica vermouth, orange bitter – come bevanda alcolica preferita.

Suo fratello Dan preferisce una buona birra.

I fratelli hanno fondato Pizza Plant Italian Pub 42 anni fa e sono diventati famosi per le cialde di pizza e un mix rotante di birre artigianali prodotte in tutto il mondo.

Hanno parlato per tutti e quattro i decenni dell’apertura del loro birrificio, ma il momento più vicino è stato a metà degli anni ’90, quando hanno creato un marchio della casa realizzato da un produttore di birra a contratto mentre si trovavano nella loro sede del Walker Center, a Williamsville.

Ciò è cambiato il mese scorso, quando i fratelli hanno aperto Pod City Beer Labs in un angolo del loro pub nell’hotel Courtyard by Marriott a Canalside.

Dan desiderava qualcosa del genere da molto tempo e ci mette un po’ più sulla mappa”, ha affermato Bob Syracuse. Ovviamente è un fanatico della birra più grande di me”.

Anche le persone stanno leggendo…

Il loro birraio, Evan Flury, ha pubblicato la prima di tre ricette, Patsy’s Pils, a metà ottobre.

La seconda, Inferno Pod Ale, parente stretto della ricetta della casa che i ragazzi di Siracusa preparavano quasi tre decenni fa, ha iniziato a scorrere pochi giorni dopo.

Il terzo, Lupulino Hazy IPA, è stato sfruttato martedì







I rubinetti decorativi Pod City Beer Labs si uniscono alla collezione di rubinetti di altri marchi presso Pizza Plant Canalside.


Libby marzo



Il progetto ha snocciolato gli anni per Bob e Dan Syracuse, rispettivamente di 71 e 67 anni, che hanno aperto il loro ristorante e bar Pizza Plant nel 1980 nel Clarence Mall.

Il birrificio ha impiegato diversi anni di pianificazione, stesura e sviluppo prima che i marchi interni iniziassero a riunirsi nel birrificio Pod City.

I problemi della catena di approvvigionamento hanno un impatto. Matt Redpath, che ha fondato il birrificio, ha iniziato a produrre birra perché stava già lavorando alla Wandering Gypsy Brewing Company a Ransomville e sperava di aprire un birrificio con sua moglie, Kaitlyn, nel West Side di Buffalo.

Ha chiesto a Flury – un membro del consiglio della Western New York Brewers Guild ed ex capo birraio del Sato Brewpub, che ha chiuso la scorsa estate a quattro isolati da Canalside – se avrebbe accettato il lavoro.

“È un gioco di equilibrio”, ha affermato Flury, che si consulta con Spotted Octopus Brewing Company e a dicembre si diplomerà al Niagara Brewing College di Niagara-on-the-Lake, Ontario.

I fratelli Syracuse coltivavano una clientela regolare con un mix eclettico di antipasti e antipasti e birre alla spina, in lattina e in bottiglia provenienti da birrifici artigianali residenti e remoti che, all’inizio, erano difficili da trovare altrove nella regione Buffalo-Niagara.

“Potrebbero essere Fosters, Carlsberg, Guinness, Harp – per me, quelle sono state alcune delle prime birre che ho bevuto che alla fine hanno avuto un buon sapore”, ha detto Bob Syracuse.

“Labatt’s Velvet Cream Porter”, aggiunse suo fratello con un sorriso. “È meraviglioso.”







Inferno Pod Ale West Coast IPA di Pod City Beer Lab

Il produttore di birra Pod City Brew Labs Evan Flury fa brillare il suo telefono sotto un tubo di sifone per rivelare il colore e la carbonatazione della prima barra di Inferno Pod Ale West Coast IPA presso Pizza Plant Canalside. Ad un certo punto, la birra verrà offerta anche in lattina.


Libby marzo



Le birre di Pizza Plant sono nate fuori Buffalo fino a dopo il 2000, quando la Flying Bison Brewing Company ha aperto in città e ha iniziato a vendere Rusty Chain e altre birre nelle sale di degustazione locali. Una dozzina di anni dopo iniziò una rinascita del birrificio artigianale regionale con l’apertura della Community Beer Works nel West Side.

Nell’autunno del 2014, i fratelli Syracuse hanno chiuso la sede di Williamsville e hanno trasferito l’intera operazione a Transit Road vicino a Sheridan Drive ad Amherst. Hanno aperto un secondo pub all’inizio del 2016 a Canalside mentre il distretto cittadino continua ad affermarsi come destinazione sul lungomare per residenti e visitatori.

I fratelli hanno parlato di aprire una piccola attività di produzione di birra quando il boom della birra è decollato, ma invece hanno continuato sulla strada che li aveva portati al successo.

Sono diventati un pilastro in un numero crescente di festival della birra regionali ed eventi speciali, offrendo baccelli e altre prelibatezze sia ai bevitori di birra stagionati che ai partecipanti curiosi di artigianato.

Dan Syracuse è stato anche giudice dell’annuale New York State Craft Beer Competition, un evento di sei anni che è diventato il più grande del suo genere nel paese.

I fratelli hanno costruito la più grande rete di birra delle loro carriere nei ristoranti quando la pandemia di Covid-19 ha colpito nel 2020. Gli affari erano a un punto morto e la realtà era che la finestra si stava chiudendo per il sogno di lunga data.

“Siamo stati chiusi abbastanza presto durante la pandemia e abbiamo pensato che avrebbe aiutato in qualche modo la rinascita in centro”, ha detto Dan Syracuse. “L’aggiunta di un birrificio a un posto che ha già del buon cibo ci trasforma in un birrificio con del buon cibo, che è stata la cosa più difficile da trovare quando viaggio”.

“Se non ti piace la nostra birra, probabilmente sarebbe impossibile, giusto? – si spera che tu abbia qualcosa… ”, dice Bob, “e sarà uno stile bellissimo, che ti toglie i calzini”.







Inferno Pod Ale Costa occidentale IPA

Il birraio Evan Flury, a sinistra, e il co-proprietario di Pod City Beer Labs Dan Syracuse si godono il primo lotto di Inferno Pod Ale West Coast IPA al Pizza Plant Canalside.


Libby marzo



Il bollitore del birrificio può preparare fino a tre barili di birra alla volta. I tre serbatoi di fermentazione a sette barili possono contenere un doppio lotto, se necessario. È una piccola operazione, ma ha una capacità sufficiente per preparare e contenere quasi 4.500 pinte alla volta.

Per cominciare, le birre finite vengono versate in fusti disponibili presso il sito di Canalside. Dan Syracuse ha creato prototipi di lattine per i primi tre lotti che saranno messi a disposizione degli avventori da bere a casa o da portare a casa, su richiesta.

Come quasi tutti i produttori di birra, saranno entusiasti se una delle loro birre farà un tuffo nella regione e oltre.

“Senza dubbio, metà delle birre sarà un IPA”, afferma Dan, che da decenni segue da vicino le vendite di birra e le tendenze del settore di Pizza Plant. “Potremmo fare una sorta di fruttato amaro, ma non troppo pazzo, perché è quello che la gente vuole. Il nostro obiettivo qui è ovviamente quello di fornire ai rubinetti cose che le persone compreranno. Comprano IPA. Hanno raggiunto gli IPA del New England come un matto e, per fortuna, pilsner e lager hanno riguadagnato una buona popolarità, grazie a Dio, ma io amo gli IPA. Migro sempre verso di loro ogni volta che esco”.

“Ma dobbiamo sperimentare”, dice suo fratello, che, nonostante la sua predilezione per gli alcolici, di solito beve una birra a cena e si diverte ad assaggiare il brodo che cambia regolarmente nelle due sale di degustazione.

I fratelli, che da tempo supportano i programmi di ospitalità nei college regionali, hanno avuto un assaggio della nuova Inferno Pod Ale il pomeriggio in cui ha iniziato a fluire.

“È fantastico”, ha detto Dan Syracuse.

Dopo quasi due anni difficili nel loro commercio di 42 anni, gli affari sono migliorati negli ultimi mesi. I fratelli sono entusiasti della nuova opportunità di creare ricette con Flury.

“Questo posto”, dice Bob Syracuse, “è stato un lavoro d’amore sin dall’inizio”.







Inferno Pod Ale West Coast IPA Pizza Plant Pod City Beer Labs

Dan Syracuse, co-proprietario di Pod City Beer Labs, versa un bicchiere del primo lotto di Inferno Pod Ale West Coast IPA.


Libby marzo



Pillole di Patsy: Chiamata in onore dei nonni dei proprietari Bob e Dan Syracuse, questa pilsner ceca dorata è prodotta con pilsner a quattro malti e luppoli Sladek, Kazbek e Saaz, che le conferiscono un profumo floreale e un morbido sapore di agrumi, che con sentori di limone.

Inferno Pod Ale: Prodotta con luppoli Columbus, Tomahawk e Zeus (CTZ) e Cascade, questa India Pale Ale ambrata in stile West Coast racchiude un sapore umido e di pino, con note di arancia e pompelmo. L’alcol in volume è intorno al 6,66%, affermano i suoi produttori.

Lupulino Hazy IPA: Il nome deriva da “lupula”, la parola spagnola per luppolo, anche se Dan Syracuse gli ha dato un tocco italiano. Questa birra non filtrata è prodotta con luppoli Eclipse, Citra, Mosaic e Riwaka per un sapore di frutta tropicale extra maturo.

Costo: Le birre standard Pod City costeranno $ 6,98, o $ 4,67 per getto con una Draft Card da $ 70 valida per 15 bozze.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *