I dipendenti di Twitter protestano contro il piano dei vigili del fuoco di Elon Musk

eI dipendenti su Twitter stanno facendo circolare una lettera aperta per protestare contro il piano di Elon Musk di licenziare fino al 75% della forza lavoro dell’azienda, come scadenza per completare la sua acquisizione da 44 miliardi di dollari dell’azienda, la TIME.

Musk deve completare l’acquisizione entro venerdì o affrontare la continuazione di una causa in un tribunale del Delaware.

Elon Musk ha detto ai potenziali finanziatori della sua acquisizione di Twitter che aveva in programma di sostituire o eliminare i posti di lavoro di quasi il 75% del personale di Twitter, riducendo il numero da 7.500 a soli 2.000, secondo quanto riportato dal Washington Post la scorsa settimana. Musk ha precedentemente affermato che la società di social media è gonfia, e lo è disse la sua forza lavoro ha un “forte pregiudizio di sinistra”.

Leggi di più: Indipendentemente dal fatto che acquisti o meno Twitter, Elon Musk getta l’azienda nel caos

TIME ha esaminato una bozza della lettera aperta che circola lunedì tra i dipendenti di Twitter. “Il piano di Elon Musk di licenziare il 75% della forza lavoro di Twitter danneggerà la capacità di Twitter di servire la conversazione pubblica”, afferma una bozza della lettera, che non è stata ancora pubblicata. “Una minaccia di questa portata è sconsiderata, mina la fiducia dei nostri utenti e clienti nella nostra piattaforma ed è un chiaro atto di intimidazione dei lavoratori”.

La lettera richiede che Musk si impegni a mantenere l’attuale organico di Twitter se la sua acquisizione dell’azienda andrà a buon fine. Richiede inoltre che non discrimini i dipendenti in base alle loro convinzioni politiche e che si impegni a politiche di licenziamento “eque” e una maggiore comunicazione sulle condizioni di lavoro. “Chiediamo di essere trattati con dignità e non trattati come semplici pedine in un gioco giocato da miliardari”, diceva l’elenco delle richieste.

Non era chiaro quanti dipendenti di Twitter avessero firmato la lettera al momento della pubblicazione. “Le firme non saranno rese pubbliche a meno che non abbiamo massa critica”, si legge in una nota inviata ai potenziali firmatari.

Il testo integrale della lettera aperta

Altre storie da leggere da TIME


Scrivere a Billy Perrigo a billy.perrigo@time.com.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *