Per Elon Musk, Twitter è una tale assurdità che fa perdere tempo che non sa cosa farne |  Nils Pratley

Per Elon Musk, Twitter è una tale assurdità che fa perdere tempo che non sa cosa farne | Nils Pratley

elon Musk possiede Twitter da meno di una settimana ed è chiaro che l’uomo più ricco del mondo non ha una solida idea di cosa vuole fare con la sua follia da 44 miliardi di dollari. La cosa facile è stata licenziare diversi alti dirigenti, incluso l’amministratore delegato e il responsabile della moderazione dei contenuti. Il resto è un pasticcio.

Musk combina luoghi comuni (Twitter dovrebbe essere “caldo e accogliente con tutti”) con pensieri ironici sulle rivoluzioni future. Dividere il sito in fili per consentire agli adulti consenzienti di indulgere in battibecchi? Addebitare agli utenti $ 20 al mese per avere un account “spunta blu” verificato? Riportare Vine, un’app di condivisione video chiusa da Twitter nel 2016? Tutti sono stati presentati come possibilità, ma non c’è ancora una regola. È tutto un esercizio di ricerca dell’attenzione piuttosto che una strategia.

Tuttavia, Musk ha mostrato una nascente consapevolezza che gridare all’assolutismo della libertà di parola dalle ali è più facile che sviluppare politiche praticabili dall’interno. Da qui l’annuncio di un “consiglio di moderazione dei contenuti”, che sembra placare gli inserzionisti. Tuttavia, non ci sono dettagli su come funzionerebbe tale consiglio o su come verrebbero nominati i suoi membri. Avrà, ad esempio, il potere di bandire lo stesso boss per aver ritwittato teorie del complotto infondate su Paul Pelosi?

Si potrebbe presumere che un approccio a ruota libera sia il modo in cui Musk rotola. Prende barchini, gobbi alla schiena e non ha paura di cambiare idea. Ma gli azionisti di Tesla – una società molto più grande e importante – dovrebbero guardare con orrore a questa inutile impresa.

Nel bene e nel male (e quasi sicuramente quest’ultimo), Musk incarnerà il marchio Twitter, proprio come fa Tesla, e ci saranno effetti di spillover. È anche ossessionato da un hobby che richiede tempo e politicamente carico che non sa come gestire. Non ci sono vantaggi per gli azionisti della compagnia automobilistica.

La posta in gioco è alta per Royal Mail

Il governo è rilassato riguardo a Daniel Křetínský, la “Sfinge ceca”, portando la sua partecipazione nel proprietario della Royal Mail a oltre il 25%. È quanto si è scoperto nell’esame ai sensi del National Security and Investment Act ordinato da Kwasi Kwarteng nei lontani giorni (in realtà appena due mesi fa) quando era segretario agli affari.

Sebbene un pollice in su per il 25% non significhi che i ministri autorizzeranno automaticamente un’acquisizione completa, al momento non ci sono ostacoli sul percorso di Křetínský. La prossima tappa – a meno di un’offerta obbligatoria – sarà il 29,9%. Le azioni di IDS sono aumentate del 4%.

Křetínský, tuttavia, sarebbe certamente sciocco tentare un’offerta opportunistica nel clima attuale. Royal Mail è al centro di una disputa con il Sindacato dei lavoratori delle comunicazioni su retribuzione e condizioni e diversi giorni di colloqui con Acas, il servizio di conciliazione, hanno solo sottolineato il divario tra le due parti.

Lunedì, una nuova offerta di stipendio biennale della Royal Mail del 7%, condizionata alle accuse sulle pratiche di lavoro, è stata criticata dal sindacato come una “derisione” e una “dichiarazione di guerra al tuo postino”. Un’offerta pubblica di acquisto a questo punto renderebbe difficile la risoluzione. Křetínský non si è guadagnato il soprannome cercando le luci della ribalta.

Ma è la figura da tenere d’occhio in questa leggenda. Si presume che stia già tenendo i piedi della direzione nell’applicare la regola “nessuna sovvenzione incrociata” tra GLS, la redditizia operazione internazionale di pacchi che opera ad Amsterdam, e il defunto servizio postale del Regno Unito. Ed è anche ragionevole presumere che il principale azionista sia entusiasta di una rottura completa, in altre parole, la separazione completa che il consiglio di IDS ha promesso e minacciato.

Dato che la posizione di Royal Mail come società autonoma non sarà forte, in breve, l’attuale riluttanza del governo britannico a intervenire nella proprietà è un evento potenzialmente significativo. Křetínský sarà felice, ma un accordo sulla retribuzione e la modernizzazione è ancora lontano.

Diamanti allo stato grezzo?

I prezzi del gas in Europa sono diminuiti nel breve termine in un clima mite, ma rimangono elevati l’anno prossimo. Questa combinazione è quasi perfetta per chiunque disponga di un grande impianto di stoccaggio del gas: riempilo ora e assicurati i vantaggi per la consegna futura.

Il tempismo di Centrica per la riapertura della sua struttura offshore Rough è eccellente, per dirla semplicemente. Gli analisti di Investec stimano che l’attuale tasso giornaliero di iniezione di forniture nel Rough potrebbe valere 5 milioni di sterline al giorno. Tuttavia, il peccato è che il progetto riaperto funzionerà solo al 20% della sua capacità precedente questo inverno. Con più lungimiranza alcuni anni fa, Rough avrebbe potuto essere una cosa enorme oggi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *